Aggiornato: 25 aprile 2024
Nome: Zavrazhnov Maksim Mikhailovich
Data di nascita: 9 luglio 1981
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno; La pena detentiva si intende sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 16 e il 17 luglio sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei fedeli in diversi insediamenti della regione di Nizhny Novgorod. In totale sono state condotte 35 perquisizioni e almeno 11 persone sono coinvolte nel procedimento penale. Uno di loro è Maxim Zavrazhnov. Cosa si sa di lui?

Maxim è nato nel 1981 a Nizhny Novgorod (all'epoca Gorky) ed è diventato il figlio più giovane della famiglia di un dipendente del Ministero degli Affari Interni. Da bambino appassionato di sport e musica, si diplomò in una scuola di musica in pianoforte e imparò da autodidatta a suonare la chitarra. Dopo la scuola, entrò nella scuola fluviale e si diplomò in radiomeccanica. Ha lavorato come autista, muratore, ora lavora come muratore-elettricista.

Nel 2008, Maksim ha sposato Nadezhda, un avvocato di formazione. Condivide l'amore del marito per la musica, come lui, diplomato alla scuola di musica in pianoforte. Si interessa di design, a volte aiuta Maxim nel suo lavoro nei cantieri.

Grazie all'influenza di sua madre, Maxim ha familiarità con la Bibbia fin dall'infanzia. È interessante notare che è diventato il primo nella regione di Nizhny Novgorod a cui è stata applicata la legge sul servizio civile alternativo (ACS). Durante quel difficile periodo della sua vita, il giovane ha dovuto affrontare forti pressioni da parte del personale dell'ufficio di registrazione e arruolamento militare, che ha cercato di costringerlo a rinunciare al suo diritto legale di sottoporsi all'ACS a causa di convinzioni religiose pacifiche. Maksim è diventato oggetto di molestie da parte dei media locali. A causa delle condizioni insopportabili del luogo di servizio, ha chiesto di essere trasferito in un altro luogo, ma invece è stato processato e gli è stata concessa la sospensione condizionale della pena. E ora la storia si ripete, solo che ora lo Stato ha deciso di incriminare Maxim con estremismo.

I parenti di Maksim sono estremamente indignati per l'ingiusta e infondata persecuzione della fede di quest'uomo, estraneo a qualsiasi forma di violenza e che lo Stato ha già riconosciuto. Sono profondamente preoccupati per lui e gli forniscono tutto il sostegno possibile.

Casi di successo

Nel luglio 2019 il ministero dell’Interno russo della regione di Nizhny Novgorod ha perquisito un totale di 35 abitazioni di testimoni di Geova locali. Sono stati avviati diversi procedimenti penali, uno dei quali contro Maksim Zavrazhnov, residente a Nizhny Novgorod. Il credente è stato accusato di “condurre riunioni, raccogliere donazioni per le necessità di un’organizzazione religiosa e migliorare le capacità dell’attività missionaria”. Per sette mesi, Zavrazhnov è stato sottoposto a un divieto di determinate azioni e nel febbraio 2020 è stato sottoposto a un accordo di riconoscimento. Nell’ottobre 2021, il caso è stato sottoposto al tribunale distrettuale. Durante le udienze, alcuni testimoni hanno dichiarato che i protocolli da loro firmati contenevano informazioni che non hanno rivelato. Il pubblico ministero ha chiesto 5 anni in una colonia penale per il credente, ma il tribunale gli ha inflitto una pena sospesa di 6 anni. Nel dicembre 2022, un ricorso ha confermato questa decisione.