Aggiornato: 27 maggio 2024
Nome: Дихтяр Николай Петрович
Data di nascita: 24 dicembre 1954
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 2 anni 6 mesi di reclusione con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni 6 mesi

Biografia

Nikolay Dikhtyar, un pensionato del Territorio di Primorye, ha condotto una vita calma e misurata fino a quando le forze di sicurezza sono venute a casa sua per condurre una perquisizione. Si scoprì che il padre di tre figli era sospettato di estremismo solo a motivo della sua fede in Geova Dio.

Nikolay è nato nel dicembre 1954 nella città di Makeyevka (regione di Donetsk della RSS Ucraina). Ha una sorella maggiore e una minore.

Dopo la scuola, Nikolay ha lavorato come operaio del calcestruzzo e fuochista. In seguito si è laureato presso l'Istituto Politecnico di Irkutsk e ha ricevuto la professione di ingegnere termoelettrico. Per molti anni ha lavorato nella sua specialità fino al pensionamento, 14 anni dopo l'età pensionabile. Da bambino, Nikolay si è innamorato della pesca e ancora oggi non perde l'occasione di andare a pescare nel tempo libero.

Nel 1975, Nikolay si sposò. La coppia ha cresciuto tre figli: un maschio e due femmine. La famiglia viveva nella città di Samarcanda (Uzbekistan), nella città di Kainda (Kirghizistan), nel villaggio di Berkakit (Jacuzia). Più tardi, Nikolay, insieme a sua moglie e ai suoi tre figli, si trasferì dalla Jacuzia dove il clima è più caldo, nel territorio di Primorye. Lì Nikolaj cominciò a studiare la Bibbia e imparò i benefìci che si traggono dall'applicarne i consigli. Ha intrapreso il cammino cristiano nel 1998.

A causa del procedimento penale contro Nikolay, i suoi parenti hanno sperimentato stress e sono perplessi, per cui le autorità hanno aperto un caso contro questo capofamiglia rispettoso della legge.

Casi di successo

Nel luglio 2021 è stata perquisita la casa di Yuriy Ponomarenko a Luchegorsk. Il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro di lui con l’accusa di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Nel novembre dello stesso anno, nell’ambito del caso Ponomarenko, è stata effettuata una nuova perquisizione nella casa di Oleg Sergeyev. È stato accusato in base allo stesso articolo. Nel marzo 2022, altri due imputati sono comparsi nel caso. Andrey Lyakhov e Nikolay Dikhtyar sono stati accusati di partecipazione alle attività di un’organizzazione estremista. Nel giugno 2022, un procedimento penale contro i credenti è andato in tribunale. Nel dicembre 2023, il pubblico ministero ha chiesto la sospensione condizionale della pena da due a quattro anni per i credenti, ma nel gennaio 2024 il giudice ha deciso di riprendere l’indagine giudiziaria sul caso. Dopo tre mesi di udienze, il procuratore ha chiesto condanne reali per i credenti: da due a sei anni in una colonia a regime generale.