Aggiornato: 21 maggio 2024
Nome: Zyablov Yevgeniy Anatolyevich
Data di nascita: 9 marzo 1977
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.3 (1), 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 126 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 173 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 5 anni di reclusione, con privazione del diritto di svolgere attività connesse alla partecipazione al lavoro di organizzazioni e associazioni religiose pubbliche per un periodo di 4 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Yevgeny Zyablov è finito in carcere nel 2018 a causa della sua fede. Per diversi anni è stato costretto a lottare per il suo diritto alla libertà di religione in tribunale.

Yevgeny è nato nel marzo 1977 a Magadan. Fin dall'infanzia, ama lo sport: è stato impegnato nello sci, nel wrestling e nel bodybuilding. Ha ricevuto numerosi premi e certificati per i risultati sportivi. Il suo hobby è andare in palestra.

Dopo la scuola, Evgenij ricevette la professione di meccanico. Lavora come autista in un orfanotrofio.

Fin dall'infanzia, Eugenio pensava alla vita della morte, sognando che mamma e papà rimanessero sempre giovani e non morissero. Così, quando cominciò a studiare la Bibbia, rimase colpito dall'insegnamento che il cielo sarebbe stato sulla terra e nessuno sarebbe morto. Eugenio iniziò la sua attiva ricerca spirituale dopo aver prestato servizio nell'esercito, quando giunse consapevolmente alla fede nel Creatore. Nel 2004 ha intrapreso il cammino cristiano.

Nel 2017, Yevgeniy ha sposato Anna, che conosceva da più di dieci anni. Durante il procedimento penale, hanno avuto un figlio con bisogni speciali. Evgenij ha anche una figlia adulta, con la quale mantiene un rapporto cordiale, nonostante lei non condivida le sue opinioni religiose.

I parenti, gli amici e i dipendenti di Evgenij sono scioccati dal procedimento penale, perché lo conoscono solo dal lato positivo e non capiscono come una persona possa essere giudicata per aver letto la Bibbia.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.