Aggiornato: 23 luglio 2024
Nome: Gargalyk Saveliy Georgievich
Data di nascita: 10 ottobre 1960
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 6 anni 6 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni 8 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019 sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei credenti di Surgut. A questo sono seguite percosse e torture di almeno 7 fedeli. Tra gli altri, Savely Gargalyk ha denunciato torture. Cosa si sa di lui?

Savely è nato nel 1960 nel villaggio di Avdarma, nella Repubblica Socialista Sovietica Moldavia. Ha un fratello maggiore e una sorella minore. Da bambino, era impegnato nella lotta libera e nell'atletica. Ha lavorato come operatore di macchine, tecnico zootecnico, falegname. Ora in pensione, ha una disabilità. Nel tempo libero si prende cura dei fiori del giardino.

Nel 1986, Savely si trasferì dalla Moldavia a Surgut e nello stesso anno sposò Olga, un tecnico di radiologia di professione. La coppia ama andare insieme nella foresta a raccogliere funghi. Hanno due figlie, la più piccola va ancora a scuola.

I parenti di Savely sono ben consapevoli delle parole di Cristo che se hanno perseguitato lui, perseguiteranno i suoi discepoli, quindi sostengono e incoraggiano Savely come meglio possono.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.