Questa persona è anche perseguita in un altro procedimento penale:
Il caso di Polevodov e Kim a Khabarovsk
Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Polevodov Nikolay Yuryevich
Data di nascita: 10 febbraio 1970
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 63 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 200 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: centro di detenzione
Frase: исправительная колония (8 anni e 6 mesi)

Biografia

Il 10 novembre, a Khabarovsk, la polizia antisommossa ha fatto irruzione in una festa amichevole in un caffè locale e ha arrestato diversi residenti locali, tra cui Nikolai Polevodov. È stato aperto un caso contro di loro ai sensi dell'articolo 282.2 (estremismo) e Nikolay è finito in un centro di detenzione preventiva. Cosa si sa di lui?

Nikolaj Polevodov è nato nel 1970 in una famiglia non religiosa. Da bambino amava leggere, soprattutto i libri di storia. Dopo essersi diplomato, ha studiato come elettricista e ha svolto a lungo la sua professione. Si considerava un ateo convinto, ma era profondamente interessato alle questioni della vita. Un giorno venne a sapere da un compagno di scuola che c'erano prove inconfutabili dell'esistenza di Dio e dell'affidabilità della Bibbia. La lettura ponderata di questo libro lo spinse a riconsiderare la sua vita, ad abbandonare le cattive abitudini e a dedicare la sua vita al servizio di Dio. Questo accadde nel 1995. Poi sposò Tatiana, che lavorava come insegnante, ed ebbero un figlio.

Nikolay e Tatiana amano cantare con la chitarra, fare sport all'aria aperta, viaggiare. Nicholas è conosciuto come una persona gentile e comprensiva, sempre pronta ad aiutare con le parole e con i fatti. Il suo arresto è stato un vero shock non solo per la sua famiglia, ma anche per amici e colleghi di lavoro che non condividono le sue convinzioni cristiane. Non riescono a capire quale estremismo abbia commesso.

Casi di successo

I civili di Khabarovsk Nikolay Polevodov, Stanislav Kim, i coniugi Vitaliy e Tatyana Zhuk, Svetlana Sedova e Maya Karpushkina sono stati indagati dopo che la polizia antisommossa ha fatto irruzione in una festa amichevole in un caffè nel novembre 2018. Tre uomini sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva e successivamente agli arresti domiciliari. Di conseguenza, il Comitato Investigativo ha accusato gli uomini di organizzare le attività di un’organizzazione estremista e le donne di parteciparvi. L’unica ragione è credere in Geova Dio e parlare della Bibbia con gli amici. 14 mesi del tribunale di primo grado hanno rivelato l’infondatezza dell’accusa e il caso è stato rinviato alla procura. Nel dicembre 2021 è tornata in tribunale. Nel giugno 2024, Polevodov, Zhuk e Kim sono stati mandati in una colonia penale rispettivamente per 8,5 anni, 8 anni e 4 mesi e 8 anni e 2 mesi. Tatyana Zhuk e Svetlana Sedova hanno ricevuto 5 anni di libertà vigilata e Maya Karpushkina ha ricevuto 4 anni di libertà vigilata. Kim e Polevodov sono stati contemporaneamente imputati in un altro procedimento penale per la loro fede e allo stesso tempo hanno difeso le loro convinzioni in un altro tribunale.