Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Rakovskiy Aleksandr Sergeyevich
Data di nascita: 2 agosto 1980
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 3 anni con restrizione della libertà per un periodo di 10 mesi; La pena principale sotto forma di reclusione è considerata condizionale, stabilendo un periodo di prova di 3 anni

Biografia

Aleksandr Rakovskiy è originario di Pavlovo, una città situata sulla riva del fiume Oka nella regione di Nizhny Novgorod. È un padre premuroso di un figlio e una figlia, specialista informatico di professione. Nel settembre 2020, Aleksandr è stato portato come imputato in un procedimento penale per la sua fede in Dio.

Aleksandr è nato nel 1980. Non ha mai lasciato la sua amata casa per molto tempo, se non per studiare all'Università statale Lobachevsky Nizhny Novgorod, dove si è laureato presso la Facoltà di Matematica Computazionale e Cibernetica.

Nella sua infanzia, Aleksandr è stato coinvolto nell'atletica leggera e nella sua giovinezza ha imparato a suonare la chitarra e ha suonato in un gruppo musicale. Ancora oggi suona l'acustica e il basso nel tempo libero, intrattenendo la sua famiglia e i suoi amici con la musica.

Nel 2005, Aleksandr ha sposato Tatyana. Lavora come segretaria in una scuola di musica. Nel tempo libero le piace andare in bicicletta e scattare foto. Pochi anni dopo il matrimonio la coppia si interessò agli insegnamenti biblici. Dalle Sacre Scritture hanno imparato la meravigliosa speranza per il futuro e insieme nel 2009 hanno deciso di diventare cristiani.

Nel 2020, Aleksandr e Tatyana hanno avuto una figlia. L'ambiente difficile in cui i genitori amorevoli devono crescere i propri figli (una pandemia e un procedimento penale ingiusto) è una seria preoccupazione per loro. Anche i loro cari sono preoccupati per l'accaduto e cercano di aiutarli in ogni modo.

Casi di successo

Nel luglio 2019 a Nizhny Novgorod e nella città di Pavlovo si sono svolte perquisizioni e detenzioni di massa di testimoni di Geova. Il Servizio di sicurezza federale della Russia per la regione di Nizhny Novgorod ha avviato un procedimento penale con il sospetto che persone non identificate stessero partecipando ad attività estremiste: è così che l’indagine ha classificato il culto dei credenti. Le forze di sicurezza hanno arrestato Aleksey Oreshkov e Aleksandr Vavilov e li hanno posti in custodia cautelare rispettivamente per 211 e 241 giorni. In seguito, l’FSB ha aggiunto Aleksandr Rakovskiy allo stesso caso come imputato. Nel gennaio 2021, il caso è andato in tribunale. Nonostante le testimonianze inventate nel caso e il fatto che non ci fossero vittime, nell’ottobre 2021 il tribunale ha inflitto una pena sospesa di 3 anni ai credenti pacifici. A gennaio 2022 il tribunale regionale, e a dicembre la corte di cassazione, hanno lasciato invariata questa sentenza.