Aggiornato: 22 luglio 2024
Nome: Zhugin Nikolay Nikolayevich
Data di nascita: 14 febbraio 1976
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 2 anni 6 mesi di reclusione, con restrizione della libertà per un periodo di 8 mesi, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 14 maggio 2018 è stato aperto un procedimento penale a Orenburg ai sensi dell'articolo 282.2 (2) del codice penale della Federazione Russa contro Nikolai Zhugin. Per aver letto la Bibbia con gli amici, è accusato di "partecipazione alle attività di un'organizzazione estremista". Cosa si sa davvero di questo presunto pericoloso criminale?

Nikolay Zhugin è nato nel villaggio di Terentyevka, distretto di Karabalyk in Kazakistan nel 1976, saldatore elettrico a gas di professione. Da bambino, gli piaceva passare il tempo in paese, andava a fare sport. Ha un fratello e una sorella maggiori. Il padre di Nikolai è morto vent'anni fa per gli effetti delle radiazioni: è stato il liquidatore dell'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl.

Dalla metà degli anni '90, Nikolay è una persona profondamente religiosa. Dalla Bibbia imparò che le leggi fisiche hanno un legislatore, Dio, e che le profezie bibliche si adempiono sempre.

Per molti anni, Nikolay è stato sposato con Galina. Sebbene non condivida le convinzioni religiose del marito, è una famiglia felice che sta crescendo un figlio e una figlia. Non molto tempo fa, mio figlio si è diplomato con un certificato rosso. Tutta la famiglia ama trascorrere del tempo nella natura con gli amici, pescando.

I parenti di Nikolaj non riescono a capire perché sia perseguitato. "Fino a poco tempo fa non capivo cosa pensassero i miei parenti ortodossi riguardo alla verità, ma quando è iniziata la persecuzione dei testimoni di Geova in Russia ho visto che erano tutti sinceramente preoccupati per me, per la mia famiglia e per il mio futuro", dice.

Casi di successo

Nel maggio 2018, il Comitato investigativo della Federazione russa ha aperto un procedimento penale contro Vladimir Kochnev, Vladislav Kolbanov, Pavel Lekontsev, Sergey Logunov e Nikolay Zhugin. I credenti di Orenburg sono stati accusati di aver organizzato e finanziato le attività di un’organizzazione estremista e di avervi partecipato a causa di incontri amichevoli in un caffè. Dopo le perquisizioni, tre uomini sono stati rilasciati con l’invito a non andarsene, e due sono stati arrestati. Kochnev ha trascorso 76 giorni in custodia cautelare e 72 giorni agli arresti domiciliari, mentre Kolbanov ha trascorso 149 giorni agli arresti domiciliari. Nel dicembre 2019, il caso è andato in tribunale, ma un mese dopo è stato restituito all’ufficio del procuratore a causa della natura vaga delle accuse. Il nuovo processo del caso da parte di un altro giudice è iniziato nel febbraio 2021. L’accusa si basa sulla testimonianza dell’agente V. Yudin. Nell’agosto 2023, il giudice ha condannato i credenti a pene sospese: Logunov e Zhugin – a due anni e mezzo, Kochnev – a due anni e otto mesi, Lekontsev – a tre anni e Kolbanov – a tre anni e mezzo. La corte d’appello ha confermato il verdetto.