Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Abdullaev Arsen Nazimovich
Data di nascita: 21 gennaio 1979
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 361 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 882 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 6 anni 6 mesi di reclusione con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche religiose per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Dopo un'irruzione nelle case dei credenti in Daghestan il 1° giugno 2019, le forze dell'ordine hanno arrestato quattro civili, una donna e tre uomini. Tre giorni dopo, il tribunale distrettuale Sovetsky di Makhachkala ha inviato tutti e quattro in un centro di detenzione preventiva. Tra loro c'è Arsen Abdullayev, che è stato accusato di aver organizzato attività estremiste solo a causa della sua religione. Cosa sappiamo di quest'uomo?

Arsen è nato nel 1979 nel villaggio di Kasumkent (Daghestan) in una famiglia di medici. Suo padre era un anestesista, sua madre lavorava come vice primario. Il padre non è più in vita, così come uno dei due fratelli di Arsen. Da bambino era appassionato di pallavolo e amava leggere.

Dopo essersi diplomato, Arsen si è laureato in enologia. Iniziò anche, ma non terminò, gli studi di economista. Per provvedere alla sua famiglia, lavorò in una varietà di luoghi, tra cui un operaio. Recentemente si è occupato della manutenzione di impianti termoidraulici. Nel tempo libero ama giocare a calcio e a pallavolo, pescare e imparare l'inglese. Da solo, ha imparato a suonare la chitarra da autodidatta.

La madre di Arsen è una donna musulmana profondamente religiosa che ha fatto due volte l'Hajj alla Mecca. Tuttavia, nel 2000 lo stesso Arsen fece una scelta consapevole a favore della religione dei testimoni di Geova. Fu colpito dalla purezza morale e spirituale, dall'amore fraterno e dai forti legami familiari tra le persone che vivono secondo i comandamenti della Bibbia. Entrambi i genitori di Arsen inizialmente si opposero alla sua scelta religiosa, ma in seguito ammorbidirono il loro atteggiamento, vedendo cambiamenti in meglio.

Sempre nel 2000, Arsen ha sposato Suat, un'artista-insegnante di professione. Ha insegnato arti e mestieri a scuola, ora dedica la maggior parte del suo tempo alla sua famiglia e alla crescita di suo figlio Mirza, nato un anno dopo il matrimonio. Fino al 2014, Arsen e la sua famiglia hanno vissuto a Makhachkala, poi si sono trasferiti nella vicina Kaspiysk. Tutta la famiglia è felice di uscire con gli amici nella natura, Mirza e suo padre amano pescare e Suat suona bene il pianoforte.

La madre e il fratello di Arsen, così come i genitori e il fratello e la sorella di Suat, sono estremamente sconvolti e indignati dal procedimento penale contro Arsen per la sua fede. "Tutta la famiglia conosce Arsen come una persona pacifica, gentile, comprensiva, sempre pronta ad aiutare con consigli e azioni", dice la moglie. - Tutti capiscono che il procedimento penale contro di lui è inventato. Tutti sono molto preoccupati, costantemente interessati al benessere di Arsen. I parenti non perdono la speranza che sia fatta giustizia".

Casi di successo

Nell’estate del 2019 sono state perquisite le case dei testimoni di Geova locali in quattro città del Daghestan. Due opuscoli religiosi sulla lista dei materiali estremisti sono stati piantati in una delle case. In precedenza, l’FSB aveva avviato un procedimento penale contro Arsen Abdullaev, Anton Dergalev, Marat Abdulgalimov e Mariya Karpova, accusandoli di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Inoltre, i tre uomini sono stati accusati di aver finanziato un’organizzazione vietata, mentre la donna è stata accusata di aver coinvolto altri in essa. Tutti e quattro sono stati inseriti nella lista degli estremisti e dei terroristi di Rosfinmonitoring. I credenti hanno trascorso 362 giorni in detenzione preventiva, dopo di che sono stati posti agli arresti domiciliari. Nel 2020, la corte di cassazione ha dichiarato illegittima la loro detenzione in un centro di detenzione preventiva per 8 mesi su 12. Nel marzo 2021 è iniziato l’esame del caso nel merito. Nel novembre 2022, il tribunale ha condannato Abdullayev, Abdulgalimov e Dergalev a 6,5 anni di reclusione con sospensione condizionale della pena e a Karpova una pena sospesa di 6 anni.