Aggiornato: 25 aprile 2024
Nome: Skrynnikov Sergey Vladimirovich
Data di nascita: 30 ottobre 1962
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: sanzione sotto forma di multa per un importo di 350.000 rubli

Biografia

Sergey Skrynnikov è il secondo Testimone di Geova della città di Orël ad essere processato per la sua fede. Sergey ha raccontato cosa lo ha aiutato a non arrendersi, qual è stato il suo percorso di fede, come si sente riguardo alle repressioni.

Quando Sergey incontrò per la prima volta i testimoni di Geova? "È successo nel 1973, quando avevo 11 anni. Vivevamo in un piccolo villaggio nell'Ucraina orientale. Nel contesto della propaganda antireligiosa sovietica, mia madre cominciò a studiare la Bibbia con i testimoni di Geova. Fu da lei che sentii parlare per la prima volta di Dio, di suo Figlio e della sua buona notizia. Non ho mai dubitato della verità della parola di Dio e questa conoscenza è profondamente radicata nel mio cuore. Ma la conoscenza della verità obbliga a costruire la propria vita secondo la morale del Vangelo. Allora non ero pronto per questo, e la mia vita è andata secondo un brutto scenario. All'età di 25 anni stavo già abusando di alcol, ho perso il lavoro, ho perso la mia famiglia e ho deciso di tornare da mia madre nel mio villaggio natale, a Manuylovka.

In che modo Sergey è arrivato alla vera fede? "Mia madre aveva delle pubblicazioni, e me le lasciava appositamente in posti importanti della casa. A poco a poco ho ripensato alla mia vita. Mi resi conto che sentivo ciò che il Creatore mi stava dicendo, ma non lo ascoltai. Cominciò a studiare intensamente la Bibbia. Suggerii a mia madre di trasferirsi in un posto lontano dai miei compagni di bevute. Vendemmo la casa e ci trasferimmo a Torez, dove c'era una comunità di testimoni di Geova. Confrontando la verità biblica con le mie esperienze negative, ho capito dove si trovava la verità. Nel 1989, dopo una lunga ricerca, mi battezzai nella religione dei testimoni di Geova".

Com'è cambiata la vita di Sergey? "Ho detto che a causa del mio stile di vita dissoluto, il mio matrimonio si è rotto, io e Nina abbiamo divorziato e siamo scappati. Dopo un po' Nina venne a sapere da un'amica che ero diventata testimone di Geova e non riusciva a crederci. Tuttavia, ha deciso di scrivermi una lettera. Questo è stato il primo passo. Io e Nina avevamo già una figlia che andava in prima elementare senza di me. Durante le vacanze, sono venuti da me. Nina si interessò alla buona notizia del Vangelo. Decidemmo di restaurare il matrimonio perché Geova odia il divorzio. Si sono dimessi, hanno vissuto a Torez. Così la Bibbia ha salvato non solo me, ma anche il nostro matrimonio".

Come si è sviluppata la vita futura della famiglia? "Sono un'insegnante di educazione fisica di professione, mi sono diplomata alla Scuola Pedagogica Bolkhov. Ha lavorato di professione, anche qui, nella regione di Orël. Nina è anche un'insegnante di professione. Una volta, suo figlio si è infortunato sul lavoro. A causa del forte stress, Nina è rimasta paralizzata, non si è alzata dal letto per 1 anno e 4 mesi. È stato un periodo difficile. Un giorno, all'improvviso, Nina dice: "Voglio venire con te al ministero di campo". Io la dissuado, ma lei insiste per conto suo. Non c'era niente da fare, la vestì, la prese tra le braccia e la portò in braccio. Così abbiamo camminato per circa 20 metri fino ai vicini, dove l'ho messa su una panchina, e lei ha iniziato a parlare della Bibbia con il vicino. Dopo 15 minuti siamo tornati a casa. Il giorno dopo, allo stesso modo: 30 minuti. Poi un'ora. E così, con il passare del tempo, ha iniziato a camminare. Tutto grazie al ministero. Ora Nina sta lottando con un melanoma. Viene osservato da un oncologo e si gode ogni giorno della sua vita.

La figlia degli Skrynikov condivide le convinzioni dei suoi genitori? Anche Olesya crede in Dio. "Quando ci siamo trasferiti a Orël per prenderci cura dei genitori di mia moglie, anche Olesya e la sua famiglia si sono trasferiti con noi. Quattro dei suoi cinque figli sono nati a Orel. Stiamo aiutando a crescere i nostri cinque nipoti. La mia Nina è un'amica devota, il suo sostegno è molto importante per me. Sa per esperienza che Geova Dio è un Padre celeste premuroso e amorevole".

Come ha reagito la famiglia al procedimento penale contro Sergey? "Quando tutto è iniziato, eravamo pronti. Grazie alle cure di Geova, non fummo colti di sorpresa. Tutta la famiglia si ricostruì rapidamente e cominciò ad adattarsi alle nuove circostanze. Nessuno va agli estremi. È vero, a volte in fondo ti senti come un lebbroso. Non puoi parlare con nessuno al telefono a causa di possibili intercettazioni. Non è possibile effettuare una visita a causa di una possibile sorveglianza. Non puoi nemmeno presentarti da qualche parte vicino ai tuoi amici: faranno una foto insieme, poi avranno problemi.

Pensieri degli Skrynikov alla vigilia del verdetto. "Siamo tutti dell'umore giusto per accogliere ciò che Geova permetterà. Se permette che io sia imprigionato, allora questa è la sua volontà e un nuovo appuntamento per me. Ci sono milioni di persone nelle colonie che non hanno ascoltato la Parola di Dio. Come disse Gesù Cristo: "I campi sono bianchi e pronti per la mietitura". Sono pronto a tutto e credo che il mio amato Dio Geova non mi abbandonerà. Ogni giorno mi riempie il cuore di pace e di gioia, e lo sarà sempre".

Il 1° aprile 2019, Gleb Noskov, giudice del tribunale distrettuale Zheleznodorozhny di Orel, ha dichiarato Sergey Skrynnikov colpevole ai sensi della parte 2 dell'articolo 282 del codice penale della Federazione Russa e lo ha condannato a una multa di 350 mila rubli.

Casi di successo

Il secondo Testimone di Geova di Orël ad essere processato dopo Dane Dennis Christensen è stato un insegnante di educazione fisica, Sergey Skrynnikov. Nel febbraio 2018, l’investigatore del Comitato investigativo per la regione di Orël, A.O. Kompaniets, ha aperto un procedimento penale contro il credente per “partecipazione alle attività di un’organizzazione estremista”. Successivamente, è stato effettuato un sopralluogo nella sua abitazione, durante il quale le forze dell’ordine non hanno trovato nulla di vietato. Non avendo né prove di colpevolezza né vittime nel caso, il procuratore Naumova ha chiesto 3 anni in una colonia di regime generale per Sergey. Il 1° aprile 2019, Gleb Noskov, giudice del tribunale distrettuale di Zheleznodorozhny di Orel, ha dichiarato il credente colpevole e lo ha condannato a pagare una multa di 350.000 rubli. L’istanza d’appello non ha modificato tale decisione. Il 9 ottobre 2019 è stata presentata una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso Skrynnikov.