Aggiornato: 27 maggio 2024
Nome: Kapitonov Ilya Eduardovich
Data di nascita: 15 febbraio 2002
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Ilya Kapitonov, studente del terzo anno della Facoltà di Giurisprudenza, divenne inaspettatamente imputato in un procedimento penale per la sua fede insieme a suo padre Eduard.

Ilya è nato nel febbraio 2002 nella città di Yoshkar-Ola (Mari El). Ha una sorella maggiore, Ksenia. La madre è una magazziniera in una fabbrica, il padre è un autista con 40 anni di esperienza, un veterano del lavoro.

Fin dall'infanzia, Ilya amava gli scacchi, così come la pallavolo e il basket; Ha giocato a calcio per 8 anni. Il giovane ama ancora lo sport. Nelle sere calde corre lungo la foresta. "La corsa è un hobby per me, grazie al quale posso riprendermi dopo una giornata intensa", ha detto Ilya. Dopo la scuola, il giovane si iscrisse all'università. Fin dal primo anno lavora come tutor di teoria sociale.

La famiglia Kapitonov è stata introdotta agli insegnamenti biblici nel 1996. La madre cercava di instillare nei figli l'amore per il Creatore. Fin dall'infanzia, Ilya amava guardare film scientifici ed educativi e ammirava la bellezza del mondo che lo circondava. Era convinto che questa straordinaria varietà non potesse essere apparsa per caso. Col passare del tempo tutti i membri della famiglia divennero testimoni di Geova.

Il procedimento penale ha turbato il credente e causato ansia. Sua madre e sua sorella, così come i parenti che non condividono le opinioni religiose dei Kapitonov, sono preoccupati per Eduard e Ilya.

Casi di successo

Nell’aprile 2022 l’FSB ha aperto un procedimento penale contro i Testimoni di Geova di Yoshkar-Ola. Sono state effettuate perquisizioni in nove indirizzi e le forze dell’ordine hanno usato la forza contro uno dei credenti, Yevgeny Plotnikov. È stato arrestato e successivamente collocato in un centro di detenzione preventiva. Nell’agosto 2022, Yevgeniy è stato posto agli arresti domiciliari e a ottobre gli è stato vietato di compiere determinate azioni. Dal dicembre dello stesso anno, l’investigatore dell’FSB ha iniziato a coinvolgere altri residenti della città come imputati: Sergey Kulikov e suo figlio Alexei, Eduard Kapitonov e suo figlio Ilya, Igor Alekseev, Vladimir Usenko e Denis Petrov. L’investigatore considerava la loro confessione di fede come azioni di natura estremista. Ai credenti fu ordinato di non lasciare il luogo.