Aggiornato: 24 maggio 2024
Nome: Grinenko Evgeny Anatolyevich
Data di nascita: 31 ottobre 1970
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 55 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 213 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership nel lavoro di associazioni e organizzazioni religiose pubbliche per un periodo di 2 anni e 10 mesi, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 5 anni

Biografia

Yevgeniy Grinenko è un testimone di Geova perseguitato per la sua fede nel territorio di Primorye. Nel maggio 2020 è stato aperto un procedimento penale contro di lui, è stata condotta una perquisizione nella casa in cui il credente vive con i genitori anziani ed è stato inviato in un centro di detenzione preventiva per 2 mesi.

Yevgeny è nato nell'ottobre del 1970 nella piccola città di Lesozavodsk, situata a 350 chilometri a nord di Vladivostok. Ha un fratello e una sorella più piccoli. Il padre di famiglia ha lavorato come autista per la maggior parte della sua vita, ora in pensione. Sua madre lavorava come operatrice di macchine nell'industria della lavorazione del legno e, dopo aver subito un ictus, è invalida.

Durante gli anni della scuola, Eugene amava segare con un seghetto alternativo e bruciare la legna. Nel corso del tempo, il suo hobby d'infanzia è diventato una professione: dopo essersi laureato al Primorsky College of Forest Technologies, Economics and Transport, ha conseguito una laurea in ingegneria meccanica per la creazione di attrezzature per la lavorazione del legno.

Dopo aver prestato servizio nell'esercito, Evgenij tornò nella sua città natale, dove realizzò laminati per mobili da armadio. Dal 1994 fino al suo arresto, ha lavorato come operatore di essiccatoi per il legno.

Dal 1997, Eugene ha iniziato a conoscere la Bibbia e dopo 2 anni ha intrapreso il cammino cristiano.

Evgenij amava lo sport fin dalla sua giovinezza. I suoi hobby erano il basket e il motocross. Ora, a causa di problemi all'articolazione dell'anca, non può muoversi molto e condurre uno stile di vita attivo: pesca, raccolta funghi e relax nella natura, come prima.

Il procedimento penale ha minato la salute di Evgenij. L'IVS non aveva le medicine necessarie e le sue condizioni sono immediatamente peggiorate. Dopo aver lasciato il centro di detenzione preventiva dopo 2 mesi, Yevgeniy ha registrato una disabilità, poiché non poteva più muoversi senza un bastone. A causa degli arresti domiciliari, è rimasto senza lavoro.

I parenti di Evgenij, che non condividono le sue convinzioni religiose, si preoccupano per lui e si chiedono perché quest'uomo pacifico sia perseguitato.

Casi di successo

Nel maggio 2020, l’indagine ha aperto un procedimento penale contro Yevgeny Grinenko, residente a Lesozavodsk. È stato accusato di aver organizzato le attività di una comunità estremista. Lo stesso giorno, le case di Evgenij e di altre tre famiglie sono state perquisite, e il credente stesso è stato arrestato. Due giorni dopo, è stato messo in un centro di detenzione preventiva, dove ha trascorso quasi due mesi, e poi trasferito agli arresti domiciliari. In seguito, nuovi imputati sono apparsi nel caso: Svetlana Efremova, Sergey Kobelev e sua madre Galina, il cui caso è stato successivamente separato in procedimenti separati. Nel settembre 2021, il caso di Grinenko e di altri credenti è andato in tribunale. Il caso si basava sulla testimonianza di un agente infiltrato dell’FSB, Vladislav Mrachko, che registrava segretamente le sue conversazioni sulla Bibbia con i credenti. Nel febbraio 2023, il tribunale ha concluso che i credenti erano colpevoli e li ha condannati alla seguente pena: Grinenko e Kobelev - 6 anni di reclusione sospesa ciascuno, Svetlana Efremova - 3 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto.