Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Dyadkin Aleksey Valeriyevich
Data di nascita: 6 maggio 1989
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 881 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 456 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione con servizio in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni e organizzazioni pubbliche e religiose, per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 2 in Lipetsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Dyadkin, Aleksey Valeriyevich, born 1989, IK No. 2 in Lipetsk Region, ul. Kovaleva, 130B, g. Lipetsk, Lipetsk Region, Russia, 398007

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nell'agosto 2020 sono state effettuate perquisizioni nelle case dei testimoni di Geova. Ben presto Aleksej Djadkin, che si era recato dall'investigatore per essere interrogato, fu arrestato e messo in un centro di detenzione preventiva. Nel settembre 2022 il tribunale lo ha condannato a 7 anni in una colonia penale proprio a causa della sua fede.

Aleksey è nato a Chkalovsk (Tagikistan) nel maggio del 1989 nella famiglia di un tecnologo e di una parrucchiera. Ha 2 sorelle maggiori. Fin dall'infanzia, Aleksey amava lo sport: calcio, pattinaggio artistico, sollevamento pesi. Dopo la scuola, si è laureato in ingegneria della saldatura. Per un po' di tempo, Aleksey ha lavorato di professione e ha anche imparato le abilità di costruttore, idraulico e piastrellista.

Aleksey fu introdotto agli insegnamenti biblici da sua nonna. Studiando le Scritture e mettendo in pratica ciò che imparava, si rese conto che la sua vita stava cambiando in meglio. Guidato da una coscienza educata secondo la Bibbia, chiese la sostituzione del servizio militare con uno civile alternativo, che completò nell'ospedale regionale di Kursk.

Nel 2011, Aleksey ha sposato Vitalina, che ha conosciuto in una cerchia di amici comuni. Vitalina è pasticcera di professione, lavora come parrucchiera e da qualche tempo è appassionata di pittura. La coppia ha viaggiato molto, ha vissuto a Zadonsk, Saratov e Gukovo. La famiglia è tornata a Kursk per sostenere i genitori di Aleksey.

Dopo l'arresto di Aleksey, la vita della famiglia è cambiata radicalmente. Il marito è stato messo in un centro di detenzione preventiva a Rostov sul Don, per questo motivo Vitalina ha dovuto trasferirsi lì, cercare un alloggio e un lavoro. Le esperienze hanno influito sulla salute, esacerbato le malattie croniche.

Il padre, la madre e le sorelle di Aleksey non lo riconoscono come colpevole e non capiscono perché il loro caro sia stato gettato in prigione.

Casi di successo

Nell’agosto 2020, le forze di sicurezza hanno perquisito le case dei residenti di Gukovo. Il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Aleksey Dyadkin, Vladimir Popov, Yevgeniy Razumov, Aleksey Gorelov, Nikita Moiseyev e Oleg Shidlovsky. Credenti pacifici sono stati accusati di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Il crimine degli uomini, secondo gli inquirenti, è quello di aver “pregato e cantato cantici a Geova Dio”. Dall’agosto 2020, tutti e sei sono in custodia cautelare. Come si seppe in seguito, i credenti furono osservati a lungo da un agente dell’FSB. Nel novembre 2021, il caso è andato in tribunale. Le testimonianze degli studiosi religiosi interrogati hanno confermato che gli uomini sono processati solo per attività religiose pacifiche. Nel settembre 2022, il tribunale ha condannato Gorely e Shidlovsky a 6,5 anni e il resto dei credenti a 7 anni in una colonia a regime generale. Nel gennaio 2023 il ricorso ha confermato il verdetto e sei mesi dopo la Corte di Cassazione lo ha confermato.