Aggiornato: 15 luglio 2024
Nome: Usenko Vladimir Vladimirovich
Data di nascita: 16 settembre 1955
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Nell'aprile 2022 Vladimir Usenko è stato accusato di estremismo solo perché credeva in Geova Dio. Ha una disabilità di terza classe e il procedimento penale ha avuto un impatto negativo sulla sua salute.

Vladimir è nato nella città di Yoshkar-Ola nel settembre del 1955. Lui e sua sorella minore sono cresciuti in una famiglia di ingegneri. I loro genitori non sono più in vita.

Da bambino, Vladimir era appassionato di musica e calcio. Ha studiato presso l'Istituto di Educazione Fisica di Kazan presso il Dipartimento di Calcio e Hockey. All'età di 19 anni, Vladimir interruppe gli studi e iniziò a giocare nelle squadre di calcio delle città di Yoshkar-Ola e Kazan.

Dopo la fine della sua carriera calcistica, Vladimir è tornato nella sua città natale, dove ha trovato lavoro come smerigliatrice in una fabbrica e poi come operatore di caldaie in una centrale termica. Ora è in pensione e si interessa ancora di musica e calcio, ma come spettatore.

Nel 1986 Vladimir sposò Nelly, una collega dello stabilimento. Ora è in pensione. La coppia ha due figli adulti, un maschio e una femmina.

In gioventù, Vladimir non era credente, ma era interessato alla vita di Gesù Cristo. Conoscendo i testimoni di Geova, ha appreso che le profezie bibliche si stanno adempiendo con accuratezza. Rimase sorpreso dalla logica degli insegnamenti biblici e nel 1997 iniziò il suo cammino cristiano.

Durante la perquisizione, la moglie di Vladimir, che non condivide le sue idee religiose, è stata molto stressata. Anche le gravi malattie croniche di Vladimir si sono aggravate a causa dell'ansia causata dal procedimento penale.

Casi di successo

Nell’aprile 2022 l’FSB ha aperto un procedimento penale contro i Testimoni di Geova di Yoshkar-Ola. Sono state effettuate perquisizioni in nove indirizzi e le forze dell’ordine hanno usato la forza contro uno dei credenti, Yevgeny Plotnikov. È stato arrestato e successivamente collocato in un centro di detenzione preventiva. Nell’agosto 2022, Yevgeniy è stato posto agli arresti domiciliari e a ottobre gli è stato vietato di compiere determinate azioni. Dal dicembre dello stesso anno, l’investigatore dell’FSB ha iniziato a coinvolgere altri residenti della città come imputati: Sergey Kulikov e suo figlio Alexei, Eduard Kapitonov e suo figlio Ilya, Igor Alekseev, Vladimir Usenko e Denis Petrov. L’investigatore considerava la loro confessione di fede come azioni di natura estremista. Ai credenti fu ordinato di non lasciare il luogo.