Aggiornato: 22 luglio 2024
Nome: Shalyapin Anatoliy Aleksandrovich
Data di nascita: 21 gennaio 1994
Stato attuale: sospettare
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)

Biografia

Anatoly Chaliapin è nato in Estremo Oriente, nel Kraj di Primorsky. Prima di andare in pensione, sua madre era un'operatrice sanitaria: medico rurale, terapista, paramedico in terapia intensiva. Mio padre ha lavorato come autista per tutta la vita. Anatolij crebbe con i racconti biblici perché la sua famiglia — genitori e fratelli maggiori — conosceva il contenuto della Bibbia e la studiava con i testimoni di Geova ancor prima che lui nascesse. Già all'età di 12 anni prese la decisione consapevole di vivere da credente, rispettando profondamente i comandamenti della Bibbia.

Anatoly era appassionato di calcio fin da bambino, per qualche tempo ha giocato per la squadra della sua città. Dopo essersi diplomato, ha ricevuto un'istruzione secondaria in giurisprudenza. I suoi hobby, oltre allo sport, sono l'informatica, l'inglese e la chitarra.

Casi di successo

Nel febbraio 2018, agenti di polizia, il Dipartimento investigativo del ministero dell’Interno e combattenti armati del SOBR hanno fatto irruzione in almeno 16 case di testimoni di Geova locali a Belgorod. I credenti pacifici sono stati sottoposti a un duro trattamento verbale e fisico. Decine di persone, tra cui un gruppo di persone con disabilità uditive, sono state portate con la forza alla polizia per essere interrogate. L’ultimo degli interrogati è stato rilasciato solo la mattina dopo. Due credenti, Anatoliy Chaliapin e Sergey Voikov, sono stati detenuti per due giorni e poi rilasciati per loro stessa ammissione. Sono accusati di partecipare alle attività di un’organizzazione messa al bando, secondo l’inchiesta che l’inchiesta interpreta la partecipazione di uomini ai servizi dei testimoni di Geova. Il caso penale è stato gestito da una squadra investigativa composta da 12 dipendenti del Dipartimento investigativo del Ministero degli Affari interni della Russia nella regione di Belgorod. Nell’agosto 2019, l’indagine sul caso è stata sospesa, ma un mese dopo l’ufficio del procuratore ha ribaltato questa decisione e il caso è stato inviato per ulteriori indagini.