Questa persona è anche perseguita in un altro procedimento penale:
Il secondo caso di Pryanikov e altri a Karpinsk
Aggiornato: 24 maggio 2024
Nome: Dulova Darya Igorevna
Data di nascita: 10 marzo 2000
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: esonerato da responsabilità penale per scadenza dei termini di prescrizione

Biografia

Nel maggio 2019, nella città di Karpinsk (regione di Sverdlovsk), è stato aperto un procedimento penale per la sua fede contro la studentessa 19enne Darya Dulova. Secondo gli inquirenti, a causa della sua religione, ha un "effetto psicologico sulla società", essendo in collusione con la propria madre, una persona con problemi di udito coinvolta nello stesso caso. Darya divenne una delle più giovani accusate nei processi contro i testimoni di Geova in Russia.

Darya è nata nel 2000 nella città di Krasnoturyinsk (regione di Sverdlovsk), ma ha vissuto tutta la sua vita nella vicina Karpinsk. Darya è la più giovane di 3 figli. Il padre provvede alla famiglia e la madre gestisce la casa.

Da bambina, Darya amava il macramè, le perline, la pallavolo, la danza, il canto, la musica, studiava le lingue straniere e faceva escursioni. Al momento dell'avvio del procedimento penale, era una studentessa universitaria del 4° anno con una laurea in tecnologia della ristorazione pubblica. Ho fatto uno stage in un bar e ho lavorato lì per un breve periodo. Ama i libri, il teatro, le passeggiate nei boschi.

Quando Darya aveva 16 anni, prese seriamente in considerazione l'idea di diventare cristiana. Era particolarmente commossa dal fatto che ci sono persone che conoscono bene le Sacre Scritture e sono pronte a vivere come insegnano.

L'accusa penale ha influito sulla salute emotiva e fisica di Darya. A causa dello stress che ha vissuto, ha avuto paura di bussare alla porta, ha smesso di tenere un diario, di scrivere poesie e persino di prendere appunti sul telefono. È molto preoccupata che tutto questo le venga tolto di nuovo. I parenti non riescono a credere che l'azione penale per la fede di intere famiglie sia una realtà.

Nel luglio 2021, il tribunale ha ritenuto Darya colpevole di aver partecipato alle attività di un'organizzazione vietata e l'ha condannata a 1 anno di libertà vigilata. Sua madre Venera è stata condannata a 2 anni con la condizionale per aver parlato della Bibbia. La madre e la figlia sono coinvolte in un altro procedimento penale per la loro fede in Geova, che è all'esame di un altro giudice.

Casi di successo

Nel giugno 2018, Venera Dulova e Aleksandr Pryanikov sono stati arrestati per aver parlato della Bibbia. Contro di loro è stato aperto un procedimento penale in base a un articolo estremista. Un anno dopo, Daria Dulova è diventata la terza imputata nel caso. Nel gennaio 2020 sono stati condannati a pene sospese che vanno da 1 anno a 2,5 anni. Un appello a Ekaterinburg ha ribaltato il verdetto e ha rinviato il caso al tribunale di primo grado. Questa volta, il pubblico ministero ha chiesto una punizione più severa, ma la corte ha duplicato il primo verdetto. Nel marzo 2022 la corte d’appello ha nuovamente ribaltato il verdetto, assolvendo i fedeli. La Corte di Cassazione non ha modificato questa decisione. Tuttavia, la Corte Suprema della Federazione Russa lo ha ribaltato nel marzo 2023 e ha rinviato il caso alla fase di appello, che ha rinviato il caso all’ufficio del procuratore, dopodiché la cassazione lo ha inviato per una nuova udienza di appello. Una quarta sentenza d’appello ha confermato le condanne di Aleksandr e Venera. Daria è esonerata da responsabilità penale, in quanto i termini di prescrizione sono scaduti. Tutti e tre i credenti sono imputati in un altro procedimento penale per la loro fede.