Aggiornato: 23 luglio 2024
Nome: Zhukov Timofey Viktorovich
Data di nascita: 19 maggio 1979
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 59 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 15 febbraio 2019, una delle più grandi e brutali operazioni contro i credenti ha avuto luogo a Surgut e in diverse altre città del circondario autonomo di Khanty-Mansi. Sette persone sono state torturate, tre sono state inviate in un centro di detenzione preventiva (due di loro hanno trascorso 56 giorni dietro le sbarre) e il numero totale di imputati in procedimenti penali ha superato i 20. Uno di questi è Timofey Zhukov. Cosa si sa di lui?

Timofey è nato nel 1979 nella città di Revda (regione di Sverdlovsk). Quando il bambino aveva tre anni, a causa di una situazione difficile in famiglia, sua madre fu costretta a prendere il figlio e trasferirsi a Surgut. Timothy è il maggiore di quattro fratelli della famiglia. Da bambino era appassionato di scacchi, coreografia, plasticità della danza e arti marziali.

Timofey si è laureato in giurisprudenza, poi, dopo essersi laureato, ha lavorato come assistente procuratore presso l'ufficio del procuratore della città di Surgut e come consulente legale di spicco in alcune grandi istituzioni del circondario autonomo di Khanty-Mansi. Nel 2003 ha sposato Natalia, anch'essa giurista. Nel tempo libero ama giocare a calcio, pallavolo, sciare e viaggiare.

Timoteo ha sempre rispettato la Scrittura e ha voluto vivere come Gesù Cristo ha insegnato. All'età di 28 anni, ha intrapreso consapevolmente il cammino del cristiano. Alcuni anni dopo si unì a lui la moglie, che fu profondamente toccata dall'amore e dall'unità che regna fra i loro compagni di fede.

La madre di Timofey è scioccata da quanto sta accadendo e sostiene che la persecuzione di suo figlio sia un ridicolo errore delle forze dell'ordine. La sorella di mia moglie è perplessa da ciò che sta accadendo ed è molto sorpresa che nel nostro tempo tu possa essere dietro le sbarre a causa della tua fede.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.