Caso dei Bazhenov e altri a Yelizovo

Breve storia del caso

Nel 2018, a Yelizovo, Snezhana e Konstantin Bazhenov, entrambi insegnanti, così come la pensionata vedova Vera Zolotova, sono stati arrestati, le loro case sono state perquisite e pochi giorni dopo hanno dovuto firmare un accordo di riconoscimento. Il Comitato investigativo ha equiparato lo svolgimento di riunioni congiunte per il culto ad un’attività illegale. Nel settembre 2020, il tribunale ha inflitto a ciascuno di loro una pena sospesa di 2 anni. La corte d’appello confermò questa decisione, ma la corte di cassazione rinviò il caso per un nuovo processo al tribunale territoriale. Nel gennaio 2022 ha assolto i credenti, ma l’ufficio del procuratore ha ottenuto che il verdetto fosse ribaltato dalla Corte Suprema della Federazione Russa e il caso è stato riportato in fase di appello, e successivamente le corti di cassazione hanno sostenuto il verdetto di una pena sospesa di 2 anni.

  • #
    17 agosto 2018

    L'investigatore D.M. Petukhov prende la decisione di avviare un procedimento penale ai sensi della Parte 1 dell'articolo 282. 2 in relazione a Konstantin e Snezhana Bazhenov e Vera Zolotova.

  • #
    19 agosto 2018

    Le forze di sicurezza stanno perquisendo le case di diversi residenti di Yelizovo, tra cui l'appartamento di Vera Zolotova, che in quel momento è in visita ai suoi conoscenti. 9 persone, tra cui la figlia diciassettenne dei Bazhenov, vengono portate al Comitato investigativo per essere interrogate. I Bazhenov e Vera Zolotova sono stati arrestati come sospetti e collocati in una struttura di detenzione temporanea.

    Le autorità conducono interrogatori ai credenti e ai loro bambini piccoli.

  • #
    21 agosto 2018

    Snezhana Bazhenova e Vera Zolotova vengono rilasciate dal centro di detenzione temporanea. La detenzione di Konstantin Bazhenov è prorogata fino al 18.10.2018.

  • #
    22 agosto 2018

    Il tribunale distrettuale di Yelizovsky riconosce come legale la perquisizione nell'appartamento di Vera Zolotova.

  • #
    23 agosto 2018

    Konstantin Bazhenov ha presentato ricorso contro la decisione del tribunale di arrestarlo.

  • #
    24 agosto 2018

    Bazhenova e Zolotova sono sotto processo. Entrambe le donne vengono scelte come misura preventiva sotto forma di impegno scritto a non partire. Bazhenova e Zolotova sono state interrogate come imputate.

  • #
    27 agosto 2018

    È in corso una perquisizione nell'appartamento di Marina Eliseeva. Non solo Marina è sotto interrogatorio, ma anche la figlia minorenne.

  • #
    29 agosto 2018

    Il tribunale regionale della Kamchatka rilascia Konstantin Bazhenov dalla custodia cautelare.

  • #
    30 agosto 2018

    L'investigatore sceglie Konstantin Bazhenov come misura preventiva per sua stessa ammissione.

  • #
    31 agosto 2018
  • #
    30 agosto 2019

    L'atto d'accusa dell'ufficio del procuratore è pronto per portare il caso in tribunale.

  • #
    11 settembre 2019

    Il caso è stato trasferito al tribunale distrettuale di Yelizovsky per l'esame da parte del giudice Yana Konysheva.

    Alla causa è assegnato il numero 1-403/2019.

  • #
    24 ottobre 2019

    L'udienza è stata rinviata al 07.11.2019 per familiarizzare la difesa con i materiali del caso.

  • #
    7 novembre 2019

    Nel tribunale distrettuale di Yelizovsky si tiene un'udienza sotto la presidenza del giudice Y. A. Konysheva, in cui l'accusa annuncia l'accusa e la difesa chiede il ritorno del caso al pubblico ministero. Il prossimo incontro è previsto per il 14.11.2019.

  • #
    12 novembre 2019
  • #
    14 novembre 2019

    Il tribunale distrettuale di Yelizovsky ha rinviato il caso penale all'ufficio del procuratore. Le ragioni di questa decisione saranno chiare non appena sarà disponibile il testo della risoluzione. Di norma, il tribunale rinvia il caso all'ufficio del pubblico ministero se l'accusa non ha raccolto motivi sufficientemente convincenti per il processo.

  • #
    9 gennaio 2020

    Il tribunale regionale della Kamchatka annulla la decisione del tribunale distrettuale di Yelizovsky di rinviare il caso al pubblico ministero. Ciò significa che il procedimento penale contro i Bazhenov e la 73enne Vera Zolotova viene nuovamente trasferito al tribunale distrettuale di Yelizovsky per l'esame nel merito.

  • #
    4 marzo 2020

    Il tribunale distrettuale di Yelizovsky sta esaminando il merito del caso contro i Bazhenov. Il giudice che presiede è Yulia Piskun, il pubblico ministero è Artur Adamko.

    S.V. Moskal, testimone dell'accusa, è stato interrogato. Spiega di essere venuto alle riunioni dei credenti e di averle registrate di nascosto usando strumenti di registrazione video e audio. Dopo le domande del pubblico ministero, Moskal cominciò a convocare irragionevolmente adunanze di credenti dell'"organizzazione religiosa locale" (LRO) dei testimoni di Geova. E' la continuazione delle attività dell'LRO bandito che l'accusa viene attribuita ai credenti.

    Gli imputati e la difesa hanno espresso il loro disaccordo con la testimonianza del testimone dell'accusa, dal momento che l'LRO è un'entità legale e non un gruppo di persone che godono del diritto costituzionale alla libertà di religione.

  • #
    10 marzo 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Prosegue l'udienza del procedimento penale dei coniugi Bazenov. I testimoni vengono interrogati, vengono esaminate le prove materiali e vengono annunciati i materiali del caso.

    Il testimone dell'accusa D. N. Kalinova, insegnante di storia e studi sociali, è stato interrogato. Uno dei difensori chiede di indicare l'imputato. Il testimone indica un ascoltatore libero seduto in fondo alla sala, che sembra completamente diverso da Bazhenov. Bazhenov fa una domanda al testimone, in risposta il testimone si rivolge a lui: "Caro avvocato". Alla fine dell'interrogatorio, il giudice presenta il vero Bazhenov al testimone con un sorriso.

  • #
    11 marzo 2020

    Viene annunciata la testimonianza del testimone dell'accusa Z. E. Tarabarina, classe 1935, compilata dall'inquirente durante le indagini preliminari. La testimone sottolinea più volte che la testimonianza è stata registrata in modo errato e spiega di essere stata costretta a firmare un protocollo che non ha letto.

  • #
    16 marzo 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Un testimone dell'accusa è stato interrogato. Le viene chiesto di indicare l'imputata Vera Zolotova. Il testimone non è in grado di riconoscere l'imputato. Il pubblico ministero chiede alla credente di alzarsi, chiamandola per nome e patronimico. Ora la testimone "ammette" che è stata la Zolotova a venire a casa sua per parlare di Dio. Il tribunale esamina le prove materiali, in particolare i filmati dei testimoni di Geova.

  • #
    18 marzo 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Si stanno studiando i materiali delle attività di ricerca operativa, in particolare le registrazioni delle adunanze dei testimoni di Geova. La difesa presenta una mozione per escludere un esame religioso di parte. Il procuratore Roman Mishchenko ha obiettato: "L'indagine ha stabilito che l'Ortodossia è una delle religioni che tollerano i rappresentanti di altre religioni, il che la distingue dalla dottrina dei testimoni di Geova". La difesa critica la posizione di aperta discriminazione religiosa da parte del pubblico ministero. Il tribunale respinge l'istanza di esclusione dell'esame.

    La difesa presenta una mozione per convocare testimoni, tra cui K. V. Zhovtina, che ha partecipato alla perquisizione nelle case dei credenti, aiutando l'investigatore Petukhov D. M. a redigere e stampare i protocolli. Come si seppe, Zhovtina studiò con Petukhov e lui le promise un impiego in cambio di collaborazione. L'organo giurisdizionale accoglie la richiesta.

  • #
    8 aprile 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    A causa della situazione epidemiologica, il tribunale rinvia l'udienza al 1° giugno.

  • #
    1 giugno 2020

    La riunione è stata nuovamente aggiornata. Prossime date delle udienze: 28 e 29 luglio, 3 e 4 agosto.

  • #
    28 luglio 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    La difesa presenta una mozione per archiviare il caso e allegare il parere del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite. L'organo giurisdizionale allega le conclusioni al fascicolo di causa.

  • #
    29 luglio 2020

    Il procuratore di Stato Artur Adamko presenta un'obiezione alla mozione. Il tribunale rifiuta di chiudere il procedimento penale.

    Vladimir Kurpas, che ha partecipato alla perquisizione degli imputati il 19 agosto 2018 come testimone, è sotto interrogatorio.

    Secondo la parte 1 dell'articolo 60 del codice di procedura penale della Federazione Russa, "un testimone non è una persona interessata" e "i dipendenti delle autorità esecutive abilitate a svolgere attività di ricerca operativa e (o) indagini preliminari non possono essere chiamati come testimoni".

    Nel 2016-2017, Kurpas ha svolto un tirocinio professionale nelle forze dell'ordine. Durante le perquisizioni dei fedeli, è stato direttamente coinvolto in azioni investigative: ha contribuito a redigere e stampare un protocollo, aggiungendovi sotto dettatura un elenco di oggetti sequestrati. Ad oggi, Kurpas lavora come investigatore senior nella stessa SO che ha condotto la ricerca. Il testimone spiega la sua collaborazione con le forze dell'ordine con il fatto che "dopo la perquisizione, si è interessato al lavoro di un investigatore, e quindi ha iniziato a venire spesso al dipartimento investigativo".

    La Corte allega al caso un'altra decisione del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite ed esamina i materiali scritti del caso, comprese le competenze linguistiche, nonché le prove materiali.

  • #
    30 luglio 2020

    La corte sta interrogando la seguente testimone: Kristina Zhovtun. Sottolinea che Kurpas l'ha invitata a prendere parte alla ricerca, ma trova difficile rispondere se Kurpas fosse il secondo testimone. Dal 2019, Zhovtun lavora nella Guardia Nazionale.

    La difesa deve presentare istanze per escludere le prove e chiarire le accuse, nonché contestare il giudice. Tutte le domande sono respinte.

    Konstantin Bazhenov testimonia in tribunale.

    I prossimi incontri sono previsti per il 3 e 4 agosto 2020 alle ore 10:00. Le imputate Snezhana Bazhenova e Vera Zolotova dovrebbero testimoniare. Il 4 agosto si svolgerà il dibattito tra le parti.

  • #
    21 settembre 2020 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    Presso il tribunale distrettuale Yelizovsky del territorio della Kamchatka, il pubblico ministero chiede 600.000 rubli come multa per i Bazhenov, oltre a 400.000 rubli per una multa per l'anziana Vera Zolotova. I credenti non ammettono la colpa dell'estremismo e chiedono la loro assoluzione.

    "Vi chiedo di permettermi di continuare a godere dei diritti garantiti dagli articoli 28 e 29 della Costituzione della Federazione Russa, vale a dire: riunirmi pacificamente e apertamente con gli amici per leggere la Bibbia e cantare cantici di lode al nostro Dio Geova", ha detto Konstantin Bazhenov nel suo ultimo discorso .

    Sua moglie, Snezhana, in un appello alla corte ha ricordato che i testimoni di Geova sono stati repressi durante l'era sovietica, ma in seguito sono stati riabilitati.

    "Ho il diritto di avere le mie convinzioni religiose, di vivere in armonia con esse, di condividerle con altre persone. Questo diritto mi è dato da Dio e dall'articolo 28 della Costituzione della Federazione Russa", ha detto Vera Zolotova nella sua ultima parola .

    Il verdetto è previsto per il 25 settembre.

  • #
    25 settembre 2020 Sentenza di primo grado

    Il giudice del tribunale distrettuale di Yelizovsky del territorio della Kamchatka Yulia Piskun ammorbidisce la qualificazione delle azioni degli imputati dalla parte 1 dell'articolo 282.2 alla parte 2 dell'articolo 282.2 ed emette un verdetto: condannare i coniugi Konstantin e Snezhana Bazhenov, nonché la 73enne Vera Zolotova, a 2 anni con sospensione condizionale della pena con un periodo di prova di 3 anni e successiva restrizione della libertà per 6 mesi.

  • #
    17 novembre 2020 Corte d'Appello

    Il tribunale regionale della Kamchatka respinge Konstantin e Snezhana Bazhenov, così come Vera Zolotova, il loro appello. La sentenza del tribunale di grado inferiore rimane invariata ed entra in vigore.

  • #
    9 novembre 2021

    La Nona Corte di Cassazione di Giurisdizione Generale sta esaminando in videoconferenza una denuncia dei credenti contro la sentenza d'appello del Tribunale regionale della Kamchatka nel loro caso. Il collegio giudiziario, che comprende i giudici S. V. Lyubenko, S. A. Busarov e N. Y. Khromina, annulla la decisione dell'istanza d'appello e rinvia il caso per un nuovo esame d'appello da parte di un'altra composizione del tribunale. Il Consiglio giudiziario chiede di prendere in considerazione i chiarimenti del Plenum della Corte Suprema della Federazione Russa del 28 ottobre 2021, che ha stabilito che i servizi divini dei Testimoni di Geova, i loro rituali e cerimonie congiunti non costituiscono di per sé un reato ai sensi dell'articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa.

  • #
    11 gennaio 2022 Corte d'Appello

    I Bazhenov parlano alle udienze d'appello. Il caso non raggiunge la decisione del tribunale, poiché il pubblico ministero chiede tempo per preparare la sua parte del dibattito. La prossima udienza è fissata per il 18 gennaio. Allo stesso tempo, può essere emessa una decisione di ricorso.

  • #
    18 gennaio 2022 Corte d'Appello

    Il tribunale regionale della Kamchatka sta riesaminando il caso dei coniugi Bazhenov e Vera Zolotova. I giudici D. E. Urban, A. Y. Ivakin e O. F. Slobodchikov dichiararono i credenti innocenti. Il verdetto ha effetto immediato.

  • #
    9 giugno 2022

    La Nona Corte di Cassazione della Giurisdizione Generale (Vladivostok) conferma il verdetto di assoluzione d'appello nei confronti di Konstantin e Snezhana Bazhenov, nonché di Vera Zolotova.

  • #
    12 dicembre 2022
  • #
    15 dicembre 2022
  • #
    31 gennaio 2023 Corte d'Appello

    Tribunale regionale della Kamčatka (Petropavlovsk-Kamchatsky, via Leninskaya, 52). Orario: 14:00.

  • #
    15 settembre 2023