Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Lokhvitskiy Artur Sergeyevich
Data di nascita: 31 gennaio 1986
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di 2 anni e 6 mesi di reclusione con restrizione della libertà per 1 anno; La pena detentiva si intende sospesa con un periodo di prova di 3 anni

Biografia

Artur Lokhvitsky è conosciuto come un cittadino rispettabile e un lavoratore diligente che ha un diploma per il lavoro coscienzioso. Tuttavia, a causa delle sue idee pacifiche e della sua fede in Dio, fu sottoposto a persecuzione religiosa insieme alla moglie, alla madre e ad altri credenti di Birobidzhan.

Artur è nato nel 1986 nel villaggio di Belgorodskoye (Regione Autonoma Ebraica). Da bambino era appassionato di sport e pesca. Ha conseguito la specializzazione di elettricista, negli ultimi anni ha lavorato nei vigili del fuoco.

Arthur si interessò alla Bibbia in gioventù. Trovò prove convincenti dell'esistenza di Dio e credette profondamente in lui. Nel 2018 ha sposato Anna. La coppia ama viaggiare, trascorrere del tempo nella natura, comunicare con gli amici e fare sport.

L'azione penale ha avuto un impatto negativo su tutte le sfere della vita della giovane famiglia. Anna ha subito un trauma emotivo ed è costretta a sottoporsi a costose cure mediche. Al lavoro, Arthur viene minacciato di licenziamento, la sua carta di credito viene bloccata. Dovette cercare un reddito aggiuntivo per provvedere alla sua famiglia.

La famiglia e gli amici di Arthur sono molto preoccupati per l'ingiusta persecuzione di questa persona pacifica e rispettosa della legge. Nonostante l'assenza di vittime e prove concrete della colpevolezza del credente, nel febbraio 2021 è stato annunciato il verdetto: 2,5 anni di reclusione con sospensione condizionale. L'8 aprile, il tribunale regionale ha confermato il verdetto.

Casi di successo

Nel luglio 2019, il Servizio di sicurezza federale della regione autonoma ebraica ha aperto un procedimento penale ai sensi della parte 2 dell’articolo 282.2 del codice penale contro il 33enne Artur Lokhvitsky di Birobidzhan. Arthur è stato seguito da sua moglie, Anna, e sua madre, Irina. Durante il dibattito presso il tribunale distrettuale di Birobidzhan, il procuratore ha ammesso di non aver trovato nulla di estremista nelle registrazioni video dei servizi con la partecipazione dell’imputato, ma le ha comunque considerate una prova della continuazione delle attività dell’organizzazione vietata. Il pubblico ministero ha anche ammesso che le deposizioni dei testimoni dell’accusa non hanno confermato la colpevolezza di Lokhvitsky, ma comunque potrebbero essere utilizzate come prova della continuazione di attività socialmente pericolose. L’accusa chiedeva 4 anni in una colonia a regime generale per un credente pacifico. Nel febbraio 2021, il giudice Olga Klyuchikova ha emesso una sentenza: 2,5 anni di reclusione con sospensione condizionale. Il tribunale regionale tenutosi nell’aprile 2021, così come la corte di cassazione tenutasi a dicembre, hanno confermato il verdetto.