Il caso di Terebilov a Kostroma

Breve storia del caso

Nel luglio 2018, agenti di polizia e una squadra di agenti dell’OMON hanno perquisito l’appartamento di Dmitry Terebilov, in sua assenza. Un anno dopo, il Comitato Investigativo ha avviato un procedimento penale contro il credente per aver partecipato all’attività di un’organizzazione estremista. Presto la casa di Terebilov fu perquisita di nuovo. Il credente è stato sottoposto a un accordo di riconoscimento ed è stato aggiunto alla lista di monitoraggio di Rosfin. Nel settembre 2020, il caso di Dmitry è arrivato in tribunale, che un anno dopo lo ha condannato a 3 anni in una colonia a regime rigoroso. La corte d’appello, e poi la corte di cassazione, confermarono il verdetto. Da febbraio 2022, Terebilov sta scontando la sua pena nella colonia correzionale n. 1 nella regione di Kostroma. Nell’aprile 2023, Dmitry è diventato imputato in un nuovo procedimento penale a causa di conversazioni sulla Bibbia con un altro prigioniero.

  • #
    25 luglio 2018

    L'appartamento di Dmitry Terebilov è stato perquisito in sua assenza. Gli agenti di polizia con un distaccamento di polizia antisommossa sfondano la porta d'ingresso per entrare nell'abitazione. Sequestrano i supporti elettronici e gli effetti personali.

  • #
    13 giugno 2019

    Il Dipartimento investigativo per il distretto centrale di Kostroma del Comitato investigativo del Comitato investigativo della Federazione Russa per la regione di Kostroma avvia un procedimento penale per fede ai sensi dell'articolo 282.2 (2). Secondo gli investigatori, Dmitry Terebilov (nato nel 1980) "Distribuendo ... letteratura inclusa nell'elenco federale dei materiali estremisti, contenente informazioni che incitano alla discordia religiosa, promuovono l'esclusività, la superiorità della dottrina dei testimoni di Geova e l'inferiorità di altri cittadini che non professano questa dottrina ... hanno partecipato alle riunioni tenute".

  • #
    26 giugno 2019

    Il giudice del tribunale distrettuale di Sverdlovsk di Kostroma, V. P. Bebeshko, emette un mandato di perquisizione nell'appartamento di Terebilov.

  • #
    4 luglio 2019

    La casa di Terebilov è stata perquisita.

  • #
    2 settembre 2019

    Il giudice del tribunale regionale di Kostroma, O. A. Panov, conferma l'ordine di perquisire la casa del credente.

  • #
    19 settembre 2019

    Il conto bancario di Dmitriy Terebilov è stato bloccato.

  • #
    25 maggio 2020

    L'investigatore N. A. Tsymlyakov sceglie una misura restrittiva per Terebilov sotto forma di un impegno scritto a non lasciare il luogo e lo accusa di aver commesso un reato ai sensi della parte 2 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa. Secondo l'indagine, nel periodo compreso tra il 17 luglio 2017 e il 25 maggio 2020, Dmitry ha partecipato attivamente alle attività delle organizzazioni religiose liquidate.

  • #
    27 maggio 2020

    La moglie di Terebilov viene interrogata come testimone. L'investigatore annuncia la fine dell'indagine preliminare e viene redatto un rapporto.

  • #
    29 maggio 2020

    L'investigatore N. A. Tsymlyakov accusa nuovamente Dmitry Terebilov di aver commesso un reato ai sensi della Parte 2 dell'articolo 282.2 del Codice Penale della Federazione Russa, aggiungendo alcuni nuovi episodi alla sentenza.

  • #
    10 luglio 2020

    Il termine delle indagini preliminari del procedimento penale contro Dmitry Terebilov sta per scadere. L'investigatore presenta una petizione al tribunale distrettuale di Sverdlovsk di Kostroma per limitare il tempo necessario al credente per familiarizzare con i materiali dei 9 volumi del caso penale - questo limiterebbe il diritto del credente alla protezione della qualità. Dmitry Terebilov sta preparando un'obiezione a questa petizione.

  • #
    7 agosto 2020

    Il sostituto procuratore di Kostroma E. L. Sokolov approva l'atto d'accusa e lo consegna a Terebilov.

  • #
    8 settembre 2020 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Nel tribunale distrettuale di Sverdlovsk di Kostroma iniziano le udienze sul merito del caso. Il presidente del tribunale è Oksana Borovkova. Arbitro: Oksana Borovkova.

    Il procuratore Svetlana Gryaznova annuncia l'incriminazione a Dmitry Terebilov. Secondo il documento, l'imputato "ha partecipato attivamente alle attività dell'organizzazione religiosa 'Centro amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia' liquidata in relazione all'attuazione di attività estremiste e dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova a Kostroma, che fa parte della sua struttura ... al fine di diffondere l'ideologia e i valori della dottrina dei Testimoni di Geova, che incita alla discordia religiosa, promuove l'esclusività, la superiorità della dottrina dei Testimoni di Geova e l'inferiorità di altri cittadini che non professano questa dottrina, sulla base del loro atteggiamento nei confronti della religione ...

    L'imputato non comprende il significato dell'accusa, poiché non era membro di entità giuridiche proibite, e la Corte Suprema della Federazione Russa non ha valutato le credenze dei testimoni di Geova e non ha proibito la pratica della loro religione. Terebilov afferma di non aver mai svolto attività estremiste e che la violenza è incompatibile con le sue convinzioni religiose. Sottolinea che rispetta i rappresentanti di altre religioni, considera il procedimento penale contro di lui come una repressione religiosa.

    I testimoni dell'accusa dovrebbero essere convocati alla prossima udienza.

  • #
    17 dicembre 2020

    I testimoni dell'accusa sono stati interrogati, tra cui il dipendente del CPE Alexander Igumnov. Durante l'interrogatorio, Igumnov non può fornire una testimonianza specifica su nessuna delle accuse. Si riferisce al fatto che ha dimenticato molto, anche se nel fascicolo c'è un protocollo del suo interrogatorio risalente al maggio 2020. "So tutto un po' superficialmente", spiega, "è solo la mia opinione". Igumnov non ha nulla da dire su Terebilov come testimone di Geova.

    L'avvocato richiama inoltre l'attenzione sul fatto che gli stessi testimoni hanno partecipato alle azioni investigative per diversi anni.

  • #
    26 gennaio 2021

    L'interrogatorio dei testimoni dell'accusa è in corso. La difesa sta interrogando il testimone Kochurov, un ex prigioniero con cui Dmitry Terebilov è in corrispondenza dal 2015. Durante l'interrogatorio, si scopre che la testimonianza di Kochurov contraddice completamente le sue stesse lettere, che ha scritto al credente dal carcere.

    Come si può vedere dalle lettere di Kochurov espresse in tribunale, egli era vivamente interessato agli insegnamenti biblici, assicurò a Terebilov la sua fede in Geova Dio e il suo desiderio di servirlo. Ha anche detto a Dmitry che era contento di comunicare con lui. Tuttavia, al processo, Kochurov dichiarò che "la corrispondenza con Terebilov non gli dava alcun piacere". Il testimone non può rispondere alla domanda del credente: "Perché hai comunicato con me?" Alla domanda dell'avvocato se Terebilov abbia fatto dichiarazioni offensive su altre religioni, se abbia invitato a incitare all'odio interreligioso, alla disobbedienza alle autorità o al rifiuto di cure mediche, Kochurov risponde negativamente.

    Un'altra testimone dell'accusa dice che questa è la prima volta che sente il nome "Terebilov".

  • #
    8 febbraio 2021

    L'interrogatorio dei testimoni dell'accusa è in corso. Uno di loro afferma di non aver ascoltato le dichiarazioni e gli appelli estremisti di Dmitry Terebilov. Egli nota che il credente, al contrario, chiedeva obbedienza alle autorità. Il testimone descrive Dmitriy come "una persona piuttosto positiva e comprensiva... pronto ad aiutare gli altri senza alcun obbligo o guadagno personale". A titolo di esempio, cita due casi in cui, insieme all'imputato, ha aiutato una donna anziana e una famiglia numerosa.

    Sergey e Valeria Rayman vengono interrogati. Sergey dice: "[Dmitry] ha cambiato la sua vita in meglio e sta cercando di essere un cittadino rispettoso della legge. Ha detto che in passato la sua vita non è stata molto prospera, ma ora lo conosco bene. È un buon padre di famiglia. So che ci tengo a mio zio. [...] Aiuta gli altri quando si rivolgono a lui". Valeria Rayman descrive Dmitry Terebilov come una "persona gentile e buona" che ha aiutato la sua famiglia più di una volta.

  • #
    15 febbraio 2021

    Il testimone dell'accusa, anch'egli perquisito, parla positivamente dell'imputato: "Come persona, è buono, senza problemi, non sentirete una parolaccia".

    Il testimone dice che nessuno lo costrinse a parlare della Bibbia, lui stesso si interessò. Il teste conferma solo parzialmente la sua testimonianza resa nel corso delle indagini preliminari. Quando il giudice gli chiede quali fossero, secondo lui, le attività dell'imputato, il testimone risponde: "Vive secondo la Bibbia".

    Lui e un altro testimone affermano che Dmitrij Terebilov non ha fatto appello ad attività estremiste religiose, alla disubbidienza alle autorità, al rifiuto delle cure mediche e del servizio militare, e inoltre non ha espresso la superiorità dei testimoni di Geova sulle altre religioni.

  • #
    6 aprile 2021

    Farida Akhunzyanova, un'impiegata dell'Università statale di Kostroma, che ha effettuato un esame delle registrazioni audio delle conversazioni dei credenti, è sotto interrogatorio. Commentando le osservazioni di Dmitrij Terebilov, spiega di non aver trovato in esse parole o espressioni che indichino l'inferiorità dei cittadini che professano un'altra religione. Per quanto riguarda altri materiali che sono stati forniti per l'esame, Akhunzyanova afferma che non si riferiscono a Dmitrij Terebilov, ma all'organizzazione dei testimoni di Geova nel suo insieme.

  • #
    19 aprile 2021

    Il tribunale viene a conoscenza di prove materiali, tra cui la Bibbia nella traduzione sinodale.

  • #
    12 maggio 2021

    Interrogatorio di uno specialista nel campo della storia delle religioni, N. S. Mayorova. Afferma che le credenze religiose sono una scelta interiore e personale e che i servizi di culto celebrati congiuntamente dai testimoni di Geova sono un modo per esprimere le credenze religiose. "Nel nostro paese c'è libertà di coscienza", dice.

  • #
    18 maggio 2021

    Sergey Ivanenko, dottore in filosofia, uno studioso di religioni che da molti anni studia la dottrina dei testimoni di Geova, parla all'udienza. Parla positivamente dei seguaci di questa religione. L'organo giurisdizionale allega al fascicolo gli studi religiosi di uno specialista.

  • #
    7 giugno 2021

    La testimonianza è data dal testimone O. A. Shellova, parente di Dmitrij Terebilov, che non condivide le sue convinzioni religiose. Descrive Dmitry come una persona comprensiva, pronta ad aiutare gratuitamente. Secondo lei, l'imputato non abusa di alcol, non fuma, non usa un linguaggio osceno e ha buoni rapporti con i vicini.

    Shelling informa la corte che Terebilov ha avuto una vita difficile, è stato anche in prigione, ma poi è diventato credente ed è cambiato in meglio. Questi cambiamenti in Terebilov hanno influenzato anche la vita di suo zio, che fino al 2013 viveva con un parente che lo maltrattava e lo picchiava regolarmente. Dopo averlo saputo, Dmitry Terebilov ha portato da sé suo zio, ora non sta più morendo di fame e sembra ben curato. Vivendo con suo nipote e sua moglie, ha smesso di fumare. Obolochkova definisce Terebilov "un vero cristiano".

  • #
    22 luglio 2021

    Iniziano le memorie giudiziarie. Nel suo discorso, il procuratore fa riferimento al fatto che Dmitry Terebilov è stato precedentemente condannato. Pertanto, l'accusa chiede che il suo "nuovo crimine" sia riconosciuto come recidiva, che consiste nel fatto che dopo il divieto di persone giuridiche dei testimoni di Geova in Russia, non ha cambiato le sue opinioni religiose. Allo stesso tempo, il procuratore ammette: "Nessuno ha proibito a Terebilov di esercitare i suoi diritti alla libertà di coscienza e di religione dei testimoni di Geova".

    L'accusa chiede la punizione per Terebilov: 5 anni di reclusione in una colonia a regime rigoroso e 1 anno di restrizione della libertà.

  • #
    23 luglio 2021

    Il dibattito dell'avvocato dell'imputato. Fa un'analisi dettagliata delle accuse, sottolineando l'inconsistenza della base di prove, comprese le violazioni commesse durante le indagini sul caso penale.

  • #
    28 luglio 2021 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    Dmitry Terebilov ha preso la parola nel dibattito. Richiama l'attenzione sulla partecipazione di esperti e testimoni dubbi nel caso, sull'uso di informazioni consapevolmente false nei materiali. Così, egli fa notare che Farida Akhunzyanova nel suo esame ha considerato il famoso studioso religioso Sergey Ivanenko come testimone di Geova solo perché cita la Bibbia nel suo libro.

    Terebilov afferma che le prove materiali del caso sono soggette a distruzione, mentre tra queste ci sono 10 copie della Bibbia in una traduzione che non è vietata sul territorio della Federazione Russa. Il credente paragona questo fatto a ciò che accadde durante l'Inquisizione medievale.

    Dmitriy Terebilov dice: "La violenza è incompatibile con i canoni religiosi secondo i quali vivo. Fu grazie a ciò che era scritto nella Bibbia che iniziai a cambiare in meglio la mia vita e a liberarmi delle cattive abitudini (fumo, turpiloquio, uso di droghe). Ho una famiglia, che apprezzo molto, quindi l'accusa di minare i rapporti familiari suona ... ridicolo e infondato". Il credente chiede alla corte: "Perché dovrei smettere di praticare la mia religione? Perché dovrei smettere di frequentare i miei compagni di fede? Perché dovrei smettere di leggere la Bibbia, di pregare, di parlare agli altri di Dio? [...] E perché dovrei andare in una colonia per 5 anni per questo?"

    Il procuratore chiede alla corte di essere critica nei confronti della testimonianza dello studioso religioso Sergei Ivanenko, a cui si riferisce Tereblov. L'accusa lo motiva solo con il fatto che le informazioni su questo specialista possono essere trovate sul sito web dei Testimoni di Geova, che è vietato nel territorio della Federazione Russa.

  • #
    30 agosto 2021
  • #
    6 settembre 2021 Sentenza di primo grado

    Il giudice Ekaterina Molodova condanna Dmitry Terebilov. Il credente è stato condannato a 3 anni di reclusione in una colonia a regime rigido.

    Dmitry viene preso in custodia e collocato nel centro di detenzione preventiva n. 1 del Servizio penitenziario federale della Russia nella regione di Kostroma. Sa scrivere lettere.

  • #
    17 dicembre 2021

    L'avvocato fa visita a Dmitry Terebilov nel centro di detenzione preventiva. Il credente è tenuto in isolamento. Dopo l'annuncio del verdetto, le sue celle sono state cambiate più volte. Li lava accuratamente e poi li mantiene puliti e ordinati. La finestra di una delle celle non si chiudeva bene, il che rendeva la stanza fredda. Su richiesta del credente, il personale del centro di detenzione preventiva ha riparato la finestra.

    Terebilov ha la sua copia della Bibbia. Il credente legge molto, usando la biblioteca locale.

    Dmitry ha l'opportunità di chiamare e scrivere regolarmente a sua moglie, due volte al mese viene dato loro un appuntamento. Inoltre, è sostenuto da compagni di fede: donano prodotti e inviano lettere di sostegno - negli ultimi 3 mesi ha ricevuto 1400 lettere da 47 paesi del mondo.

  • #
    12 gennaio 2022 Corte d'Appello

    Nella sala riunioni sono ammesse 19 persone, tra cui il padre del credente, venuto a sostenere Dmitrij Terebilov.

    Il tribunale regionale di Kostroma respinge il ricorso. Il verdetto entra in vigore.

  • #
    16 febbraio 2022 L'ergastolo

    Si sa che Dmitrij Terebilov è stato rinchiuso nella Colonia Correzionale n. 1 nella regione di Kostroma. Questa è una colonia a regime rigido, quindi pacchi o pacchi non dovrebbero essere inviati al credente. Sa scrivere lettere.

  • #
    22 settembre 2022
  • #
    20 aprile 2023
  • #
    1 giugno 2023 L'ergastolo Trasferimento di un prigioniero

    Si scopre che dalla fine di maggio 2023, Dmitry si trova nel centro di detenzione preventiva n. 1 di Kostroma per partecipare alle azioni investigative nel suo nuovo caso penale.

  • #
    5 luglio 2023 L'ergastolo Trasferimento di un prigioniero

    Il credente ritorna al suo precedente luogo in cui stava scontando la sua pena, nella colonia correzionale n. 1 nella regione di Kostroma. Sa scrivere lettere. Pacchi e pacchi non devono essere spediti

  • #
    16 agosto 2023 L'ergastolo

    La moglie di Dmitrij Terebilov riferisce che da qualche tempo non gli vengono date lettere contenenti il nome dell'Iddio Geova, anche se non ne è proibito l'uso e si può trovare in famose opere letterarie.

  • #
    14 novembre 2023 L'ergastolo Lamentele Difensori dei diritti umani Lettere

    Le condizioni di detenzione nella colonia sono soddisfacenti. Dmitrij ha una Bibbia, oltre alla possibilità di comunicare regolarmente con sua moglie al telefono e ricevere lettere di sostegno.

    Il credente lavora come custode e tuttofare. Questo gli permette di fare la spesa nel negozio della colonia.

  • #
    18 dicembre 2023 L'ergastolo Lettere Lamentele

    Dmitriy Terebilov presenta un reclamo amministrativo al tribunale distrettuale di Sverdlovsk contro la risposta scritta del capo della colonia. In essa l'amministrazione informava Dmitri del divieto di usare il nome di Dio nelle lettere e di professare la religione dei testimoni di Geova nella colonia.

    Nella sua dichiarazione di rivendicazione, il credente dice: "Interpreto l'ordine del Comitato d'Inchiesta stabilito nella lettera contestata secondo cui 'è proibito professare la religione dei Testimoni di Geova' come un divieto diretto di esercitare il diritto garantito dall'articolo 28 della Costituzione della Federazione Russa. Per essermi rivolto a Dio in preghiera, per aver letto la Bibbia, per aver parlato ad altri delle mie convinzioni, posso essere soggetto a sanzioni disciplinari, anche se tali azioni sono assolutamente normali per i rappresentanti di altre religioni e non c'è nulla di illegale in esse. La posizione eccessivamente ampia dell'imputato amministrativo, espressa nella lettera, è priva di certezze e porta all'arbitrarietà e all'abuso di potere". Dmitriy chiede alla corte di riconoscere la risposta dell'amministrazione della colonia come illegale e di eliminare la violazione dei suoi diritti e delle sue libertà.

  • #
    16 gennaio 2024 L'ergastolo

    Il tribunale distrettuale di Sverdlovsk rifiuta di soddisfare la richiesta di Terebilov. Sebbene il giudice Olga Telezhkina, con la sua decisione, proibisca al credente di chiamare Dio per nome e di comunicare con altri detenuti su argomenti biblici, la corte ritiene che "la risposta contestata non impedisca al querelante di aderire alla fede che ha scelto".