Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Miretskiy Aleksey Petrovich
Data di nascita: 14 dicembre 1975
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 92 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 592 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 2 anni di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony #1 of UFSIN for Orenburg Region
Indirizzo per la corrispondenza: Aleksey Petrovich Miretskiy, 1975 born, Penal Colony #1 of UFSIN for Orenburg Region, Krymski per., 119, Orenburg, 460026, Russian Federation

Biografia

Candidato alla Laurea in Scienze Economiche, il Professore Associato Aleksey Miretskiy è uno dei sei residenti di Saratov che hanno scontato una pena detentiva per la loro fede in una colonia. Il 3 agosto 2021 ha lasciato il luogo di detenzione.

Aleksey è nato nel 1975 a Pskov. Ha una sorella maggiore. Il padre era un colonnello dell'aviazione e la madre lavorava come contabile. In connessione con il servizio militare di suo padre, la famiglia cambiava spesso luogo di residenza: Pskov, Vitebsk, Minsk (Bielorussia), Kalvaria (Lituania). Dal 1993, Aleksey vive stabilmente a Saratov.

Da bambino, Aleksey aveva molti hobby: corsa, lotta, boxe, danza, ping pong, collezionare francobolli e monete, fotografia, teatro. Scrisse anche poesie. Aleksey si è diplomato con una medaglia d'oro.

Dopo essersi laureato con lode presso l'Università di Economia nel 1997, Aleksey ha conseguito una specializzazione in scienze bancarie, insegnando scienze bancarie all'università per diversi anni. Contemporaneamente ha lavorato in una banca nel campo del marketing e del personale, e successivamente in una grande rete di vendita al dettaglio. In totale, ha lavorato nel settore bancario per 13 anni.

All'inizio degli anni '90 la fidanzata di Aleksey lo introdusse agli insegnamenti biblici. Entrambi erano ancora studenti. Il cuore di Aleksey è stato toccato da elevate norme morali e princìpi biblici riguardanti la vita familiare. "A differenza dei giovani all'università, i giovani cristiani vivevano secondo gli standard morali che mi erano stati inculcati fin dall'infanzia e che la maggior parte delle persone rifiutava con il crollo dell'URSS. A differenza delle confuse filosofie umane che ho studiato all'università, la verità biblica è molto semplice e bella", dice.

Aleksey ha dovuto lasciare il suo lavoro sotto la pressione dei suoi superiori, che temevano minacce da parte dell'FSB a causa delle opinioni religiose del dipendente. Essendo risultato imputato in un procedimento penale per la sua fede, Aleksey non è riuscito a trovare un lavoro per diversi mesi, nonostante la sua ricca conoscenza ed esperienza. Ovunque abbia lavorato, ha ricevuto gratitudine per il suo lavoro coscienzioso e duro. Un test della macchina della verità è stato effettuato presso la banca e la conclusione è stata scritta: "patologicamente onesto".

Anche la moglie di Aleksey, Yuliya, si è laureata all'Università di Economia. Si sono sposati nel 1996. Yuliya ha dedicato la maggior parte della sua vita a crescere sua figlia e a prendersi cura della sua famiglia. Gli sposi si prendono cura della trama personale e spesso si rilassano su di essa con gli amici. Aleksey legge molto, ama passeggiare nella natura, andare a cavallo, raccogliere funghi, sciare, fare giochi educativi con la famiglia e gli amici di diverse età. La famiglia di Aleksey ha viaggiato molto fino a quando non è finito sotto il riconoscimento di non partire, e poi in prigione a causa della sua religione.

La coppia ha cresciuto la loro figlia Mariya, che si è diplomata con lode al liceo e al College of Culinary Arts. Mariya è una fiorista di professione, conosce tre lingue, scrive poesie e racconti ed è impegnata nella pittura. La sua foto è affissa sul tabellone d'onore distrettuale. Mariya vive separata dai suoi genitori. "Io e mia figlia abbiamo sempre trascorso molto tempo insieme e siamo molto legate l'una all'altra", dice Aleksey. "La ricerca e la consapevolezza di non partire mi hanno reso impossibile vedere mia figlia, dalla quale avevo intenzione di volare a trovarla".

I colleghi di Aleksey sono rimasti scioccati dal suo procedimento penale a causa delle accuse di estremismo. La direzione dell'azienda era scontenta della perdita di un prezioso dipendente. La madre di Aleksey, che non condivide le sue idee religiose, ha inviato la domanda alla linea diretta del Presidente della Federazione Russa su cosa sia esattamente l'"estremismo" dei testimoni di Geova.

Nonostante l'assurdità delle accuse, nel settembre 2019, Aleksey è stato mandato in una colonia per 2 anni.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.