Aggiornato: 24 luglio 2024
Nome: Oniszczuk Andrzej
Data di nascita: 3 ottobre 1968
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 327 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni 6 mesi, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche e religiose per 2 anni, la pena principale è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il cittadino polacco Andrzej Onishchuk è stato arrestato e detenuto nell'ottobre 2018 dopo un rastrellamento dei testimoni di Geova a Kirov solo a causa della sua fede.

Andrzej è nato nel 1968 a Bialystok (Polonia). In gioventù era appassionato di calcio e sollevamento pesi. Dopo la scuola, ha ricevuto la professione di tornitore e ha lavorato in Polonia in questa specialità.

Nel 1997, Andrzej si è trasferito in Russia, dove ha vissuto e lavorato come imprenditore individuale a Kirov. Qui ha conosciuto Anna, che ha sposato nel 2002.

Andrzej e Anna amano stare nella natura, raccogliere funghi, giocare a calcio. Andrzej ama la letteratura russa e ama leggere Tolstoj, Solzhenitsyn, Pasternak.

Parenti e amici di Andrzej, secondo il credente, "non possono credere che nel nostro tempo, nel XXI secolo, le persone siano accusate di credenze religiose".

Casi di successo

Nell’ottobre 2018 sono state effettuate perquisizioni di fedeli a Kirov. Un procedimento penale per articoli estremisti è stato avviato contro sette residenti locali, cinque dei quali sono stati presi in custodia, tra cui il cittadino polacco Andrzej Oniszczuk, che era in cattività da quasi un anno. I suoi compagni di fede trascorsero dai 3 agli 11 mesi in prigione e altri 6-9 mesi agli arresti domiciliari. Gli uomini sono stati inclusi nella lista di monitoraggio di Rosfin. Uno degli accusati, Yuriy Geraskov, morì di una lunga malattia una settimana prima del processo. A gennaio 2021 sono iniziate le udienze in tribunale. Nel giugno 2022, i fedeli sono stati condannati a pene sospese che vanno da 2,5 a 6,5 anni. Anche Yuriy Geraskov è stato giudicato colpevole di estremismo, ma il procedimento penale è stato archiviato a causa della sua morte. La corte d’appello confermò il verdetto contro i credenti.