I coniugi Postnikov con i loro amici, 2 luglio 2024

Verdetti ingiusti

Dopo 3 anni di procedimenti giudiziari, la Corte di Cassazione ha finalmente confermato il verdetto ai coniugi Postnikov. Hanno ricevuto la sospensione condizionale della pena per aver parlato pacificamente di Dio

Area Autonoma Ebraica

Il caso dei coniugi Postnikov, dopo aver superato due processi e due appelli, è arrivato in Cassazione. Il 2 luglio 2024, la Nona Corte di Cassazione della Giurisdizione Generale di Vladivostok ha confermato il verdetto di 5,5 e 4,5 anni sospesi.

Nel loro ricorso per cassazione, i Postnikov hanno dichiarato: "I tribunali hanno sostituito il concetto di dottrina, che è formulato nella denominazione cristiana dei Testimoni di Geova, con la 'dottrina' delle organizzazioni liquidate, la cui confessione è stata presumibilmente considerata dai tribunali come una continuazione delle attività di queste persone giuridiche".

Oleg Postnikov, parlando davanti alla Corte di Cassazione, ha detto: "Non c'è stato estremismo nelle nostre azioni. Mia moglie ed io fummo spinti ad andare da L. P. Kabak e a parlarle di argomenti spirituali mediante l'amore cristiano. Questa donna ci ha chiesto aiuto per capire meglio ciò che dice la Bibbia. Dopo tutto, la Bibbia predice che un futuro meraviglioso attende l'umanità... L'amore e il desiderio di fare del bene agli altri sono le nostre vere motivazioni".

Nel 1985 la fede in Geova Dio aiutò il condannato Postnikov a riformarsi e a intraprendere il cammino cristiano. Agnessa decise di diventare testimone di Geova nel 1979. L'avvocato della coppia ha osservato: "Hanno professato e diffuso la loro fede, guidati dall'articolo 28 della Costituzione della Federazione Russa sia prima del 1991 che dopo il 2017, cioè molto prima della creazione e della liquidazione delle persone giuridiche di cui sono accusati".

I Postnikov, pur scontando un mandato sospeso, non si concentrano sulle loro difficoltà. Oleg ha detto: "La fede e il coraggio mi aiutano a sviluppare la riflessione su coloro che hanno mostrato fede e coraggio. Cerco di presentare in dettaglio le circostanze delle persone menzionate nella Bibbia e dei fratelli e delle sorelle che hanno sopportato e continuano a subire persecuzioni nel nostro tempo". Agnessa ha osservato: "Prego sempre per i miei fratelli e sorelle, così come per le loro famiglie. Mi piace leggere le biografie dei compagni di fede, mi aiuta a provare amore per loro e a scrivere lettere di sostegno".

Nel febbraio 2024 l'FSB ha fatto nuovamente irruzione nelle case dei testimoni di Geova a Birobidzhan e nel villaggio di Amurzet. Il numero delle vittime includeva ancora una volta la coppia Postnikov. Oleg è stato minacciato di una punizione più dura.

Durante l'udienza, l'avvocato ha sottolineato: "La Federazione Russa dichiara ufficialmente, pubblicamente e coerentemente che la decisione della Corte Suprema della Federazione Russa del 20 aprile 2017 non ha imposto un divieto né alla religione dei testimoni di Geova né ai modi in cui questa religione viene praticata". Tuttavia, La persecuzione dei credenti pacifici continua.

Il caso dei Postnikov a Birobidzhan

Casi di successo
Nel maggio 2018 si è svolta a Birobidzhan un’operazione speciale dell’FSB con la partecipazione di 150 funzionari della sicurezza, nome in codice “Giorno del giudizio”. Di conseguenza, almeno 20 testimoni di Geova sono stati perseguiti. Tra loro c’erano Oleg e Agnessa Postnikov. L’FSB li ha accusati di aver partecipato all’attività di un’organizzazione estremista e di averne coinvolto altri. La coppia ha firmato un accordo di riconoscimento. Il caso è andato in tribunale nel giugno 2021. Le accuse contro i credenti si basavano sulla testimonianza dell’agente di polizia Zvereva e di un altro residente di Birobidzhan, che fingevano di essere interessati alla Bibbia. Nell’aprile 2022, il tribunale ha condannato Oleg e Agnessa a pene sospese rispettivamente di 5,5 e 5 anni. La corte d’appello ha ribaltato questa decisione e nell’ottobre 2022 ha rinviato il caso per un nuovo processo, che si è concluso con la sospensione condizionale delle pene di 5,5 e 4,5 anni. Un’altra corte d’appello ha confermato il verdetto. Nel febbraio 2024 è stata effettuata un’altra perquisizione a casa dei Postnikov, ma nell’ambito di un nuovo raid delle forze di sicurezza nelle case dei credenti. Nel luglio 2024 la corte di cassazione ha approvato la decisione di ricorso.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Area Autonoma Ebraica
Insediamento:
Birobidzan
Sospettato di:
Secondo l'indagine, egli "ha preso parte attiva alla conduzione di eventi religiosi per lo studio e la divulgazione di ... ideologia"
Caso giudiziario nr.:
12007990001000009
Inizio caso:
12 febbraio 2020
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
UFSB della Russia nella Regione Autonoma Ebraica
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2), 282.2 (1.1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-39/2023 (1-718/2022)
Tribunale:
Биробиджанский районный суд ЕАО
Giudice del Tribunale di primo grado:
Ольга Ключикова
Casi di successo