Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Moskalenko Valeriy Vasilyevich
Data di nascita: 15 aprile 1967
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 395 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Frase: sanzione sotto forma di multa per un importo di 500.000 rubli; tenendo conto della detenzione in stato di detenzione, liberare la persona condannata dall'esecuzione della pena inflitta sotto forma di ammenda;

Biografia

Valery Moskalenko è stato arrestato il 2 agosto 2018 a Khabarovsk a seguito di perquisizioni in almeno quattro case di civili. Fu messo in un centro di detenzione preventiva, dove trascorse più di un anno solo a motivo della sua fede in Geova Dio.

Valery è nato a Khabarovsk nel 1967. Di professione è assistente macchinista di una locomotiva elettrica. Fin dall'infanzia, il ragazzo ha sentito un urgente bisogno di giustizia, motivo per cui in età avanzata ha iniziato a cercare Dio. Dall'inizio degli anni '90, la fede in Dio è diventata una parte importante della sua vita.

Valery ama viaggiare, ascoltare musica e persino suonare la tromba. I suoi numerosi amici dicono che è reattivo e sempre pronto ad aiutare. Prima di essere imprigionato nel centro di detenzione preventiva, Valery viveva con l'anziana madre e le forniva le cure quotidiane, di cui aveva disperatamente bisogno. Durante il suo arresto, si è ammalata e ha dovuto chiamare un'ambulanza. Tutti coloro che conoscono Valeriy sono scioccati dal fatto che sia stato condannato per un'accusa assurda. Il credente non è d'accordo con il verdetto e farà appello alla Corte Europea.

Casi di successo

Il 5 novembre 2019, il tribunale regionale di Khabarovsk ha emesso il verdetto finale nel caso di Valeriy Moskalenko: una multa di 500.000 rubli. In precedenza, il tribunale distrettuale di Zheleznodorozhny aveva condannato il pacifico credente a 2 anni e 2 mesi di lavori forzati e 6 mesi di libertà limitata. Il credente è stato incriminato ai sensi della Parte 2 dell’articolo 282.2 del codice penale sulla base del fatto che il 21 aprile 2018 ha “agito intenzionalmente”, “nel rispetto delle misure di cospirazione”, ha partecipato a un servizio di culto dei Testimoni di Geova. Il credente è stato gettato dietro le sbarre nell’agosto 2018 dopo che l’FSB di Khabarovsk ha perquisito la casa di Valeriy in sua assenza. Per più di un anno, l’anziana madre single è stata privata del sostegno di suo figlio. In tribunale, l’esperto ha dichiarato che le parole del Sermone della Montagna di Cristo, di cui Moskalenko ha discusso tra i compagni di fede, “sono la prova di una propaganda esclusiva e un invito a continuare le attività di un’organizzazione bandita”. L’accusa si è basata anche sulla testimonianza di un testimone, che ha dichiarato in tribunale di non conoscere Valeriy e di non aver firmato il verbale dell’interrogatorio. Il credente non è d’accordo con il verdetto e si appella alla Corte europea dei diritti dell’uomo.