Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Solntseva Oksana Mikhailovna
Data di nascita: 17 agosto 1966
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 3 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla partecipazione al lavoro di organizzazioni e associazioni religiose pubbliche per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 10 mesi, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 20 marzo 2019 sono riprese a Magadan le perquisizioni e gli interrogatori di cittadini in relazione alle loro convinzioni cristiane. I coniugi Mikhail e Oksana Solntsev sono diventati nuovi imputati in un procedimento penale contro i credenti di Magadan, che a quel tempo avevano già compiuto 13 anni. L'inchiesta ritiene che abbiano partecipato a servizi di culto. Cosa sappiamo di Oksana?

Oksana è nata nel 1966 a Yenakievo, nella regione ucraina di Donetsk. Quando aveva 6 anni, tutta la famiglia si trasferì nella regione di Magadan, nel villaggio di Ust-Taskan, dove Oksana trascorse la sua infanzia. Fin da piccola ammirava la bellezza della natura, amava dipingere paesaggi e persone. L'altra sua passione erano le scienze esatte, che alla fine l'hanno portata alla Facoltà di Fisica e Matematica dell'Istituto Pedagogico di Magadan. Dopo essersi laureata, ha lavorato come programmatrice in varie istituzioni, tra cui il Dipartimento degli Affari Interni della Regione di Magadan. Mentre studiava all'istituto, incontrò il suo futuro marito Mikhail.

All'inizio degli anni '90, Oksana fu sorpresa di apprendere dalla Bibbia che Dio aveva concepito un paradiso sulla Terra e non tormentava le persone all'inferno. Da allora la Bibbia è stata la guida principale della sua vita. Non sapeva che un giorno l'avrebbe portata al molo. Secondo Oksana, il procedimento penale è diventato un grande stress per tutta la sua famiglia e l'ha privata dell'opportunità di prendersi cura dei suoi genitori malati.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.