Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Velichko Artem Igorevich
Data di nascita: 25 giugno 1990
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 76 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 93 Giorni Agli arresti domiciliari
Attualmente trattenuto a: Detention Center No.1 for Republic of Mordovia
Indirizzo per la corrispondenza: Velichko Artem Igorevich, 1990 born, Detention Center No.1 for Republic of Mordovia, Ul. Rabochaya, 147, Saransk, Republic of Mordovia, 430003

Biografia

Nel febbraio 2023 una seconda ondata di perquisizioni ha avuto luogo nelle case dei Testimoni di Geova locali a Saransk. Di conseguenza, Artem Velichko è finito nel centro di detenzione solo a causa della sua fede.

Artem è nato nel giugno 1990 nella città di Mikhaylovka, nella regione di Volgograd. Poco dopo la sua nascita, sua madre cominciò a studiare la Bibbia e cominciò subito a instillare l'amore per i princìpi biblici in Artem, e in seguito in suo fratello minore. Guardando sua madre, Artem si rese conto di quanta gioia le procura il modo di vivere cristiano. Perciò, già in giovane età, decise di diventare testimone di Geova. Qualche anno dopo, il padre di Artem lasciò la famiglia. Per aiutare la madre, il giovane iniziò a lavorare mentre studiava: decorava e ristrutturava appartamenti.

Negli ultimi anni, Artem ha vissuto a Saransk. Lì incontrò Olga, che si era trasferita in Mordovia dall'Ucraina. Nel 2020 si sono sposati. Per provvedere alla sua famiglia, Artem accettò prontamente qualsiasi lavoro. Ha lavorato come custode, conciatetto, decoratore e ha anche imparato a riparare elettrodomestici.

Le persone che conoscono Artem, parlano di lui come di un bravo specialista e di una persona onesta, perbene, sempre pronta ad aiutare. Ha imparato la lingua dei segni da autodidatta per aiutare le persone sorde. L'accusa penale provoca sconcerto e preoccupazione tra i suoi parenti e amici.

Casi di successo

Nel febbraio 2023 sono state effettuate una serie di perquisizioni nelle case dei testimoni di Geova a Saransk. Un mese prima, il Ministero degli Affari Interni aveva aperto un caso sull’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista. Diversi credenti, tra cui donne, sono stati portati per essere interrogati al centro per la lotta all’estremismo. Alcuni di loro hanno detto che gli investigatori hanno cercato di costringerli ad incriminare se stessi e i loro amici. Mikhail Shevchuk, Artem Velichko e Ivan Neverov sono stati rinchiusi in un centro di detenzione preventiva per 2,5 mesi e successivamente agli arresti domiciliari, dove hanno trascorso più di 3 mesi. Nell’agosto 2023, la loro misura preventiva è stata modificata in un divieto di determinate azioni.