Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Ostapenko Anton Olegovich
Data di nascita: 12 gennaio 1991
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 5 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 240 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 61 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni e 3 mesi, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni pubbliche e religiose, organizzazioni pubbliche o religiose per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno e 6 mesi; La pena detentiva si intende sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 19 aprile 2019, nella città di Sharypovo (Territorio di Krasnojarsk), hanno avuto luogo perquisizioni e interrogatori di massa di cittadini che le autorità considerano partecipanti ai servizi di culto dei Testimoni di Geova. Anton Ostapenko è stato arrestato come organizzatore di tali servizi di culto e le autorità hanno ottenuto registrazioni audio di lui che parlava con altri di argomenti biblici. Per decisione del tribunale, Anton è stato messo in un centro di detenzione preventiva per almeno due mesi. Cosa si sa di questo presunto pericoloso criminale?

Anton è nato nel 1991 a Ekibastuz, in Kazakistan. Ha una sorella maggiore, ed entrambi sono stati introdotti ai comandamenti della Bibbia da adolescenti dalla madre. Ciò ha avuto un effetto positivo sul comportamento e sul rendimento scolastico, entrambi i bambini hanno ricevuto ripetutamente certificati e ringraziamenti da parte degli insegnanti. Anton era molto interessato all'informatica, suonava la chitarra, frequentava uno studio circense, faceva escursioni.

Nel 2012, Anton ha conseguito un diploma presso l'Università Federale Siberia con una laurea in centrali termiche e nello stesso anno ha ottenuto un lavoro presso la centrale elettrica di Berezovskaya come cingolato dell'officina di caldaie e turbine. Tuttavia, dal 2012 al 2014, ha svolto il servizio civile alternativo in una casa di cura per anziani e disabili, poiché le credenze cristiane non permettevano ad Anton di prendere le armi. In questa istituzione, ha anche ricevuto la gratitudine della direzione per il lavoro coscienzioso e il contributo personale allo sviluppo dell'istituzione.

Nel 2015, Anton ha sposato Nataliya. La coppia ama stare nella natura e in inverno sciare e fare snowboard. Ad Anton piace pescare e giocare a tennis con gli amici.

I colleghi di Anton alla Berezovskaya GRES sono stupiti dal procedimento penale avviato contro di lui per la loro fede, perché lo conoscono come una persona perbene e un dipendente responsabile. Il padre di Anton, che non condivide la sua fede, è indignato da quanto sta accadendo. "E' illegalità quando vengono catturati credenti che non hanno causato alcun danno allo Stato", dice. Le malattie croniche di entrambi i genitori peggiorarono a causa della persecuzione del figlio e sua madre ebbe bisogno di cure mediche.

Casi di successo

Nell’aprile 2019, l’investigatore Yulia Fedynyak ha aperto un procedimento penale contro l’autista della centrale elettrica Anton Ostapenko. Parlare della Bibbia equivaleva all’organizzazione di attività estremiste. Ostapenko è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per sei mesi, dopodiché è stato trasferito agli arresti domiciliari e in seguito al riconoscimento di non uscire. Dopo 1 anno e 9 mesi, il caso è stato trasferito al tribunale della città di Sharypovsky per l’esame da parte del giudice Inga Gavritskaya. Durante le udienze sono state lette le trascrizioni delle preghiere di Anton, che hanno costituito la base della sua accusa. Il testimone segreto dell’accusa “Ivanov” ha dichiarato di non conoscere personalmente l’imputato, e che durante le funzioni i credenti “si riuniscono e cantano canzoni”. Il pubblico ministero ha chiesto alla corte di condannare il credente a 8 anni in una colonia penale. Nell’ottobre 2021, il tribunale ha dichiarato Ostapenko colpevole e lo ha condannato a 6 anni e 3 mesi di libertà vigilata con un periodo di prova di 4 anni e 1,5 anni di ulteriori restrizioni. Nell’aprile 2022, la corte d’appello ha confermato questa decisione.