Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Kardakova Inna Alekseyevna
Data di nascita: 2 agosto 1980
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 3 anni con restrizione della libertà per un periodo di 10 mesi, una pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni

Biografia

Il 20 marzo 2019 sono riprese a Magadan le perquisizioni e gli interrogatori di cittadini in relazione alle loro convinzioni cristiane. Inna Kardakova è diventata una nuova imputata nel procedimento penale contro i credenti di Magadan, che a quel tempo avevano già compiuto 13 anni. L'inchiesta ritiene che abbia partecipato a servizi di culto. Cosa sappiamo di Inna?

Inna è nata nel 1980 a Blagoveshchensk, nella regione dell'Amur. Ha un fratello minore. Da bambina era appassionata di pallavolo, lavoro a maglia e lettura di narrativa, era molto appassionata di gialli. E ora i suoi hobby non sono cambiati molto: ama ancora lo sport, gioca a pallavolo, badminton, ping pong e fa anche lavori di cucito. Inna è una contabile-economista di professione, si è laureata presso l'istituto comunale di costruzione e ha lavorato come contabile per 12 anni. Vive a Magadan da diversi anni.

La nonna di Inna, che professa l'Ortodossia, le ha instillato la fede in Dio fin dall'infanzia. In seguito lei e un'amica spedirono una Bibbia. "Cosa mi ha aiutato a consolidarmi negli insegnamenti biblici? Prima di tutto, le risposte logiche e ragionevoli della Bibbia a domande di attualità, così come la comunicazione con cristiani spiritualmente maturi", dice Inna.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.