Aggiornato: 1 marzo 2024
Nome: Kochneva Natalya Andreyevna
Data di nascita: 11 gennaio 1978
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)

Biografia

La 42enne madre di due figli, Natalya Kochneva, si è trovata improvvisamente nel mirino dei servizi speciali. Durante la ricerca, la famiglia ha sperimentato un forte stress.

Nataliya è nata nel 1978 nella città di Alapaevsk (regione di Sverdlovsk). Era l'unica figlia della famiglia. Da bambina frequentava un club teatrale, amava le danze indiane, il basket e il karate, leggeva molto.

Natalya si è laureata con lode al college come avvocato commercialista. Visse ad Artyomovsky e, all'età di 19 anni, si trasferì a Beryozovsky.

Natalya lavora come capo contabile in un'azienda che vende ricambi auto. Impegnato nello studio della lingua turca, ama ancora leggere, felice di viaggiare.

Quando aveva 12 anni Natalya ha iniziato a leggere la Bibbia da sola e ha visto che Dio ha un nome personale. Qualche anno dopo ha incontrato chi lo conosce e lo usa. Le ricerche spirituali la convinsero della coerenza della Bibbia e diedero risposte a molte domande. All'età di 24 anni entrò consapevolmente nella via cristiana.

Natalia è stata sposata dal 2000 al 2020, in matrimonio sono nati due figli: Daniil e Matvey. Il primogenito, Daniil, ha ottenuto la professione di maestro di alloggi e servizi comunali, si dedica attivamente allo sport ed è appassionato di tecnologia. Matvey sta padroneggiando la professione di saldatore in una scuola tecnica, è impegnato nella musica. Inoltre, si assunse tutti i duri lavori domestici. Natalya e i suoi figli amano viaggiare in mountain bike, godersi i tramonti in riva al lago e dormire in tenda.

Breve storia del caso

Nell’ottobre 2020, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Sverdlovsk ha aperto un procedimento penale nei confronti di Konstantin Zotov e Natalia Kochneva della città di Berezovsky. Poco dopo, una serie di perquisizioni ha avuto luogo nelle case di 10 credenti. Nel settembre 2021, l’indagine ha portato altri 5 credenti come imputati: Kristina Gruzdeva, Valentina Kugukov, Alexandra Zakharova e i coniugi Fokin, Stanislav e Marina. A ottobre, è stato aperto un altro procedimento penale contro Zotov. Nel marzo 2022, una nuova versione dell’accusa è stata presentata contro Konstantin: il credente è perseguitato contemporaneamente ai sensi di diversi articoli del codice penale della Federazione Russa.