Aggiornato: 12 luglio 2024
Nome: Lokhvitskaya Anna Aleksandrovna
Data di nascita: 16 aprile 1993
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni e 6 mesi con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno; La pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Nel 2019, l'FSB ha aperto un procedimento penale contro un residente civile di Birobidzhan, Artur Lokhvitsky, e circa un anno dopo, sua madre Irina e sua moglie Anna sono state accusate di estremismo. Nel luglio 2021, il tribunale ha dichiarato Anna colpevole e l'ha condannata a 2,5 anni di libertà vigilata per la sua fede.

Anna è nata nel 1993 nella città di Obluchye (Regione Autonoma Ebraica). Solo la madre ha cresciuto due figlie e ha instillato in loro valori biblici, ha dato l'esempio di una persona onesta e gentile. Vera ha aiutato Anna a essere una studentessa riflessiva, ragionevole e di successo. Insieme a sua sorella, ha frequentato vari club di arti e mestieri, ha trascorso del tempo nella natura e giocando con gli amici.

Anna è stata istruita come tecnico di cucito. Lavorava in un atelier. La ragazza era circondata da amici e parenti allegri e felici che apprezzano i princìpi biblici.

Nel 2018, Anna e Arthur si sono sposati. Le norme morali stabilite fin dall'infanzia aiutano la coppia a mantenere il loro matrimonio forte e felice. Amano pescare, viaggiare, giocare a pallavolo insieme, conoscere nuove persone.

Il procedimento penale ha cambiato radicalmente la vita della famiglia: ai coniugi è stato tolto un impegno scritto a non lasciare il posto, è stato bloccato l'accesso alle carte bancarie e limitato l'accesso ai servizi pubblici. Molti sforzi sono stati spesi nella ricerca di questioni legali e finanziarie. Parenti e amici sono preoccupati per Anna e considerano un tale atteggiamento nei suoi confronti ingiusto e irragionevole.

Casi di successo

La vita di Anna Lokhvitskaya, un tecnico di cucito, è cambiata radicalmente nell’estate del 2019, quando suo marito Artur è stato processato per conversazioni bibliche con amici. Il 6 febbraio 2020, l’investigatore dell’FSB Dmitry Yankin ha aperto procedimenti penali contro la stessa Anna e altri cinque residenti di Birobidzhan con l’accusa di aver partecipato ad attività estremiste. Il credente è stato accusato di “studiare la Bibbia insieme ad altri su Skype”. Le udienze presso il tribunale distrettuale di Birobidzhan si sono svolte a porte chiuse. Durante il dibattito, il pubblico ministero ha chiesto di condannare Anna a 4 anni in una colonia a regime generale, seguiti da restrizioni per altri 2 anni. Il 20 luglio 2021, il giudice Vasilina Bezotecheskikh, che ha esaminato anche i casi contro altre 3 donne credenti (tra cui la suocera di Anna), ha condannato Lokhvitskaya a 2,5 anni di reclusione con sospensione condizionale. Il 16 dicembre 2021, il Tribunale della Regione Autonoma Ebraica ha confermato questo verdetto.