Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Lokhvitskaya Irina Yuriyevna
Data di nascita: 4 marzo 1962
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni 6 mesi con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, una pena detentiva è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 6 febbraio 2020, l'investigatore dell'FSB D. Yankin ha aperto 6 procedimenti penali contemporaneamente in base a un articolo "estremista" contro i residenti pacifici e rispettosi della legge di Birobidzhan. Tra loro c'è Irina Lokhvitskaya. È stata accusata di aver partecipato alle attività di un'organizzazione vietata. Sei mesi dopo, il caso è andato in tribunale. Nel luglio 2021 Irina è stata dichiarata colpevole e condannata a 2,5 anni con sospensione condizionale della pena per la sua fede in Geova.

Irina è nata nel 1962 nel villaggio di Izvestkovoe, nella regione autonoma ebraica. Ha un fratello maggiore e una sorella minore. Quando Irina aveva 6 anni, suo padre morì. La mamma era una persona gentile e religiosa. A casa, Irina trovava spesso preghiere scritte a mano, e questo sollevava molte domande. Irina si chiedeva perché dovesse pregare e chi fosse Dio.

Leggeva molto, cercando nei libri le risposte alle sue domande. Sognava di diventare un'attrice, come recitava nelle recite scolastiche, o un'investigatrice, perché leggeva detective. Aveva molti hobby: giocava a basket e pallavolo, frequentava uno studio di danza, teatro e un club di maglieria. Nella descrizione della scuola c'è scritto: ha senso dell'umorismo.

Dopo la scuola, è entrata nella scuola pedagogica di Birobidzhan. Poi ha lavorato nel villaggio di Belgorod come maestra d'asilo, per diversi anni come direttrice e part-time come direttrice artistica del club. Conduceva un circolo di danza, organizzava vacanze rurali. Lì si sposò e diede alla luce un figlio, Arthur.

Irina ricordava sempre i racconti di sua madre su quanto suo padre l'amasse. Per molti anni, non è stata lasciata con un senso di ingiustizia a causa del fatto che le brave persone muoiono così presto. Nel 1991, a Khabarovsk, conobbi persone che conoscevano bene la Bibbia. Finalmente ha trovato le risposte a tutte le domande che si era posta fin dall'infanzia. "La verità biblica mi colpì al cuore", ricorda Irina. "Quando ho sentito che c'è speranza per la risurrezione dei morti, ho capito che c'è giustizia! È fantastico che tutti i buoni papà risorgeranno, compreso il mio. Lo abbraccerò..." Da allora Irina non ha mai smesso di parlare ad altri degli insegnamenti biblici che danno questa meravigliosa speranza. Dopo 2 anni si battezzò.

Sette mesi dopo, si è verificata una tragedia: suo marito è morto. Irina è rimasta sola con un bambino di sette anni. Non c'era lavoro nel villaggio, vivevano di sussidi per i superstiti. In quegli anni, per non dimorare sul monte, aiutò molti a capire la Bibbia, a vedere la sapienza delle leggi di Dio. Quando mio figlio aveva 11 anni, ha scelto consapevolmente la via cristiana della vita per se stesso. Qualche anno dopo, la famiglia si trasferì a Birobidzhan.

Irina è andata in pensione nel 2016. In precedenza, ha lavorato come amministratrice in un hotel. Ha certificati e premi in denaro per il buon lavoro e il lavoro con le persone. Irina è ancora piena di forza, di energia, di voglia di condividere con gli altri l'affidabilità biblica. Gli piace organizzare serate a tema per gli amici, scrive poesie e organizza matrimoni per le persone a lui più vicine. Ogni anno fanno rafting lungo il fiume con la famiglia e gli amici. Un nuovo hobby è quello di creare fiori con la carta ondulata e creare composizioni da essi. Con grande piacere li regala agli amici.

La persecuzione per la sua fede ha gravemente compromesso il benessere fisico ed emotivo di Irina. Ad aumentare le sue preoccupazioni c'era il fatto che suo figlio Arthur, così come sua moglie, Anna, hanno ricevuto le stesse condanne sospese di 2,5 anni ciascuno. Il sostegno di numerosi amici provenienti da diverse città e la coesione familiare aiutano a sopravvivere a questo stress. La sorella di Irina, che si interessa degli insegnamenti biblici, è completamente perplessa da ciò che sta accadendo.

Casi di successo

Nel febbraio 2020, Irina Lokhvitskaya di Birobidzhan è stata processata insieme al figlio Artur e alla nuora Anna. Il caso contro il credente è stato indagato da Dmitry Yankin, un investigatore-criminalista senior del dipartimento investigativo dell’FSB della Russia per la Regione Autonoma Ebraica. Ha anche aperto procedimenti penali contro altri cinque residenti di Birobidzhan, che, secondo l’indagine, “hanno ripreso le attività di un’organizzazione religiosa locale liquidata nel 2016 … e il “Centro amministrativo dei testimoni di Geova in Russia”. Il giudice del tribunale distrettuale di Birobidzhan, Vasilina Bezotecheskikh, ha tenuto le udienze a porte chiuse, non permettendo a nessun ascoltatore e nemmeno a parenti di entrare in aula. Irina, che ha certificati e riconoscimenti in denaro per il suo lavoro e per il suo lavoro con le persone, è stata costretta a difendere le sue opinioni pacifiche in tribunale. Nel luglio 2021, il tribunale ha ritenuto la credente colpevole e l’ha condannata a 2,5 anni di libertà vigilata e 1 anno di restrizione della libertà. Il 16 novembre dello stesso anno, l’istanza d’appello ha confermato il verdetto e nel luglio 2022 la Corte di Cassazione di Vladivostok ha approvato questa decisione.