Caso di Oniszczuk e altri nella causa Kirov

Breve storia del caso

Nell’ottobre 2018 sono state effettuate perquisizioni di fedeli a Kirov. Un procedimento penale per articoli estremisti è stato avviato contro sette residenti locali, cinque dei quali sono stati presi in custodia, tra cui il cittadino polacco Andrzej Oniszczuk, che era in cattività da quasi un anno. I suoi compagni di fede trascorsero dai 3 agli 11 mesi in prigione e altri 6-9 mesi agli arresti domiciliari. Gli uomini sono stati inclusi nella lista di monitoraggio di Rosfin. Uno degli accusati, Yuriy Geraskov, morì di una lunga malattia una settimana prima del processo. A gennaio 2021 sono iniziate le udienze in tribunale. Nel giugno 2022, i fedeli sono stati condannati a pene sospese che vanno da 2,5 a 6,5 anni. Anche Yuriy Geraskov è stato giudicato colpevole di estremismo, ma il procedimento penale è stato archiviato a causa della sua morte. La corte d’appello confermò il verdetto contro i credenti.

  • #
    3 ottobre 2018

    La Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione Russa per la regione di Kirov avvia un procedimento penale per fede ai sensi degli articoli 282.2 (1), 282.2 (2), 282.3 (1); Secondo l'indagine, "organizzavano adunanze di seguaci e membri della suddetta associazione [dei testimoni di Geova] in vari appartamenti in conformità con le azioni caratteristiche di questa associazione, espresse nel cantare insieme cantici biblici, migliorare le capacità dell'attività missionaria, studiare la letteratura religiosa, la cosiddetta "Sacra Scrittura" (Bibbia), che è inclusa nell'elenco federale dei materiali estremisti contenenti la dottrina dei testimoni di Geova". Le vittime innocenti delle forze dell'ordine sono: Andrzej Onischuk (nato nel 1968), Vladimir Korobeynikov (nato nel 1952), Andrey Suvorkov (nato nel 1993), Yevgeny Suvorkov (nato nel 1978), Maxim Khalturin (nato nel 1974), Yuri Geraskov (nato nel 1956), Vladimir Vasilyev (nato nel 1956).

  • #
    9 ottobre 2018

    Sono in corso perquisizioni nelle case dei credenti. 5 persone sono state arrestate: Onischuk, Korobeynikov, Khalturin, Andrey Suvorkov e Yevgeny. Durante le perquisizioni vengono sequestrati tutti i dispositivi elettronici, compresi quelli appartenenti a parenti che non professano la religione dei testimoni di Geova.

  • #
    10 ottobre 2018 Ricerca
  • #
    11 ottobre 2018

    Il tribunale decide di arrestare Andrey Suvorkov e Maksim Khalturin.

  • #
    12 ottobre 2018

    Per decisione del tribunale, anche Onischuk, Korobeynikov e Yevgeny Suvorkov vengono inviati al centro di detenzione preventiva. Yuriy Geraskov e Vladimir Vasilyev sono in qualità di imputati.

  • #
    20 dicembre 2018

    Il tribunale regionale di Kirov sta esaminando l'appello di cinque credenti detenuti per modificare la misura di contenzione. Il tribunale rilascia Vladimir Korobeynikov agli arresti domiciliari a causa della malattia della moglie e della figlia, che non hanno nessuno di cui prendersi cura.

  • #
    11 gennaio 2019
  • #
    31 gennaio 2019
  • #
    28 marzo 2019

    Il tribunale distrettuale Pervomaisky di Kirov si rifiuta di prolungare il periodo di detenzione di Yevgeny Suvorkov, un investigatore per casi particolarmente importanti del Dipartimento investigativo del Comitato investigativo della Russia per la regione di Kirov. Il tribunale gli impone una misura di restrizione più mite : gli arresti domiciliari. Solo il cittadino polacco Andrzej Oniszczuk è rimasto nel centro di detenzione preventiva.

  • #
    2 aprile 2019
  • #
    31 luglio 2019
  • #
    6 agosto 2019
  • #
    13 agosto 2019

    Il giudice annulla gli arresti domiciliari di Andrei Suvorkov, ammorbidendo la sua misura di moderazione fino a quando non riconoscerà di non andarsene.

  • #
    3 settembre 2019

    Il giudice del tribunale regionale di Kirov, Alexander Moseev , accoglie l'appello di Andrzej Oniszczuk e lo lascia tornare a casa per sua stessa ammissione. Onischuk è rimasto in cattività per quasi un anno (3 giorni nel centro di detenzione temporanea e 327 giorni nel centro di detenzione preventiva-1 nella regione di Kirov), non potendo comunicare con la moglie.

  • #
    4 settembre 2019
  • #
    30 settembre 2019

    Il giudice distrettuale di Pervomaisky Alexei Zhizhin rilascia dagli arresti domiciliari Yevgeny Suvorkov, Vladimir Korobeynikov e Maxim Khalturin. Il giudice ritiene che non potranno interferire con il procedimento penale, quindi è inopportuno continuare a tenere i fedeli agli arresti domiciliari. La corte respinge ancora una volta l'argomentazione dell'investigatore secondo cui gli imputati "possono continuare a impegnarsi in attività criminali". Gli stessi imputati non hanno ammesso la loro colpevolezza perché non avevano commesso alcun crimine e la libertà di religione era garantita dalla Costituzione.

  • #
    7 ottobre 2019
  • #
    17 marzo 2020

    Il caso dei credenti viene sottoposto al tribunale distrettuale Pervomaisky di Kirov.

  • #
    24 aprile 2020

    Dopo una lunga malattia, Yuriy Geraskov, 64 anni, è morto. L'investigatore era a conoscenza del suo stato di salute, ma non fermò il procedimento penale, anche se scelse una misura di moderazione relativamente mite per Yuri: un impegno scritto a non lasciare il posto. Lo stress di essere perseguitato per la sua fede ha avuto un impatto negativo sulla salute di Yuriy.

  • #
    27 aprile 2020
  • #
    9 dicembre 2020

    Il tribunale decide di separare le accuse contro Vladimir Korobeynikov dal procedimento penale, dopodiché sospende il procedimento in questo caso separato.

    L'udienza del procedimento penale originale, in cui permangono le accuse contro A. Onischuk, E. Suvorkov, A. Suvorkov, M. Khalturin e V. Vasilyev, è prevista per il 21 e il 30 dicembre 2020.

  • #
    28 gennaio 2021

    Il giudice del tribunale distrettuale Pervomaisky di Kirov, Nikolai Fufachev, respinge la mozione di sospensione del procedimento nel caso di Vladimir Korobeynikov in relazione alla pandemia. Il tribunale soddisfa le richieste del procuratore Opaleva e dell'imputato Korobeynikov di riunire i casi penali e unisce nuovamente il caso del credente al caso di Onischuk e altri.

  • #
    29 gennaio 2021

    In connessione con il consolidamento dei casi, ricomincia il processo ai sei credenti. L'udienza è stata aggiornata a causa della mancata comparizione di un avvocato. Il prossimo incontro è previsto per il 15 febbraio 2021.

  • #
    21 luglio 2021

    Il tribunale sta interrogando il testimone dell'accusa Alexei Maslov, capo del dipartimento CPE. Dice che nel 2012 il suo dipartimento ha cominciato a interessarsi alle attività dei testimoni di Geova. Maslov informa la corte delle informazioni senza indicare la fonte della sua conoscenza. Inoltre, non ha alcuna prova che gli imputati tenessero letteratura proibita per distribuirla. Il dipendente del CPE non ha riscontrato né discriminazione per motivi religiosi né odio religioso da parte dei testimoni di Geova. Maslov non ha sentito appelli ad azioni violente da parte degli imputati. Conferma che la religione dei testimoni di Geova non è proibita.

  • #
    8 febbraio 2022

    Nel periodo dal 22 luglio 2021 all'8 febbraio 2022, si tengono più di 20 udienze in tribunale, durante le quali vengono studiati i materiali del caso, vengono interrogati i testimoni dell'accusa e il testimone segreto "Ivanov", vengono esaminate le prove materiali.

  • #
    10 febbraio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Lo studioso religioso Sergei Ivanenko è stato interrogato. Spiega la differenza tra le attività delle persone giuridiche dei Testimoni di Geova, che hanno cessato di esistere nel 2017, e la pratica della religione da parte dei credenti comuni.

    Dice anche che la decisione della Corte Suprema del 20.04.2017 non ha proibito la pratica della religione dei Testimoni di Geova. Sergey Ivanenko spiega che i gruppi religiosi dei Testimoni di Geova non si occupano di questioni relative alle persone giuridiche, quindi non si può presumere che continuino le loro attività proibite.

    Prosegue dicendo che, dal punto di vista degli studi religiosi, i testimoni di Geova sono una denominazione cristiana i cui seguaci si rivolgono a Dio con il nome di Geova, basano la loro dottrina esclusivamente sulla Bibbia e vivono secondo le norme cristiane.

    Cita i risultati della ricerca: i princìpi usati dai testimoni di Geova contribuiscono a rafforzare la famiglia, non a spezzarla; I testimoni imparano a rispettare le autorità, a non prendere parte a scioperi, proteste, atti terroristici, a non rifiutare le cure, ad aderire al comandamento di non imparare a combattere e a non imbracciare le armi, di andare in servizio alternativo.

    Alla domanda su chi sia il responsabile della confessione religiosa dei testimoni di Geova, Ivanenko spiega: "Dio è al comando. Sulla terra c'è un Corpo Direttivo, che è un'istituzione puramente canonica. I testimoni di Geova non hanno capi sulla terra".

    A Sergej Ivanenko viene chiesto: "Si può dire che i testimoni di Geova siano settari?" Egli risponde: "Questo termine è spesso usato per diffamare, ma il concetto stesso significa 'una scissione da una fede più ampia'. Comunque, i testimoni di Geova non si separarono, ma emersero come un nuovo circolo di studi biblici. Anche la setta è chiusa, e i Testimoni di Geova sono aperti, predicano... Inoltre, secondo la legge, per riconoscere una comunità come tradizionale, è necessario che esista da 50 anni. Formalmente, nel caso dei testimoni di Geova, sono passati più di cento anni... Simeon Kozlitsky fu il primo seguace della religione dei testimoni di Geova nell'Impero russo alla fine del diciannovesimo secolo".

    Dopo l'interrogatorio, la ricerca religiosa di Sergey Ivanenko viene allegata al fascicolo del caso.

  • #
    4 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero chiede un esame della calligrafia nel centro forense del Ministero degli Affari Interni.

    Vengono esaminate prove materiali, come opuscoli sui temi: "Saggia istruzione per le coppie sposate", "Percorri il sentiero della gentilezza", "Mogli, rispetta profondamente i mariti", "Il nome di Dio nella musica russa", ecc.

  • #
    5 maggio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale riceve la conclusione di un ripetuto esame forense della grafia. Conferma che le firme sulle copie delle ricevute bancarie appartengono ai convenuti. Tuttavia, l'accusa non è in grado di fornire i documenti originali e non è stato effettuato un esame informatico dell'autenticità delle copie delle ricevute.

    Il tribunale accoglie la richiesta del pubblico ministero di includere nel fascicolo due sentenze dei testimoni di Geova di Kirov, nei casi di Tokarev e Shamov.

  • #
    20 maggio 2022 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    Il pubblico ministero chiede una condanna alla reclusione in una colonia per cinque credenti: Andrzej Oniszczuk 6,5 anni, Yevgeniy Suvorkov, Andrey Suvorkov e Maksim Khalturin 6 anni e 3 mesi ciascuno, Vladimir Korobeynikov 3 anni e 3 mesi. Inoltre, il procuratore chiede al credente Vladimir Vasilyev di imporre una multa di 900.000 rubli.

    Il pubblico ministero chiede a Yuriy Geraskov, morto nell'aprile 2020, di essere dichiarato colpevole e di chiudere il procedimento penale contro di lui in relazione alla sua morte.

  • #
    23 maggio 2022 Dichiarazione finale

    Tutti gli imputati fanno le loro dichiarazioni finali. Il tribunale si ritira nella sala di deliberazione per la sentenza.

  • #
    2 giugno 2022 Sentenza di primo grado

    Il giudice Timur Yusupov inizia l'annuncio della decisione di chiudere il procedimento penale contro Yuri Geraskov. Il volume del documento è di 120 fogli. L'annuncio del verdetto proseguirà il 3 giugno.

  • #
    3 giugno 2022 Sentenza di primo grado

    Il giudice Timur Yusupov dichiara tutti gli imputati colpevoli e impone la sospensione condizionale della pena. Andrzej Oniszczuk viene condannato a 6 anni e 6 mesi; Andrej ed Evgenij Suvorkov sono condannati a 6 anni e 3 mesi ciascuno; Maxim Khalturin — 6 anni e 2 mesi; Vladimir Korobeynikov è stato condannato a 3 anni e 3 mesi e Vladimir Vasil'ev a 2 anni e 6 mesi. Anche Yuriy Geraskov è stato giudicato colpevole di estremismo, ma il procedimento penale è stato archiviato a causa della sua morte.

  • #
    4 ottobre 2022