Aggiornato: 23 aprile 2024
Nome: Postnikova Agnessa Davydovna
Data di nascita: 15 marzo 1963
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1.1)
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 4 anni e 6 mesi, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 6 mesi, una pena detentiva è considerata condizionale con un periodo di prova di 5 anni

Biografia

All'inizio degli anni '80 la numerosa famiglia in cui era cresciuta Agnessa Postnikova fu perseguitata dalle autorità perché praticava la religione dei testimoni di Geova. Sono venuti da loro con una perquisizione, la loro madre è stata convocata per colloqui nel KGB, il padre e uno dei fratelli di Agnessa sono stati multati e l'altro è stato imprigionato per un anno e mezzo per essersi rifiutato di collaborare con i servizi speciali. Oggi, la credente è di nuovo perseguitata: è stato aperto un procedimento penale per estremismo contro di lei e suo marito.

Agnes è nata nel 1963 in Kazakistan. È la quinta di sette figli della famiglia: ha 4 fratelli maggiori e 2 sorelle minori. I genitori hanno lavorato sodo per fornire ai figli tutto ciò di cui avevano bisogno. Credevano in Dio e instillavano questa fede nei loro figli, ma non era facile: la scuola li ha cresciuti nello spirito dell'ateismo.

Da bambina, Agnessa ha frequentato corsi di danza e teatro. Amava sciare e pattinare. D'estate pescavano sul fiume, facevano escursioni. Dopo la scuola, si è diplomata ai corsi di taglio e cucito, ha lavorato in una sartoria.

Quando Agnessa frequentava il liceo, tutta la famiglia conobbe i testimoni di Geova. Il loro ragionamento logico durante le discussioni su argomenti religiosi convinse Agnese e i suoi fratelli dell'esistenza di un Creatore. Fu allora che udì per la prima volta il nome di Dio: Geova. Era particolarmente toccata dalla promessa del Creatore di resuscitare i morti (Agnessa non ha mai visto i suoi nonni, e le mancavano molto). Di conseguenza, tutti i membri della famiglia divennero cristiani.

Dal Kazakistan, Agnessa si trasferì in Estremo Oriente, a Khabarovsk. Dopo un po', tutti gli altri membri della famiglia si trasferirono da lei. Nel 1989 ha sposato Oleg. Subito dopo il matrimonio, la coppia si trasferì a Birobidzhan. Hanno cresciuto due figli. La famiglia ama trascorrere del tempo in campagna, prendersi cura dei fiori, fare escursioni.

La persecuzione cambiò radicalmente la vita della coppia di sposi e colpì gravemente le cattive condizioni di salute di Agnessa, che in precedenza aveva subito tre interventi chirurgici. I coniugi ora vivono in costante stress, in attesa della prossima ricerca.

Casi di successo

Nel maggio 2018 si è svolta a Birobidzhan un’operazione speciale dell’FSB con la partecipazione di 150 funzionari della sicurezza, nome in codice “Giorno del giudizio”. Di conseguenza, almeno 20 testimoni di Geova sono stati perseguiti. Tra loro c’erano Oleg e Agnessa Postnikov. L’FSB ha accusato i coniugi di coinvolgimento in un’organizzazione estremista e di partecipazione alle sue attività. Hanno firmato un riconoscimento per non andarsene. Il caso è andato in tribunale nel luglio 2021. Le accuse contro i credenti si basavano sulla testimonianza dell’agente di polizia Zvereva e di un altro residente di Birobidzhan, che fingevano di essere interessati alla Bibbia. Nell’aprile 2022, il tribunale ha dichiarato i Postnikov colpevoli e ha condannato Oleg e Agnessa rispettivamente a 5,5 e 5 anni di pena sospesa. L’appello ha ribaltato questa decisione e nell’ottobre 2022 ha rinviato il caso per un nuovo processo, che si è concluso con una condanna a 5,5 anni e 4,5 anni di pena sospesa. Il secondo appello ha confermato il verdetto. Nel febbraio 2024 è stata effettuata un’altra perquisizione a casa dei Postnikov, ma nell’ambito di un nuovo raid delle forze di sicurezza nelle case dei credenti.