Aggiornato: 15 aprile 2024
Nome: Kuzhelkov Anton Vladimirovich
Data di nascita: 25 aprile 1993
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 431 Giorni nel centro di detenzione preventiva

Biografia

Le condanne di Anton Kuzhelkov lo hanno spinto a esercitare il suo diritto al servizio civile alternativo nel 2011. L'ha superata nella casa dei veterani ed era lì in regola. Tuttavia, a causa delle sue idee cristiane, il giovane è stato accusato di aver organizzato attività estremiste ed è finito in un centro di detenzione preventiva.

Anton è nato nell'aprile del 1993 nella città careliana di Sortavala, sulla pittoresca costa del Ladoga. Ha due fratelli minori. I ragazzi sono cresciuti in una famiglia molto religiosa. Da bambino, ad Anton piaceva pescare e andare con lo snowboard.

Il giovane seguì le orme del padre e lavorò per qualche tempo nel settore edile. Ha inoltre acquisito le competenze di idraulico e specialista nella manutenzione di caldaie a gas. Nel tempo libero gli piace disegnare, realizzare papillon in legno, scattare fotografie e modellare con la carta.

Nel 2015, Anton ha sposato Alyona, una ragazza che condivide le sue idee cristiane. Alyona è una violinista professionista. La coppia ama giocare ai giochi da tavolo, viaggiare, fare escursioni.

Alyona spera davvero che presto la pace e la tranquillità tornino nella loro casa. Si preoccupano per Anton e la sua famiglia, compresi coloro che non condividono le credenze religiose dei Kuzhelkov. Sono scioccati dal trattamento ingiusto di un giovane rispettabile.

Casi di successo

Nel dicembre 2020, il Comitato investigativo ha aperto procedimenti penali per la loro fede contro Anton Kuzhelkov e Nikolai Prokhorov. Lo stesso giorno, le cause sono state riunite in un unico procedimento. Le forze di sicurezza hanno perquisito 19 indirizzi di testimoni di Geova a Kirsanov, come pure nel luogo di residenza effettiva di Kuzhelkov nella città di Lukhovitsy (regione di Mosca). A Nikolay fu ordinato di non lasciare il posto. Anton è stato messo in un centro di detenzione preventiva, dove è rimasto per 430 giorni, dopodiché è stato rilasciato in base al divieto di determinate azioni. Nel settembre 2021, il caso è andato in tribunale.