Aggiornato: 15 aprile 2024
Nome: Prokhorov Nikolay Vladimirovich
Data di nascita: 19 aprile 1964
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Riconoscimento di non partire

Biografia

Dicembre 2020 è stato un periodo particolarmente difficile nella vita di Nikolay Prokhorov: ha perso la madre, e 10 giorni dopo la sua casa è stata perquisita. In gioventù, Nikolaj sognava un mondo giusto e credeva negli ideali del comunismo, nei quali divenne presto disilluso, ma in seguito trovò una solida speranza per il futuro grazie alla Bibbia. Paradossalmente, fu proprio a causa del suo amore per le Sacre Scritture che il credente si trovò sotto inchiesta.

Nikolaiy è nato nel marzo del 1964 nel villaggio di Morshan, nel distretto di Kirsanovsky, nella regione di Tambov, in una semplice famiglia della classe operaia. Nel 1985 si è diplomato alla Scuola di Difesa Aerea del Comando Superiore dei Missili Antiaerei di Nizhny Novgorod ed è entrato nell'esercito. Prestò servizio nella regione di Mosca e nell'Estremo Nord. Nel 1993 ha lasciato il suo lavoro e si è trasferito a Sebastopoli, dove ha iniziato l'attività.

Nel 2000, Nikolay ha incontrato la sua futura moglie Yelena, che lavorava in un atelier. Nel 2005 si sono trasferiti a Kirsanov per prendersi cura della madre di Nikolaj e nel 2008 si sono sposati dopo aver appreso le norme bibliche sul matrimonio. "Cominciai a studiare la Bibbia a causa del comportamento dei testimoni di Geova, che era molto diverso da quello che avevo sperimentato prima. Mi sono reso conto di aver trovato la verità", dice Nikolay. Dal 2008 è un cristiano impegnato.

La coppia ha cresciuto due figli: il figlio Vasiliy e la figlia Alyona, che vivono già separati. La figlia lavora in uno studio di web design, il figlio è all'università. Nikolay ama nuotare e preparare preparazioni a base di erbe, Yelena ama cucinare. Inoltre, gli sposi viaggiano con piacere e assistono alle gare di biathlon.

A causa del procedimento penale, Nikolay ha perso il lavoro e la famiglia è rimasta senza il reddito principale. L'uomo ha lavorato per 15 anni presso l'impresa Kirsanov Electric Networks, da dove è stato licenziato il giorno successivo alla perquisizione. I colleghi si chiedono perché un dipendente pacifico e responsabile venga accusato di organizzare attività estremiste solo a causa delle sue convinzioni. Anche i parenti di Nikolay sono indignati per le accuse ingiuste contro di lui.

Casi di successo

Nel dicembre 2020, il Comitato investigativo ha aperto procedimenti penali per la loro fede contro Anton Kuzhelkov e Nikolai Prokhorov. Lo stesso giorno, le cause sono state riunite in un unico procedimento. Le forze di sicurezza hanno perquisito 19 indirizzi di testimoni di Geova a Kirsanov, come pure nel luogo di residenza effettiva di Kuzhelkov nella città di Lukhovitsy (regione di Mosca). A Nikolay fu ordinato di non lasciare il posto. Anton è stato messo in un centro di detenzione preventiva, dove è rimasto per 430 giorni, dopodiché è stato rilasciato in base al divieto di determinate azioni. Nel settembre 2021, il caso è andato in tribunale.