Aggiornato: 22 luglio 2024
Nome: Suvorova Valentina Anatoliyevna
Data di nascita: 18 gennaio 1948
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 6 mesi; La pena detentiva è considerata condizionale, con un periodo di prova di 1 anno

Biografia

Il 5 dicembre 2019, Valentina Suvorova, 71 anni, di Chelyabinsk, è stata incriminata in un procedimento penale per la sua fede. Pochi mesi dopo, anche suo marito Vladimir è stato accusato di attività estremiste. La credente, nonostante i suoi problemi di salute, ha difeso il suo buon nome in tribunale per più di un anno. Tuttavia, l'11 marzo 2021 il tribunale l'ha dichiarata colpevole per aver cantato cantici e preghiere a Geova. Valentina Suvorova è stata condannata a 2 anni di pena sospesa con restrizione della libertà per un periodo di 6 mesi con un periodo di libertà vigilata di 1 anno.

Valentina è nata nel gennaio del 1948 nel villaggio di Sorovskoye (regione di Kurgan). I genitori hanno dovuto lavorare molto duramente per crescere tre figlie. In seguito, la famiglia si trasferì nella vicina città di Shadrinsk. Da bambina, Valentina era appassionata di danza, musica e canto, amava pattinare. Si è diplomata alla scuola di musica. Il suo amore per la musica l'ha portata a frequentare una scuola di musica a Kurgan, dopo di che ha ricevuto la specializzazione di insegnante di musica e direttore di coro.

Dal 1972, per più di 30 anni, Valentina Suvorova ha lavorato come insegnante in una delle scuole di Chelyabinsk. Ha ricevuto il titolo onorifico di "Veterana del lavoro". Ora si sta godendo il meritato riposo, è appassionato di design e giardinaggio. Nel 1973 Valentina sposò Vladimir, un talentuoso artista della Filarmonica. In un matrimonio felice nacque un figlio, Igor. La coppia vive insieme da più di 50 anni, amano andare nella natura, assistere a concerti, teatri, chiacchierare con gli amici.

Per tutta la vita, Valentina si interessò a domande della vita che non potevano trovare risposta da nessuna parte: né nella biblioteca pubblica, né negli insegnamenti filosofici, né nelle varie chiese e templi. La sete di conoscenza è stata placata solo grazie a un libro antico: la Bibbia. Fu allora che decise con fermezza di intraprendere il cammino cristiano, nel quale il marito la sostenne.

Qualche anno fa, questa simpatica famiglia ha subito una serie di tragedie: l'amato e unico figlio Igor è morto di cancro al sangue, la madre di Valentina è morta 2 anni dopo, e poi è morta sua sorella. La sorella minore ha perso il marito e lei stessa è rimasta paralizzata dopo un ictus. Prima che la famiglia Suvorov avesse il tempo di riprendersi da questi terribili shock, accadde un'altra cosa: giunsero a casa di un'anziana coppia di coniugi con una perquisizione.

Il procedimento penale ha avuto un effetto negativo sulla salute di Valentina. Ha detto che la ricerca le ha causato "un trauma emotivo incurabile, ulteriore stress e deterioramento della salute". Il sonno era disturbato, c'era una costante sensazione di ansia e tachicardia. Ho dovuto iscrivermi a un neurologo e a un nefrologo. Anche i parenti di Valentina hanno sofferto: la salute già cagionevole della sorella minore è peggiorata e anche la vedova del figlio defunto e la figlia hanno dovuto affrontare un'umiliante procedura di perquisizione nella propria casa.

Parenti e amici di Valentina e Vladimir sono indignati per quanto sta accadendo. Nessuno può credere che nella Russia moderna persone così pacifiche possano essere giudicate solo a causa delle loro convinzioni religiose, senza tener conto della loro veneranda età e dei loro meriti per la società.

Casi di successo

Il 18 marzo 2019 il Comitato investigativo russo per la regione di Chelyabinsk ha aperto un procedimento penale contro Valentina Suvorova, 73 anni, veterana del lavoro, ex insegnante di coro e direttore d’orchestra. Pochi giorni dopo, la credente è stata perquisita e, 10 mesi dopo, è stato aperto un caso contro suo marito [Vladimir] (/it/prisoners/suvorovv.html). Le forze di sicurezza introdussero un’informatrice nell’entourage dei Suvorov, una donna che fingeva interesse per la Bibbia. Oltre al tradimento di quest’uomo, la coppia ha dovuto affrontare molte cose nella loro vita, inclusa la morte del loro unico figlio di 42 anni. Il procedimento penale ha causato alla credente, secondo lei, un trauma emotivo incurabile. Altre malattie sono peggiorate. Per più di un anno, Valentina ha avuto l’obbligo di non andarsene. Dal 18 febbraio 2020 ha difeso il suo buon nome presso il tribunale distrettuale di Metallurgicheskiy, dove, per motivi di salute, ha testimoniato seduta. L'11 marzo 2021, il giudice Grigory Yarygin l’ha condannata a 2 anni di libertà vigilata con restrizione della libertà per 6 mesi con un periodo di prova di 1 anno.