Caso di Ledyaykin a Seversk

Breve storia del caso

Nel luglio 2020, agenti dell’FSB e del Comitato investigativo, accompagnati da due poliziotti antisommossa, sono arrivati sul posto di lavoro di Andrey Ledyaikin, l’amministrazione di Seversk, per prelevare il credente per una perquisizione nella sua casa. Dopo che nel marzo 2021, il Dipartimento investigativo di ZATO Seversk ha aperto un procedimento penale contro Ledyaykin, è stato costretto a dimettersi. Tre giorni dopo, il tribunale ha scelto una misura di moderazione per lui sotto forma di un impegno scritto a non andarsene e di un comportamento corretto. Nel giugno 2021, il caso di Ledyaykin è stato presentato al tribunale della città di Seversky della regione di Tomsk. È stato esaminato dal giudice Ekaterina Soldatenko. L’accusa si basa sulla testimonianza dell’agente dell’FSB Kira Klisheva, che ha testimoniato contro altri 5 Testimoni di Geova a Seversk. Il pubblico ministero ha chiesto 4,5 anni in una colonia a regime generale per il credente. Nell’aprile 2022, il tribunale ha condannato Andrey Ledyaykin a 2 anni e 2 mesi in una colonia penale e il 14 luglio il tribunale regionale di Tomsk ha sostituito questa pena con una pena sospesa.

  • #
    Marzo-Aprile 2020

    L'agente dell'FSB Kira Klisheva, fingendo di essere interessata alla Bibbia, tiene segretamente su Internet le registrazioni video delle conversazioni su Dio.

  • #
    14 luglio 2020

    Allo stesso tempo, verso le 9 del mattino, agenti del Comitato investigativo e dell'FSB hanno invaso le case di Sergey Belousov, Andrey Kolesnichenko, Andrey Ledyaykin, Alexei Ershov e Yevgeny Korotun. Kolesnichenko, 50 anni, e Ledyaikin, 31 anni, vengono arrestati dagli agenti dell'FSB al lavoro, dopodiché vengono condotte perquisizioni nelle loro case. Le ricerche di Aleksey Ershov, 67 anni, durano circa 5 ore. A sua moglie non viene permesso di entrare nell'appartamento, ma in seguito viene portata per essere interrogata con il marito e la figlia.

    In seguito uno dei credenti disse: "Abbiamo aperto la porta perché era quasi sfondata. Circa 10 persone sono entrate nell'appartamento e hanno iniziato a perquisire. Io e mio figlio siamo stati tenuti in una tromba delle scale per diverse ore. I vicini hanno preso una sedia e un po' di cibo". Il tenente Sergey Mamontov, investigatore capo del dipartimento investigativo per il distretto Leninsky di Tomsk, chiede a Kolesnichenko perché "non frequenta la Chiesa ortodossa o cattolica".

    Le forze dell'ordine confiscano ai credenti dispositivi elettronici, varie edizioni della Bibbia, notebook, router Wi-Fi, videocamere, foto, cartoline, carte bancarie, passaporti stranieri e persino volumi di Victor Hugo e Lev Tolstoj.

  • #
    25 marzo 2021

    A. G. Kolpakov, un investigatore del Dipartimento investigativo per il territorio amministrativo chiuso di Seversk, avvia un procedimento penale contro Andrey Ledyaykin ai sensi della parte 2 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa.

  • #
    29 marzo 2021

    Una misura di moderazione è scelta in relazione al credente sotto forma di un riconoscimento a non andarsene e di un comportamento appropriato.

  • #
    30 marzo 2021

    Andrey Ledyaykin è accusato di partecipazione ad attività estremiste. Si basa su registrazioni video di servizi di culto fatte dall'agente Klisheva.

    Ledyaykin non ammette la colpevolezza di aver commesso il crimine incriminato. Secondo lui, non ha mai preso parte alle attività di organizzazioni estremiste e nella sua vita è guidato da principi che non ammettono la violenza. "Considero i procedimenti penali come repressioni che violano il diritto nazionale e internazionale", dichiara il credente.

  • #
    22 giugno 2021

    Il procedimento penale contro Andrey Ledyaykin è stato presentato al tribunale della città di Seversky della regione di Tomsk. Sarà preso in considerazione dal giudice Ekaterina Soldatenko. La prima udienza è prevista per il 12 luglio 2021.

  • #
    12 luglio 2021 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Per ordine del giudice Ekaterina Soldatenko, l'udienza si svolge senza la presenza di uditori. Il tribunale respinge la richiesta dell'avvocato di restituire il fascicolo del caso al pubblico ministero.

    Il pubblico ministero legge la decisione di portare Andrei Ledyaikin come imputato.

    L'imputato informa la corte di non essere d'accordo con l'accusa e spiega: "L'accusa contro di me contiene espressioni dell'opinione soggettiva del testimone nel caso e dell'investigatore, non confermata dalle opinioni di specialisti in esami religiosi, linguistici e psicologici".

    Nel suo appello alla corte, Ledyaykin sottolinea che l'accusa "è assolutamente infondata, poiché non ci sono prove dell'atto incriminato, e questo procedimento penale contraddice le norme dell'attuale legislazione russa".

  • #
    30 novembre 2021 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'udienza dura 5 minuti a causa dell'ennesimo fallimento della testimone dell'accusa Klisheva. Il pubblico ministero presenta una mozione per dare voce alla sua testimonianza dal fascicolo del caso. L'avvocato si oppone e insiste sulla presenza personale del testimone. Il giudice sostiene la difesa ed esorta il pubblico ministero a garantire la comparizione di Klisheva in tribunale.

  • #
    29 dicembre 2021 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    22 persone si recano al palazzo di giustizia per sostenere il credente, ma a nessuno di loro viene permesso di entrare nell'aula.

    All'udienza vengono lette le caratteristiche dell'imputato, i suoi certificati e le lettere di ringraziamento dei capi dei vari dipartimenti.

    Il giudice allega al caso il ricorso dell'imputato al Ministero della Giustizia e la risposta del Ministero.

    Il diretto superiore di Andrey Ledyaykin dal suo ultimo posto di lavoro viene interrogato. Descrive l'imputato come "una persona eccezionalmente decente e responsabile, un professionista nel suo campo". Dice anche che Ledyaykin, quando ha saputo del caso penale, ha scritto volontariamente una lettera di dimissioni, anche se la direzione lo ha scoraggiato dal farlo, e aggiunge: "Quando se n'è andato, molti hanno pianto".

  • #
    24 gennaio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il giudice Ekaterina Soldatenko accoglie la richiesta di visionare la sessione del Plenum della Corte Suprema della Federazione Russa del 28 ottobre 2021 e allega la trascrizione del Plenum al fascicolo del caso. Il credente spiega: "Vostro Onore, come può vedere, è esclusa la responsabilità penale delle persone nei confronti delle quali non è stato stabilito quali azioni specifiche relative alla ripresa o alla continuazione delle attività di un'organizzazione estremista abbiano commesso, e da quali motivi siano state guidate nel farlo".

    E aggiunge: "Sulla base dei materiali del procedimento penale, le azioni e i motivi che mi vengono attribuiti non hanno alcun fondamento. E frasi registrate nell'atto d'accusa come "avere intenzione", "realizzare", "volerlo", "agire per motivi estremisti" non sono altro che speculazioni di qualcuno.

    Ledyaykin chiarisce: "Stavo esercitando il mio diritto alla libertà di religione quando ero presente con i miei compagni di fede alle funzioni religiose".

  • #
    3 febbraio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Andrey Ledyaykin legge ad alta voce le lettere che gli sono state sequestrate, richiamando l'attenzione della corte sul fatto che non contengono alcun invito a minare le fondamenta dell'ordine costituzionale e della sicurezza dello Stato. Spiega alla corte che contengono informazioni basate sulla Bibbia; parla delle promesse di Dio sul futuro; Sulla base della profezia biblica, vengono spiegati gli eventi che si svolgono oggi nel mondo e altre cose.

  • #
    8 febbraio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'imputato fa riferimento alla legge federale n. 114 "Sulla lotta contro le attività estremiste" e richiama l'attenzione della corte sul fatto che "la Bibbia ... Il suo contenuto e le sue citazioni non possono essere riconosciuti come materiale estremista".

    La difesa chiede la visione di registrazioni video di incontri con la partecipazione dell'imputato. Poiché il disco con le registrazioni video non è stato trovato, l'avvocato chiede il recupero dei dischi al dipartimento investigativo.

  • #
    16 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Alla riunione sono presenti solo i partecipanti al processo. Gli ascoltatori non sono ammessi in aula.

    Viene annunciata una risposta del Comitato Investigativo sull'ubicazione dei dischi con le registrazioni dei servizi di culto che si riferiscono al caso contro Korotun , e il caso Ledyaykin contiene una trascrizione di queste registrazioni. Il giudice respinge la richiesta dell'avvocato di escludere questi documenti dal fascicolo, ma riconosce la pratica giudiziaria positiva in casi simili contro credenti che erano sospettati di aver violato la Parte 2 dell'articolo 282.2 del codice penale, ma che sono stati successivamente assolti.

    L'imputato legge estratti delle opinioni del governo della Federazione Russa nei rapporti del Gruppo di lavoro del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, nonché della sentenza d'appello del Consiglio della Corte Suprema della Federazione Russa del 17.07.2017: "Il tribunale di primo grado non ha valutato la legalità delle credenze religiose dei Testimoni di Geova e i modi di esprimerle, verificare solo la legalità delle azioni compiute dall'Organizzazione in conformità con la legge "Sul contrasto alle attività estremiste".

    Ledyaykin cita anche il commento del Rappresentante Permanente della Federazione Russa presso l'OSCE A. K. Lukashevich alla riunione del Consiglio Permanente dell'OSCE del 14 febbraio 2019: "Sottolineiamo ancora una volta che nulla impedisce ai Testimoni di Geova di praticare liberamente la loro fede in Russia, poiché non è richiesto alcun permesso formale per le preghiere".

  • #
    22 marzo 2022

    Su richiesta di Andrej Ledyaykin, viene riprodotta una registrazione video del servizio divino con la sua partecipazione e viene ascoltato un canto religioso. Successivamente, l'imputato fornisce spiegazioni sul materiale visionato. Ledyaykin richiama l'attenzione della corte sul fatto che "il video non contiene un solo appello a minare le fondamenta dell'ordine costituzionale e della sicurezza dello Stato", che il materiale in discussione "incoraggia a essere determinati a sostenere gli altri, indipendentemente dalle circostanze in cui si trovano".

    Il credente confuta coerentemente tutte le accuse contenute nel fascicolo del caso contro di lui e argomenta perché l'estremismo è incompatibile con la sua visione del mondo. Andrey Ledyaykin cita anche molte dichiarazioni del governo russo che confermano che i testimoni di Geova possono adorare Dio senza impedimenti. Tra le altre cose, dice: "Se non riconoscessi le autorità statali e gli organi di autogoverno locale, non lavorerei nell'amministrazione della città di Seversk. E ho lavorato per esattamente 10 anni, fino a quando mi è stato chiesto di dimettermi a causa di questo procedimento penale.

    Spiega anche il credente: "Dato il principio costituzionale della separazione tra Chiesa e Stato (articolo 14 della Costituzione della Federazione Russa), la legge non stabilisce norme riguardo a quali forme di religione siano corrette e quali no. Pertanto, in ogni religione sono diversi.

    La Corte Suprema della Federazione Russa non mi ha proibito di discutere di questioni bibliche con i miei amici. E questo diritto costituzionale non dipende dalla presenza o dall'assenza di un'entità giuridica".

  • #
    24 marzo 2022

    Il credente conclude con note scritte e dice: "Non ho commesso alcun crimine, ma ho solo esercitato il mio diritto costituzionale di credere in Geova Dio e di vivere in armonia con le mie convinzioni religiose. E questa non era una continuazione delle attività dell'organizzazione "estremista" liquidata.

  • #
    30 marzo 2022 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    Il pubblico ministero chiede una condanna a 4,5 anni di carcere per Andrey Ledyaikin con servizio in una colonia a regime generale e successiva restrizione della libertà per un periodo di 1 anno. Il procuratore chiede anche di vietare al credente di pubblicare informazioni su Internet per 5 anni.

  • #
    15 aprile 2022 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    L'imputato Andrei Ledyaykin interviene nel dibattito. In risposta alle accuse di incitamento all'odio religioso, sottolinea che nessuno è rimasto ferito in questo caso, tranne lui e la sua famiglia. Il credente richiama l'attenzione della corte: "Nel caso di specie, l'accusa contro di me si basa sul principio di criminalizzare le azioni umane a seconda della religione che professo. Le azioni abituali per ogni credente: la partecipazione a servizi di culto e così via diventano, secondo l'opinione del pubblico ministero, un reato ... Per me è ovvio che l'accusa vede la partecipazione alle attività di un'organizzazione estremista nel cantare canzoni, pregare, studiare la Bibbia. Questo è il motivo per cui, nella mia testimonianza nel caso in esame, ho sempre sostenuto di non ammettere pienamente la mia colpa".

  • #
    26 aprile 2022 Sentenza di primo grado Dichiarazione finale

    Il giudice del tribunale della città di Seversky della regione di Tomsk Ekaterina Soldatenko condanna Andrey Ledyaykin a 2 anni e 2 mesi di carcere.

  • #
    3 giugno 2022

    L'avvocato fa visita ad Andrey Ledyaykin nel centro di detenzione preventiva. Il credente è in una cella doppia con un altro prigioniero. I rapporti di Andrey con il suo compagno di cella e l'amministrazione sono normali. A volte ci sono attacchi di malattie croniche (ipertensione), motivo per cui è necessario assumere farmaci.

    Andrey racconta che a causa dell'arresto ha dovuto rimandare il matrimonio, e ora è costretto a comunicare con la sua sposa solo per corrispondenza. Tuttavia, le lettere di lei e degli amici gli sono di grande sostegno. Ha già ricevuto circa 600 lettere.

  • #
    14 luglio 2022 Corte d'Appello

    Il Collegio del Tribunale regionale di Tomsk mitiga la condanna di Andrey Ledyaykin, sostituendo 2 anni e 2 mesi di carcere con un'analoga sospensione condizionale della pena.