Yelena e Sergey Chechulin

Verdetti ingiusti

Una corte d'appello conferma la condanna dei coniugi dei Testimoni di Geova di Petropavlovsk-Kamchatsky

Territorio della Kamčatka

Il 25 giugno 2024 il Tribunale regionale della Kamchatka ha confermato la sentenza del tribunale di primo grado nei confronti di Yelena e Sergey Chechulin: 2 anni di reclusione con sospensione condizionale della pena per aver partecipato alle attività di un'organizzazione "estremista".

I credenti non sono d'accordo con le decisioni dei tribunali. Yelena Chechulina ha osservato nel suo appello: "Il tribunale non ha stabilito la presenza di motivi di odio religioso o inimicizia nelle mie azioni, e non ha stabilito contro quale specifico gruppo sociale ho agito. Tutte le mie azioni sono state completamente pacifiche". Ha aggiunto: "La legge non considera segno di estremismo la confessione, anche insieme ad altri, della religione a cui appartenevano le associazioni religiose sciolte. Pertanto, il riconoscimento di un'entità legale come estremista non equivale a imporre un divieto a una confessione religiosa con i suoi credi intrinseci, la terminologia spirituale e la procedura per tenere il culto".

Il pubblico ministero Khramova ha chiesto alla corte d'appello di inasprire la pena e di aumentare la pena a 6 anni di reclusione sospesa "in relazione alla circostanza aggravante sotto forma di commissione di un crimine da parte di un gruppo di persone mediante precedente cospirazione" – questo è il modo in cui Khramova ha considerato le letture bibliche congiunte dei credenti.

A causa del verdetto di colpevolezza, i Chechulin sono privati della possibilità di viaggiare al di fuori del territorio della Kamchatka. Le loro auto sono state sequestrate, i loro conti sono stati bloccati, quindi non possono pagare il mutuo mensile.

Le autorità del Territorio della Kamchatka continuano la persecuzione religiosa dei Testimoni di Geova: ad oggi, 10 credenti hanno subito il sistema giudiziario a causa delle loro convinzioni pacifiche.

Il caso dei Chechulin a Petropavlovsk-Kamchatsky

Casi di successo
Sergej Chečulin e sua moglie Yelena divennero imputati in un altro procedimento penale contro i testimoni di Geova a Petropavlovsk-Kamčatskij. Nel settembre 2022, il Comitato investigativo ha avviato un procedimento nei loro confronti con l’accusa di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Un mese dopo, la loro casa è stata perquisita e la coppia è stata sottoposta a un accordo di riconoscimento. Nel novembre 2023, il caso è arrivato in tribunale, dove l’accusa è stata riclassificata come partecipazione all’attività di un’organizzazione estremista. Il procuratore ha chiesto 6 anni in una colonia penale per i Chechulin. Nell’aprile 2024 sono stati condannati a 2 anni di pena sospesa, a un periodo di libertà vigilata di 3 anni e a ulteriori restrizioni di 6 mesi. Nel giugno 2024, la Corte d’Appello ha confermato questa decisione.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Territorio della Kamčatka
Insediamento:
Petropavlovsk-Kamčatskij
Sospettato di:
"convocando adunanze, organizzando discorsi e servizi religiosi collettivi, secondo l'ideologia dell'associazione religiosa dei testimoni di Geova in queste adunanze ... Ha condotto un addestramento di routine con altre persone sui postulati dell'associazione religiosa "Testimoni di Geova"" (dalla decisione di avviare un procedimento penale)
Caso giudiziario nr.:
12202300011000019
Inizio caso:
25 settembre 2022
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per il territorio della Kamchatka
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2)
Numero del procedimento giudiziario:
1-70/2024 (1-997/2023)
Tribunale di primo grado:
Петропавловск-Камчатский городской суд
Giudice del Tribunale di primo grado:
Иван Пантяшин
Casi di successo