Aggiornato: 18 luglio 2024
Nome: Solntsev Mikhail Yuriyevish
Data di nascita: 26 dicembre 1962
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 3 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla partecipazione al lavoro di organizzazioni e associazioni religiose pubbliche per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 10 mesi, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 20 marzo 2019 sono riprese a Magadan le perquisizioni e gli interrogatori di cittadini in relazione alle loro convinzioni cristiane. I coniugi Mikhail e Oksana Solntsev sono diventati nuovi imputati in un procedimento penale contro i credenti di Magadan, che a quel tempo avevano già compiuto 13 anni. L'inchiesta ritiene che abbiano partecipato a servizi di culto. Cosa sappiamo di Michael?

Mikhail è nato a Novosibirsk nel 1962 e un anno dopo si è trasferito a Magadan con i suoi genitori. Fin da bambino è stato appassionato di sport (hockey, calcio, nuoto, sci). La famiglia trascorreva spesso i fine settimana nella natura: faceva escursioni, sciava in inverno, pescava tutto l'anno.

Nel 1982, Mikhail si è laureato presso la Scuola Tecnica di Volo dell'Aviazione Civile di Riga e ha lavorato come controllore del traffico aereo presso l'aeroporto di Magadan. Nel 2008 si è laureato presso l'Università Statale dell'Aviazione Civile di San Pietroburgo con una laurea in controllo del traffico aereo. Da quel momento, ha lavorato come istruttore a tempo pieno, formando giovani professionisti. È ancora appassionato di pesca e gli piace uscire nella natura, ma con la sua famiglia.

Lui e sua moglie Oksana stanno insieme da oltre 30 anni. Oksana fu la prima della famiglia a mostrare interesse per la Bibbia, e la cosa si fece notare. "Per molto tempo non ho capito questa passione", ammette Mikhail. "Ma anche il comportamento di mia moglie, che stava cambiando in meglio, e la comunicazione con i compagni di fede suscitarono interesse in me. Decisi anche di studiare le Sacre Scritture. Mi ha avvicinato a Dio". La coppia ha cresciuto una figlia che vive con la sua famiglia a San Pietroburgo. Ora Mikhail e Oksana stanno crescendo un figlio di 8 anni.

Il procedimento penale contro Mikhail e Oksana è stato un duro colpo per tutta la famiglia, ha rovinato vari piani. Oksana voleva trasferirsi a Taganrog per prendersi cura dei genitori malati, ma il riconoscimento di non partire per entrambi i coniugi non glielo permise. Mikhail sperava di finalizzarlo entro la fine dell'anno per potersi riposare, ma, essendo sotto l'obbligo di non partire, non poté andare a Khabarovsk per ottenere una conclusione di attestazione. Non è in grado di continuare a lavorare e a provvedere alla sua famiglia. Una famiglia rispettosa della legge non ha l'opportunità di condurre una vita normale.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.