Aggiornato: 24 maggio 2024
Nome: Sergeyev Oleg Sergeyevich
Data di nascita: 5 gennaio 1984
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 6 anni e 4 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni religiose per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno e 6 mesi, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 5 anni

Biografia

Nel novembre 2021, Oleg Sergeyev è diventato un bersaglio delle forze dell'ordine. Due anni prima, anche suo padre, Sergey, era stato perseguitato. L'unica ragione di questi spiacevoli avvenimenti è la fede in Geova Dio.

Oleg è nato nel gennaio 1984 a Vladivostok. Quando Oleg era ancora un bambino, i suoi genitori iniziarono a studiare le Sacre Scritture e a instillare i valori biblici in lui e nella sorella minore. In seguito, Oleg decise di comprendere da solo gli insegnamenti religiosi. In seguito uno studio approfondito della Bibbia lo spinse a intraprendere la via cristiana.

In gioventù, Oleg era appassionato di pesca e manutenzione di auto. Dopo la scuola, ha studiato a Lesozavodsk (Territorio di Primorye) come tecnico di centrali e reti termiche ed elettriche. Oleg si è occupato di manutenzione dei sistemi di sicurezza, ha lavorato in diverse aziende del settore energetico e dal 2016 lavora come elettricista per la riparazione di sottostazioni.

Oleg conosceva sua moglie Anastasiya dai tempi della scuola: gli ultimi due anni di studio erano seduti allo stesso banco. Anastasiya, come Oleg, amava i valori cristiani fin dalla giovinezza. Nel 2010 i giovani si sono sposati. A Oleg piace ascoltare le melodie della chitarra, ha in programma di padroneggiare questo strumento musicale. Anastasiya amava ricamare e fare lavoretti con i suoi figli. Purtroppo, alla fine del 2023, Anastasiya è morta in un incidente e tre bambini piccoli sono stati lasciati alle cure del padre.

Il procedimento penale ha avuto un impatto negativo sulla vita della famiglia Sergeyev. Oleg dice: "A causa dell'incertezza, vivo costantemente in previsione del prossimo stress". Parenti e amici dei Sergeyev sono perplessi sul fatto che le persone pacifiche siano perseguitate solo per la loro religione.

Casi di successo

Nel luglio 2021 è stata perquisita la casa di Yuriy Ponomarenko a Luchegorsk. Il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro di lui con l’accusa di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Nel novembre dello stesso anno, nell’ambito del caso Ponomarenko, è stata effettuata una nuova perquisizione nella casa di Oleg Sergeyev. È stato accusato in base allo stesso articolo. Nel marzo 2022, altri due imputati sono comparsi nel caso. Andrey Lyakhov e Nikolay Dikhtyar sono stati accusati di partecipazione alle attività di un’organizzazione estremista. Nel giugno 2022, un procedimento penale contro i credenti è andato in tribunale. Nel dicembre 2023, il pubblico ministero ha chiesto la sospensione condizionale della pena da due a quattro anni per i credenti, ma nel gennaio 2024 il giudice ha deciso di riprendere l’indagine giudiziaria sul caso. Dopo tre mesi di udienze, il procuratore ha chiesto condanne reali per i credenti: da due a sei anni in una colonia a regime generale.