Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Mamalimov Igor Rafitovich
Data di nascita: 25 novembre 1976
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 106 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 640 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni con scontare una pena in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività di leadership in organizzazioni pubbliche per un periodo di 6 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Medical Penal Facility No. 34
Indirizzo per la corrispondenza: Mamalimov Igor Rafitovich, born 1976, FKU LIU-34 UFSIN of Russia in Republic of Khakassia, g. Chernogorsk, p. Prigorsk, Republic of Khakassia, Russia, 655156

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Il 10 febbraio 2020 ha avuto luogo uno dei raid più massicci contro le case dei civili a Chita e in diversi distretti del Territorio Trans-Baikal. Quel giorno, le forze di sicurezza hanno fatto irruzione in 50 case di fedeli. Tra loro c'è la famiglia di Igor Mamalimov.

Igor è nato nel 1976 nel distretto di Ilishevsky in Bashkortostan. Un anno dopo, una figlia apparve in famiglia, e in seguito nacque il figlio più giovane, Pavel. I genitori gestivano una grande fattoria, quindi i bambini fin da piccoli aiutavano a coltivare la terra e a prendersi cura del bestiame. In inverno, a Igor piaceva sciare o pattinare. Grazie a suo nonno, si innamorò della musica e imparò a suonare la fisarmonica da solo.

Dopo la scuola, Igor entrò nel Collegio Industriale e Pedagogico di Chita, ma dopo un anno di studio fu arruolato nell'esercito. Dopo aver completato il servizio, completò i suoi studi, avendo ricevuto le specialità di meccanico, tornitore, fabbro, acquisito i diritti di conducente di trattori. In seguito ha ricevuto un permesso di lavoro nella sicurezza e ha lavorato come guardia giurata per qualche tempo. Ha lavorato anche nel campo del trasporto merci. Di recente, ha lavorato part-time come muratore di stufe ed è stato impegnato nella riparazione di auto.

All'inizio degli anni 2000, Igor si ammalò gravemente, più o meno nello stesso periodo in cui sua sorella minore morì in un incidente d'auto. Questi avvenimenti lo spinsero a pensare a Dio e alle questioni di vita e di morte. Igor pregò Dio e trovò le risposte a queste domande nella Bibbia. Lo studio di questo libro lo aiutò anche a superare le cattive abitudini.

Nel 2007, Igor ha sposato Natalya, che condivideva i suoi nuovi valori. Nel corso del tempo, la coppia ha avuto tre figli. Natalia dedica molto tempo alla loro educazione, quindi Igor è l'unico capofamiglia della famiglia.

Il procedimento penale ha influito sullo stato emotivo e fisico della famiglia: durante la perquisizione, i bambini erano molto spaventati e molto preoccupati per il padre, c'era paura e diffidenza nei confronti delle persone. Pertanto, Igor e Natalia cercano di prestare loro maggiore attenzione. La madre di Igor è molto preoccupata per suo figlio, queste esperienze hanno influito sulla sua salute.

Casi di successo

Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev, Sergey Kirilyuk e Igor Mamalimov sono stati processati per la loro fede nel 2020, quando le forze di sicurezza hanno effettuato 50 perquisizioni a Chita e in altre città della Transbaikalia. Durante il raid, diversi fedeli sono stati arrestati e due sono stati torturati. Mamalimov, Kirilyuk ed Ermolaev sono stati rinchiusi in un centro di detenzione temporanea, dove hanno trascorso diversi giorni. A un certo punto, altri quattro credenti sono stati sospettati nel caso, ma il loro procedimento penale è stato interrotto. Per aver tenuto funzioni religiose pacifiche, il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Ermolaev, Putintsev, Mamalimov e Kirilyuk di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Nonostante il fatto che non ci fossero vittime nel caso e non ci fossero prove di crimini contro lo Stato e l’individuo, nel 2022 il tribunale ha condannato Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev e Igor Mamalimov alla reclusione in una colonia penale per 6-6,5 anni e Sergey Kirilyuk a 6 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto. Le corti d’appello e di cassazione non hanno modificato questo verdetto.