Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Sobyanin Aleksandr Mikhailovich
Data di nascita: 17 giugno 1973
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea
Frase: sanzione sotto forma di multa per un importo di 494.000 rubli

Biografia

Aleksandr Sobyanin, della città di Solikamsk, è stato processato penalmente per la sua fede alla vigilia del suo matrimonio. L'inizio della vita coniugale del credente fu segnato da una perquisizione e da un interrogatorio.

Aleksandr è nato nel giugno 1973 nella città di Krasnovishersk, nel territorio di Perm. Suo padre lavorava come autista di attrezzature stradali pesanti e sua madre lavorava come maestra d'asilo. Aleksandr era il figlio maggiore, ha un fratello e una sorella più piccoli.

Da bambino, Aleksandr era appassionato di modellismo aereo e scultura in legno, amava andare in bicicletta e in motocicletta. Dopo la scuola, ha lavorato in un negozio di modellismo in una cartiera. Recentemente ha lavorato come fabbro su martelli e presse.

All'età di cinque anni, Aleksandr era preoccupato per la domanda: perché ogni persona dovrebbe morire alla fine? In seguito trovò la risposta nella Bibbia. Rimasto impressionato da ciò che aveva imparato, nel 1992 decise di intraprendere il cammino cristiano. I suoi genitori e il fratello minore condividono le opinioni di Aleksandr.

Con la sua prima moglie, Aleksandr viveva a Solikamsk.  Hanno avuto una figlia insieme. Sua madre morì quando la bambina aveva solo dieci anni. Nel 2020, Aleksandr si è risposato. La sua seconda moglie, Mariya, è un'infermiera, massaggiatrice e istruttrice di fitness. Ama cantare, ballare e allenarsi. Mariya condivide il punto di vista di Aleksandr sulla vita.

Nel tempo libero, Aleksandr va a sciare, va in piscina e viaggia. Insieme a sua moglie, ama cucinare cibi provenienti da diversi paesi, cantare al karaoke e pattinare.

Di fronte a un procedimento penale, la coppia ha sperimentato lo stress. Ricordano: "La nostra vita non è più stabile. Per diverse settimane non siamo riusciti a rilassarci e dormire sonni tranquilli. Non ci sentivamo più al sicuro nel nostro appartamento".

Parenti e colleghi di lavoro non riuscivano a credere che Aleksandr fosse stato accusato di estremismo. Alcuni si offrirono di parlare in sua difesa. "Leggere la Bibbia non è un crimine", ha detto uno dei parenti, che non condivide le credenze di Aleksandr e Mariya.

Casi di successo

Nel luglio 2020, la direzione investigativa del comitato investigativo per il territorio di Perm ha aperto un procedimento penale contro Vladimir Poltoradnev, Alexander Sobyanin e Vladimir Timoshkin di Solikamsk. A quel tempo, le forze dell’ordine li stavano spiando da molto tempo. Dopo perquisizioni e interrogatori, tre fedeli sono finiti in un centro di detenzione temporanea. Poi Sobyanin è stato rilasciato con il divieto di compiere determinate azioni, e Poltoradnev e Timoshkin sono stati messi agli arresti domiciliari rispettivamente per 2 e 3 mesi. In seguito, anche la misura di restrizione di quest’ultimo è stata modificata in un divieto di determinate azioni. Dopo che l’indagine è stata ripetutamente sospesa e ripresa, il caso è andato in tribunale nell’aprile 2023. Già ad agosto il giudice aveva giudicato colpevoli e multato i fedeli: Alexander Sobyanin per 494 mila rubli, Vladimir Poltoradnev per 638 mila rubli e Vladimir Timoshkin per 512 mila rubli. Un appello nel novembre 2023 ha confermato la parte principale della sentenza, mitigando leggermente la pena aggiuntiva.