Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Makhammadiyev Feliks Khasanovich
Data di nascita: 14 dicembre 1984
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 463 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 377 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 3 anni di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony #1 of UFSIN for Orenburg Region
Indirizzo per la corrispondenza: Feliks Khasanovich Makhammadiyev, 1984 born, Penal Colony #1 of UFSIN for Orenburg Region, Krymski per., 119, Orenburg, 460026, Russian Federation

Biografia

Felix Makhammadiev è nato nel 1984 nella città di Karshi (Uzbekistan) in una famiglia di agenti delle forze dell'ordine. Fin dall'infanzia, Felix ama disegnare, scrivere poesie e canzoni e programmare. In gioventù è stato seriamente coinvolto nello sport e ha giocato a KVN. Per molti anni ha lavorato come parrucchiere, ha condotto seminari sull'acconciatura, è stato art director di un salone di bellezza.

I genitori di Felix divorziarono presto e nel 2002 lui e sua madre si trasferirono a Saratov. Lì Felix conobbe gli insegnamenti della Bibbia. Era profondamente interessato alla dottrina secondo cui Dio vuole porre fine al male e all'ingiustizia. Nel 2011 si sposa, sua moglie Eugenia condivide il suo amore per la pittura. Insieme imparano anche le lingue straniere e partecipano a gite in bicicletta.

La famiglia e gli amici di Felix, che non condividono nemmeno le sue convinzioni cristiane, sono scioccati dal fatto che un uomo così mite sia stato etichettato come estremista.

Nel settembre 2019, il tribunale distrettuale Leninsky di Saratov ha condannato Felix Makhammadiyev a 3 anni di carcere. L'ingiusta decisione del tribunale, così come l'accusa stessa, ha danneggiato il benessere della famiglia: la moglie di Felix, Evgenia, è rimasta senza un marito amato e un difensore affidabile.

Il 31 dicembre 2020, Felix ha scontato la sua pena, ma è stato immediatamente collocato in un centro di espulsione a causa della sua mancanza di cittadinanza russa. Il 21 gennaio 2021 si è riunito con la moglie a Tashkent.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.