Aggiornato: 25 aprile 2024
Nome: Popov Pavel Nikolayevich
Data di nascita: 4 marzo 1977
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni religiose per un periodo di 6 anni con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la punizione sotto forma di reclusione sarà considerata condizionale con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Pavel Popov, originario della regione di Chelyabinsk, è cresciuto in una famiglia disfunzionale ed è stato un adolescente difficile. Con l'aiuto della Bibbia riuscì a cambiare radicalmente la sua vita. Oggi quest'uomo onesto è accusato di estremismo a motivo della sua fede in Geova Dio.

Pavel è nato nel marzo del 1977 a Novokuznetsk (regione di Kemerovo). La famiglia ebbe cinque figli. I genitori non sono più in vita. Papà morì quando Pavel aveva 15 anni.

Il ragazzo ha avuto difficoltà a studiare a scuola, in prima elementare ha iniziato a fumare, e in quinta elementare è diventato dipendente dall'alcol. Pavel è stato registrato nella stanza dei bambini della polizia per frequenti risse e furti. Racconta: "Nel cortile mi conoscevano come un bullo che la prigione sta aspettando".

Dopo essersi laureato, Pavel ha ottenuto la professione di meccanico d'auto di 4 ° grado, e in seguito ha imparato a essere un saldatore elettrico a gas di 5 ° grado. Ha lavorato in una fabbrica, come custode in un asilo, come caricatore in una panetteria, come saldatore. Dal 2005 lavora nel settore delle costruzioni.

Nella sua giovinezza, Pavel ha imparato che la Bibbia contiene le risposte alle sue domande: perché c'è così tanto male nel mondo e qual è il senso della vita? Egli ricorda: "Ero affascinato dal fatto che la Bibbia parlasse apertamente di fatti scientifici sulla forma della terra, sulle opinioni mediche, sulla quarantena e sulla coerenza interna della Bibbia e delle profezie adempiute".

A Pavel piaceva che i testimoni di Geova, che lo avevano introdotto alle verità bibliche, vivessero secondo elevate norme morali. Dopo il secondo incontro con loro, il giovane smise di fumare e sei mesi dopo, all'età di 18 anni, intraprese la via cristiana.

La conoscenza acquisita dalla Bibbia non permise al giovane di imbracciare le armi. "Sono stato 10 volte nell'ufficio di registrazione e arruolamento militare e ogni volta ho scritto una dichiarazione sul servizio alternativo, ma poiché non era nel paese, sono stato di nuovo arruolato nell'esercito, e di nuovo ho dovuto passare attraverso una commissione", ricorda Pavel.

Pavel ha incontrato la sua futura moglie Yelena nel 1995. Condivideva il suo punto di vista sulla vita. Nella Bibbia, Yelena era attratta dal fatto che Dio ha un piano meraviglioso per le persone obbedienti: dare loro la vita eterna in un paradiso sulla terra. Nel 2003 i giovani si sono sposati. Insieme si sono trasferiti nel villaggio di Krasnogorsk (regione di Chelyabinsk), e dal 2007 la coppia vive nella città di Yemanzhelinsk. Yelena ama molto leggere, cantare e ballare, e insieme a suo marito le piace andare nella foresta a cercare funghi e bacche. Una figlia di una studentessa sta crescendo in famiglia.

Durante la prima perquisizione nel 2019, sono stati presi album di famiglia con fotografie e video dai Popov. "Per diverse settimane siamo stati sotto stress e, vedendo qualsiasi agente di polizia, ci siamo allarmati", dicono i coniugi. L'azione penale ha riguardato anche il lavoro di Pavel: l'appaltatore si è rifiutato di pagare per il suo lavoro in tre siti in relazione alla convocazione per l'interrogatorio dell'investigatore Chepenko. Pavel ha perso un reddito significativo. Parenti e conoscenti dei Popov, compresi quelli che non condividono le credenze religiose dei coniugi, si chiedono perché stiano perseguitando questa persona rispettosa della legge.

Casi di successo

Le forze di sicurezza hanno perquisito l’appartamento di Pavel Popov e di sua moglie in presenza della loro giovane figlia due volte, nel 2019 e nel 2021. Un credente pacifico di Yemanzhelinsk è stato portato come testimone nel caso di Valentina Suvorova di Chelyabinsk e nell’aprile 2021 l’investigatore del Comitato investigativo della Federazione Russa Alexander Chepenko ha aperto un procedimento penale contro di lui. Considerava la predicazione, il canto di canti religiosi e le preghiere come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista. Nel novembre 2021, il caso è andato in tribunale. Durante le udienze, è diventato ovvio che le deposizioni dei testimoni dell’accusa erano state falsificate e che l’accusa non aveva prove. Nonostante ciò, il pubblico ministero ha chiesto al tribunale di condannare il credente a 8 anni di carcere. Nel maggio 2022, il credente è stato giudicato colpevole e condannato a 6 anni di libertà vigilata con un periodo di prova di 4 anni. L’appello e la cassazione hanno confermato il verdetto.