Aggiornato: 12 aprile 2024
Nome: Asatryan Lyubov Ivanovna
Data di nascita: 11 gennaio 1951
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Riconoscimento di non partire
Frase: pena sotto forma di 3 anni di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla partecipazione al lavoro di organizzazioni e associazioni religiose pubbliche per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 10 mesi, una pena detentiva è considerata sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 20 marzo 2019 sono riprese a Magadan le perquisizioni e gli interrogatori di cittadini in relazione alle loro convinzioni cristiane. Lyubov Asatryan divenne un nuovo imputato in un procedimento penale contro i credenti di Magadan, che a quel tempo avevano già compiuto 13 anni. L'inchiesta ritiene che abbia partecipato a servizi di culto. Cosa sappiamo di Ljubov?

Lyubov è nato nel 1951 a Kirovabad (Azerbaigian), che oggi si chiama Ganja. È la più giovane di sei figli dei suoi genitori (cinque sorelle e un fratello). Fin dall'infanzia, Lyubov amava leggere, lavorare a maglia e cucire. Dopo la scuola, si è diplomata con lode in un istituto tecnico professionale ed è diventata chimica di laboratorio. Nel 1973 si trasferisce a Krasnodar (Russia), dove trova lavoro come ottico presso una fabbrica farmaceutica. In seguito visse in diverse città dell'Estremo Oriente, tra cui Magadan.

Fin dall'infanzia, Ljubov era preoccupata per il fatto di vedere molta violenza intorno a lei, ed era molto felice di apprendere dalla Bibbia che Dio intende porre fine a tutta la violenza e la crudeltà. Questo le fece desiderare di armonizzare la sua vita con i comandamenti del Libro Sacro. Questo accadde nel 1991.

Lyubov ama ancora molto leggere, chiacchierare con gli amici, raccogliere bacche e pigne nella foresta. Era sposata e non aveva figli.

I vicini e i conoscenti che non condividono le convinzioni religiose di Ljubov sono completamente perplessi dal suo procedimento penale, mentre gli amici cristiani pregano con fervore per lei.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Magadan nel maggio 2018, Konstantin Petrov, Yevgeny Zyablov e Sergey Yerkin sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva. Lo stesso giorno a Khabarovsk, Ivan Puyda è stato perquisito. È stato arrestato e poi portato a 1600 km di distanza nel centro di detenzione preventiva di Magadan. I credenti hanno trascorso da due a quattro mesi dietro le sbarre, e poi sono stati messi agli arresti domiciliari. Nel marzo 2019, l’FSB ha condotto un’altra serie di perquisizioni. Il numero degli imputati nel caso è poi salito a 13, tra cui sei donne, tra cui gli anziani. L’investigatore considerava lo svolgimento di servizi di culto pacifici come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, la partecipazione ad essa e il suo finanziamento. In quasi quattro anni di indagini, il caso contro 13 credenti è cresciuto fino a 66 volumi. È andato in tribunale nel marzo 2022. Durante le udienze, è diventato chiaro che il caso si basava sulla testimonianza di un testimone segreto, un informatore dell’FSB che teneva registri segreti di culto pacifico. Nel marzo 2024, i fedeli sono stati condannati a pene sospese da 3 a 7 anni.