Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Voykov Sergey Aleksandrovich
Data di nascita: 28 agosto 1975
Stato attuale: Indagato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea

Biografia

Il 7 febbraio 2018, a Belgorod, le forze dell'ordine hanno condotto perquisizioni nelle case di almeno 17 civili, decine di persone sono state arrestate e interrogate. Sono stati avviati diversi procedimenti penali, anche contro Sergey Voikov. Cosa si sa di lui?

Sergey Voikov è nato a Jakutsk. Da bambino, è stato attivamente impegnato nello stile libero e nella lotta greco-romana, ha vinto premi in tornei di tutta l'Unione, è stato un campione ripetuto di Yakutsk. Tuttavia, a causa di una malattia, è stato costretto a lasciare lo sport. All'età di 16 anni, caduto sotto una cattiva influenza, trascorse un po' di tempo in prigione con l'accusa di furto.

Nel frattempo la sua famiglia conobbe la Bibbia, ed egli vi trovò risposte convincenti alle sue domande sul significato della vita. La sua nuova fede ha aiutato Sergey a rompere con la malavita e a diventare un membro onesto della società. Nel 2001 Sergey si battezzò come testimone di Geova. Sergey ha due specialità: un meccanico d'auto e un saldatore. Dal 1994 vive a Belgorod. Nel 2011, Sergey ha sposato Natalia. Gli piace ancora lo sport, in particolare la pallavolo, che pratica regolarmente con gli amici.

L'azione penale per fede provoca estremo sconcerto tra tutti coloro che conoscono Sergey. Anche i parenti di Sergej e Natalia, che non condividono le loro idee religiose, ora li difendono davanti ai conoscenti, e la nonna di Sergej cominciò a pregare Geova, chiedendogli di ristabilire la giustizia.

Casi di successo

Nel febbraio 2018, agenti di polizia, il Dipartimento investigativo del ministero dell’Interno e combattenti armati del SOBR hanno fatto irruzione in almeno 16 case di testimoni di Geova locali a Belgorod. I credenti pacifici sono stati sottoposti a un duro trattamento verbale e fisico. Decine di persone, tra cui un gruppo di persone con disabilità uditive, sono state portate con la forza alla polizia per essere interrogate. L’ultimo degli interrogati è stato rilasciato solo la mattina dopo. Due credenti, Anatoliy Chaliapin e Sergey Voikov, sono stati detenuti per due giorni e poi rilasciati per loro stessa ammissione. Sono accusati di partecipare alle attività di un’organizzazione messa al bando, secondo l’inchiesta che l’inchiesta interpreta la partecipazione di uomini ai servizi dei testimoni di Geova. Il caso penale è stato gestito da una squadra investigativa composta da 12 dipendenti del Dipartimento investigativo del Ministero degli Affari interni della Russia nella regione di Belgorod. Nell’agosto 2019, l’indagine sul caso è stata sospesa, ma un mese dopo l’ufficio del procuratore ha ribaltato questa decisione e il caso è stato inviato per ulteriori indagini.