Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Dvurechenskiy Sergey Viktorovich
Data di nascita: 3 novembre 1975
Stato attuale: imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Sergej Dvurečenskij è uno degli abitanti del territorio di Krasnodar che subì persecuzione per la sua fede in Geova Dio.

Sergey è nato nel novembre del 1975 nel villaggio di Vyselki, dove ha vissuto tutta la sua vita. Ha una sorella maggiore, i suoi genitori non sono più in vita. In gioventù, Sergey amava suonare il trombone, così come la pallavolo e gli scacchi. Dopo la scuola, il giovane ha trovato lavoro come autista di escavatori e in seguito ha lavorato in un cantiere edile per più di 20 anni.

All'inizio degli anni 2000 Sergey ha iniziato a studiare la Bibbia con i testimoni di Geova. Una spiegazione logica degli insegnamenti biblici lo convinse che quel libro veniva da Dio, e nel 2001 Sergej divenne cristiano. Otto anni dopo, Sergey si sposò. Sua moglie Yelena condivide la sua visione della vita. Nel tempo libero, Yelena ama cucire e lavorare a maglia. Ora è una casalinga.

Parlando di ciò che aiuta a far fronte alle ansietà causate dai procedimenti penali, Sergej ha osservato: "Questa situazione mi ha aiutato ad avvicinarmi di più a Geova e a confidare di più in lui".

Casi di successo

Sergey Dvurechensky è uno dei residenti del villaggio di Vyselki, la cui casa è stata invasa dalle forze di sicurezza durante le perquisizioni di massa dei fedeli nel febbraio 2022. Nel giugno 2023, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale nei suoi confronti con l’accusa di aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista. Sei mesi dopo, il caso è andato in tribunale. L’accusa si basa sulla testimonianza di un testimone segreto sotto lo pseudonimo di “Pastore” che ha registrato segretamente i servizi dei testimoni di Geova in video. La sua testimonianza appare in altri 6 casi simili.