Aggiornato: 27 maggio 2024
Nome: Shevchuk Mikhail Stanislavovich
Data di nascita: 30 novembre 1986
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 76 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 93 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni

Biografia

Mikhail Shevchuk, testimone di Geova alla quarta generazione. Proprio come suo padre e sua madre, nati in esilio in Siberia, Mikhail e suo fratello minore Aleksandr sono perseguitati per le loro convinzioni cristiane. Mikhail è nato nel novembre 1986 nel villaggio di Goryachevodsky, nel territorio di Stavropol. Fin dalla prima infanzia, è stato un bambino di buon cuore e diligente. Durante l'adolescenza, aiutava sua madre a cucire vestiti da vendere. Nel 2005 si è laureato con lode presso il College dell'Istituto Pyatigorsk dell'Università Federale del Caucaso settentrionale con una laurea in tecnologia del cucito.

Nel 2006, Mikhail si è trasferito a Saransk, dove ha lavorato nell'industria del mobile, prima come assemblatore e poi come designer. È creativo nel suo lavoro e gli piace risolvere compiti non standard. Nel tempo libero costruisce una casa, legge, chiacchiera con gli amici, si rilassa nella natura, gioca a scacchi e a volte prepara torte per la famiglia e gli amici. Nel 2013, Mikhail ha sposato Yaroslavna.

La trisnonna di Mikhail fu la prima della famiglia Shevchuk a iniziare a studiare la Bibbia nel 1936. I genitori hanno instillato valori morali nei loro figli e in giovane età hanno intrapreso il cammino cristiano. Mosso dall'amore per le persone e dal desiderio di rimanere una persona pacifica, Mikhail chiese di completare il servizio civile alternativo al servizio militare, ma fu esentato dalla coscrizione per motivi di salute.

Nel 2017, quando è stata emessa la sentenza di liquidazione delle persone giuridiche dei Testimoni di Geova, Mikhail e sua moglie hanno partecipato personalmente all'udienza della Corte Suprema e hanno ascoltato la dichiarazione che la decisione non avrebbe influito in alcun modo sul diritto dei credenti di praticare la loro religione. In seguito, però, quest'uomo amante della pace, onesto e compassionevole finì dietro le sbarre solo perché non rinunciò alle sue idee cristiane.

Casi di successo

Nel febbraio 2023 sono state effettuate una serie di perquisizioni nelle case dei testimoni di Geova a Saransk. Un mese prima, il Ministero degli Affari Interni aveva aperto un caso sull’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista. Diversi credenti, tra cui donne, sono stati portati per essere interrogati al centro per la lotta all’estremismo. Alcuni di loro hanno detto che gli investigatori hanno cercato di costringerli ad incriminare se stessi e i loro amici. Mikhail Shevchuk, Artem Velichko e Ivan Neverov sono stati rinchiusi in un centro di detenzione preventiva per 2,5 mesi e successivamente agli arresti domiciliari, dove hanno trascorso più di 3 mesi. Nell’agosto 2023, la loro misura preventiva è stata modificata in un divieto di determinate azioni.