Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Petrov Konstantin Nikolayevich
Data di nascita: 9 agosto 1986
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 63 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 236 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse all'organizzazione, gestione e partecipazione all'opera di organizzazioni e associazioni religiose pubbliche per un periodo di 7 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 5 anni

Biografia

Un anno dopo il matrimonio, Konstantin Petrov è stato inaspettatamente arrestato, ha trascorso 64 giorni in un centro di detenzione preventiva, dopodiché è stato trasferito agli arresti domiciliari. Per diversi anni è stato costretto a dimostrare in tribunale il suo diritto alla libertà di religione.

Konstantin è nato nel 1986 a Nizhnevartovsk (regione di Tyumen). Da bambino amava suonare la chitarra e frequentava un club teatrale, con il quale andava in tournée in altre città. Per diversi anni è stato impegnato nel judo. Quando aveva 8 anni, suo padre morì e la madre crebbe i figli da sola. Konstantin ha un fratello maggiore.

Al liceo, Konstantin ha imparato la professione di elettricista. Si occupò anche della riparazione di elettrodomestici, dell'elettronica e della riparazione e decorazione di appartamenti. Ha lavorato come specialista nella riparazione di lavatrici e altre apparecchiature elettriche.

Da bambino, Konstantin voleva saperne di più su Gesù Cristo. All'età di 13 anni, ha letto un libro su di lui che lo ha colpito. In seguito lui e suo fratello conobbero i testimoni di Geova, che li aiutarono a capire meglio la Bibbia. Per tre anni e mezzo, Konstantin ha svolto il servizio civile alternativo in un impianto chimico a Kazan, poiché le sue convinzioni cristiane amanti della pace non gli permettevano di prendere le armi.

Konstantin ha vissuto a Kazan per un po' di tempo, poi si è trasferito a Bryansk, e dal 2015 vive a Magadan. Nel 2017 ha sposato Tatyana, una ragazza a lui vicina nello spirito. Lavorava come sarta e puliva i locali. Tat'jana è stata tra le mogli che hanno inviato una lettera collettiva al Consiglio sotto il Presidente della Federazione Russa.

La coppia ama trascorrere del tempo insieme, cucinando e cuocendo torte, suonando strumenti musicali e cantando, stando nella natura e facendo escursioni con gli amici.

Tutti i parenti, comprese le madri di Konstantin e Tatyana, sono preoccupati per l'incriminazione penale e non capiscono come persone pacifiche e buone possano essere accusate di un grave crimine. Da diversi anni non hanno più l'opportunità di vedersi di persona a causa delle restrizioni legate al procedimento penale.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.