Il caso Voronchikhin e a. a Simferopol

Casi di successo

Nel novembre 2022 si sono svolte perquisizioni di massa di fedeli nel distretto di Simferopol in Crimea, a seguito delle quali è stato avviato un procedimento penale. Aleksandr Voronchikhin è stato interrogato e ha firmato un accordo di riconoscimento. Il Comitato investigativo lo ha accusato di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista, definendo il culto pacifico un crimine. Nell’agosto 2023 sono state effettuate nuove perquisizioni ad Armyansk, Simferopol e Saki, anche a casa del genero di Voronchikhin, Dmitriy Zakharevich. Lui, così come Aleksandr Kopylets, Yekaterina Demidova e diversi altri testimoni di Geova divennero sospettati del caso. In seguito, il caso contro i quattro credenti è stato separato in procedimenti separati. Zakharevich e Kopylets hanno trascorso più di 8 mesi agli arresti domiciliari, dopodiché sono stati rilasciati con un accordo di riconoscimento. Nel 2023 il caso è andato in tribunale, ma è stato restituito al pubblico ministero.

  • #
    17 novembre 2022 Caso avviato

    L'investigatore del Comitato Investigativo della Federazione Russa V.A. Novikov avvia un procedimento penale contro diversi testimoni di Geova della Crimea. Secondo l'indagine, essi commisero "azioni attive di natura organizzativa, espresse nell'organizzazione di adunanze di propaganda, durante le quali si discuteva dei testi e delle disposizioni religiose dei testimoni di Geova".

  • #
    8 dicembre 2022
  • #
    11 gennaio 2023 Ricerca

    Aleksandr Voronchikhin e Dmitriy Zakharevich hanno presentato ricorso contro la decisione del tribunale di consentire una perquisizione della loro casa.

  • #
    15 maggio 2023

    Il caso contro Victor Mani viene separato in un procedimento separato, e in seguito compaiono nuovi imputati.

  • #
    14 agosto 2023 Ricerca Accordo di riconoscimento Arresti domiciliari Caso avviato Procedimenti giudiziari nei confronti di diversi membri della famiglia Interrogatorio

    In tre città della Crimea – Armyansk, Simferopol e Saki – sono in corso perquisizioni in 9 case di fedeli.

    L'investigatore Novikov coinvolge Dmitry Zakharevich e Alexander Kopylets come imputati nel procedimento penale.

  • #
    16 agosto 2023 Arresti domiciliari Ricerca Interrogatorio

    Zakharevich e Kopylets sono stati posti agli arresti domiciliari.

    Diversi altri testimoni di Geova sono sotto perquisizione.

  • #
    28 novembre 2023 Il caso è andato in tribunale

    Il caso viene sottoposto all'esame del tribunale distrettuale di Simferopol.

  • #
    30 novembre 2023 Arresti domiciliari Accordo di riconoscimento

    La misura di restrizione sotto forma di arresti domiciliari per Dmitry Zakharevich e Alexander Kopylets è prorogata fino all'11 dicembre 2023. Alexander Voronchikhin ed Ekaterina Demidova sono stati scelti come misura preventiva sotto forma di un impegno scritto a non andarsene e di un comportamento corretto.

  • #
    11 dicembre 2023 Rinvio del caso al pubblico ministero

    Il giudice Olga Chepil decide di rinviare il caso al pubblico ministero "per rimuovere gli ostacoli al suo esame da parte del tribunale".

  • #
    26 febbraio 2024 Rinvio del caso al pubblico ministero

    La Corte suprema della Repubblica di Crimea si pronuncia sull'appello del pubblico ministero e sull'appello del difensore contro la decisione del tribunale distrettuale di Simferopol di rinviare il procedimento penale al pubblico ministero, avviata dallo stesso tribunale. L'appello ha confermato tale sentenza. Il caso deve essere rinviato al pubblico ministero al fine di rimuovere gli ostacoli al suo esame.

    Gli arresti domiciliari di A. Kopylets e D. Zakharevich sono stati prorogati fino al 26 aprile 2024.

  • #
    25 aprile 2024 Accordo di riconoscimento

    L'investigatore senior A. Rudoy cambia la misura della moderazione per Aleksandr Kopylets e Dmitry Zakharevich in un riconoscimento a non andarsene e un comportamento corretto.

  • #
    13 maggio 2024 Interrogatorio

    Oleksandr Kopylets si incarica di una nuova edizione. Il credente non ammette la sua colpa. "Non sono d'accordo con le accuse, dal momento che non ho mai svolto, organizzato o continuato attività estremiste", ha detto.

  • #
    15 maggio 2024

    Oleksandr Kopylets viene informato del completamento dell'indagine.