Il caso Zimovsky e altri a Georgievsk

Breve storia del caso

Alla fine del 2019 i testimoni di Geova sono stati perquisiti a Georgievsk. Il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Viktor Zimovskiy, così come i coniugi Anatoly e Irina Gezik, di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista e di avervi partecipato. L’investigatore considerava un crimine leggere la Bibbia insieme e pregare insieme. Viktor Zimovskiy è padre di tre figli minorenni, dopo un intervento chirurgico al cuore è in invalidità. Nonostante ciò, il tribunale lo ha messo in un centro di detenzione preventiva per 2 mesi. L’esame del procedimento penale in tribunale si è svolto da febbraio a ottobre 2022. Di conseguenza, Viktor Zimovskiy è stato condannato a 6 anni e 2 mesi in una colonia penale, Anatoliy Gezik è stato condannato a 4 anni e 2 mesi di lavori forzati e Irina Gezik ha ricevuto 4 anni e 2 mesi di libertà vigilata. L’appello ha sostituito la pena nella colonia e il lavoro forzato con la sospensione condizionale della pena.

  • #
    23 ottobre 2019

    La polizia sta conducendo raid in tre case di residenti di Georgievsk. I padroni di casa e gli ospiti vengono interrogati sulla loro religione e sugli incontri con i compagni di fede, e i loro dispositivi elettronici vengono confiscati. Ai residenti vengono lanciate chiavette USB.

    Durante le ricerche, Viktor Zimovskiy, 50 anni, padre di due bambini piccoli, si ammala. Victor è un pensionato disabile, qualche tempo fa ha subito un grave intervento chirurgico al cuore. Tuttavia, lui e altre 10 persone vengono portati via per essere interrogati e poi rilasciati.

  • #
    30 dicembre 2019

    L'investigatore senior del Dipartimento investigativo per Georgievsk del Comitato investigativo della Federazione Russa per Stavropol Ostya A.M. avvia un procedimento penale in base a due articoli "estremisti". L'investigatore sospetta Viktor Zimovskiy di aver organizzato riunioni dei Testimoni di Geova, interpretandole come una continuazione delle attività di una cellula estremista (parte 1 dell'articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa). Inoltre, gli imputati nel caso sono una coppia sposata, Anatoly e Irina Gezik.

  • #
    17 gennaio 2020

    In una delle scuole di Georgievsk le forze di sicurezza interrogano un alunno di prima media sui testimoni di Geova. L'interrogatorio viene ripetuto anche il 21 gennaio.

  • #
    23 gennaio 2020

    L'investigatore convoca Viktor Zimovskiy per un interrogatorio e lo arresta immediatamente. Zimovsky è stato inviato al centro di detenzione temporanea del dipartimento del Ministero degli Affari Interni della Russia nel distretto urbano di Georgievsk.

  • #
    24 gennaio 2020

    Il tribunale della città di Georgievsk arresta Viktor Zimovskiy per 1 mese e 6 giorni. La difesa non è d'accordo con la decisione.

    Si scopre che l'accusa di estremismo si basa su un filmato che è stato tenuto segretamente in uno degli appartamenti mentre i credenti discutevano insieme della Bibbia, cantavano canzoni e pregavano.

  • #
    26 febbraio 2020

    La sessione del tribunale della città di Georgievsk, presieduta da Nina Anashkina, inizia con due ore di ritardo. Solo poche persone di circa 150 amici, conoscenti e persone semplicemente premurose sono ammesse nella sala riunioni - non solo la gente del posto, ma anche coloro che sono venuti a sostenere il credente da Essentuki, Mineralnye Vody, Nezlobnaya, Novopavlovsk, Makhachkala e Voronezh.

    La difesa di Viktor accusa l'investigatore di aver ritardato irragionevolmente la risposta alla richiesta di una visita medica e di aver svolto in modo improprio le funzioni in generale. Quindi, i testimoni del caso non sono ancora stati interrogati.

    L'investigatore chiede una proroga della detenzione di Viktor Zimovskiy, sostenendo che potrebbe fuggire. A conferma di ciò, egli fornisce un certo "rapporto dell'operatore", che non ha i timbri necessari che attestano l'autenticità del documento.

    Il giudice Anashkina accoglie la richiesta dell'investigatore e lascia il credente nel centro di detenzione preventiva fino al 30 marzo. In precedenza, lo stesso giudice aveva preso in custodia Zimovsky. Gli avvocati hanno presentato una petizione per la ricusazione di Anashkina, ma la petizione è stata respinta.

  • #
    23 marzo 2020

    Dopo due mesi esatti di detenzione nel centro di detenzione preventiva, Viktor Zimovskiy potrà tornare a casa: questa decisione viene presa dalla corte d'appello. Il procedimento penale contro Viktor non si ferma, ora sarà agli arresti domiciliari.

  • #
    6 maggio 2020

    Dopo un mese e mezzo di arresti domiciliari, l'investigatore ha cambiato la misura della contenzione in Viktor Zimovsky per sua stessa ammissione. Il credente spera che ora sarà in grado di lavorare, prendersi cura pienamente della sua famiglia, salutare e incontrare sua moglie con la figlia appena nata dall'ospedale.

  • #
    6 ottobre 2021

    Ostya A.M., investigatore senior del dipartimento investigativo di Georgievsk del Comitato investigativo di Stavropol della Federazione Russa, informa Viktor Zimovskiy che la misura preventiva scelta nei suoi confronti sotto forma di riconoscimento di non partire e comportamento corretto è annullata a causa della sospensione dell'indagine preliminare il 7 maggio 2021.

    Il credente ha trascorso quasi un anno e mezzo sotto la consapevolezza di non andarsene.

  • #
    15 febbraio 2022

    Il procedimento penale viene sottoposto all'esame del tribunale della città di Georgievsk, nel territorio di Stavropol. È nominato dal giudice Nina Anashkina.

  • #
    29 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Circa 30 persone si radunano fuori dal tribunale per sostenere i fedeli. Poiché l'udienza si svolge a porte chiuse, non sono ammessi in aula. Viktor Zimovskiy parla con il suo atteggiamento nei confronti dell'accusa.

    Il pubblico ministero convoca per interrogare una donna che si considera una vittima. Quando la difesa inizia a fare domande, l'interrogatorio viene interrotto e l'udienza viene rinviata al 14 aprile.

  • #
    14 aprile 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Circa 40 persone si recano in tribunale per sostenere i fedeli.

    L'interrogatorio di Lyubov Gezik continua. Fondamentalmente, parla di ciò che accadeva alle riunioni di culto e menziona gli insegnamenti fondamentali delle Sacre Scritture.

    Il giudice Nina Anashkina chiede alla vittima se Viktor Zimovsky abbia chiesto il rovesciamento dell'ordine costituzionale del paese, azioni illegali, la rottura delle relazioni familiari, se abbia parlato della superiorità della sua religione sulle altre. La donna risponde negativamente a tutte le domande. Poi il giudice chiede quali azioni estremiste l'imputato abbia richiesto, Lyubov spiega che Viktor ha detto che, secondo la Bibbia, i cristiani non dovrebbero trasfondere il sangue donato e prendere le armi. Il giudice pone di nuovo alla vittima la domanda: "Che cos'è l'estremismo qui?"

    La difesa esprime sconcerto per le accuse mosse contro i credenti.

  • #
    4 maggio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    In un'udienza a porte chiuse, la testimone dell'accusa, Anna Manakova, figlia di Anatoly Gezik, viene interrogata. Esprime rimostranze personali ai suoi genitori. Il pubblico ministero e il giudice non danno all'avvocato la possibilità di interrogare Anna. Si ha l'impressione che il tribunale stia chiarendo i rapporti familiari.

  • #
    19 maggio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Un testimone, l'insegnante della figlia minore di Anatoly Gezik, Lyubov Gezik, è stato interrogato in un'udienza a porte chiuse. Il pubblico ministero pone all'insegnante domande sulla famiglia dell'imputato. Il testimone dà una valutazione positiva ad Anatoliy e Irina Gezik.

  • #
    8 giugno 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    I testimoni dell'accusa non compaiono in aula.

    Il giudice viene a conoscenza dei materiali del caso. Il pubblico ministero richiama l'attenzione del giudice su quanto sequestrato durante le perquisizioni, nonché sui risultati dell'esame. L'avvocato osserva che gli esperti che hanno tratto la conclusione non hanno un'educazione religiosa e documenti scientifici.

  • #
    1 agosto 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il testimone dell'accusa Andrey Kuznetsov è stato interrogato in videoconferenza a causa della sua malattia durante l'udienza. Durante la sua testimonianza, si scopre che ha disturbi mentali, e dietro le quinte qualcuno gli dice le risposte alle domande del giudice e del pubblico ministero. Quando gli è stato chiesto se il testimone conoscesse gli imputati, ha risposto negativamente. Il testimone dell'accusa non può rispondere alle domande dell'avvocato. L'avvocato afferma che la testimonianza di un malato di mente non può essere allegata al caso, ma il giudice la accetta comunque.

  • #
    17 agosto 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Interrogatorio dei testimoni della difesa. 5 ascoltatori sono stati ammessi in aula. Uno dei testimoni, che non condivide le convinzioni degli imputati, parla positivamente della loro religione. Dice: "Se una persona ha smesso di fumare, ha abusato di alcol, ha trovato un senso nella vita, ha una famiglia meravigliosa, dei figli, lavora sodo, allora ha una buona religione".

  • #
    8 settembre 2022

    A causa delle restrizioni covid, gli ascoltatori non sono ammessi in aula. All'udienza prosegue l'interrogatorio di cinque testimoni della difesa, tra cui la moglie di Zimovski, che dà al marito una caratterizzazione positiva.

  • #
    22 settembre 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    3 ascoltatori e 2 testimoni della difesa, che sono vicini di casa degli imputati, sono ammessi in aula. Danno una descrizione positiva dei credenti, parlano delle loro famiglie e delle loro qualità personali. Secondo loro, non hanno notato alcuna stranezza nel loro comportamento.

  • #
    26 ottobre 2022 Il pubblico ministero ha chiesto la punizione

    Il pubblico ministero chiede a Viktor Zimovskiy e Anatoliy Gezik rispettivamente 5 e 5,5 anni in una colonia a regime rigoroso, e a Irina Gezik 5,5 anni in una colonia a regime generale. Probabilmente, il procuratore ha richiesto per errore un regime rigoroso, dal momento che i cittadini condannati per un reato grave per la prima volta devono scontare la pena nelle colonie del regime generale.

  • #
    14 novembre 2022
  • #
    17 novembre 2022 Centro di detenzione

    Si sa che dopo il verdetto, Viktor Zimovskiy è stato portato al centro di detenzione preventiva n. 2 nella città di Pyatigorsk. Può ricevere lettere di sostegno.

  • #
    22 novembre 2022

    L'avvocato fa visita a Viktor Zimovskiy nel centro di detenzione preventiva. Il credente dice di non aver ancora ricevuto lettere di sostegno.

    Victor è detenuto in una cella da 6 letti insieme a 4 prigionieri. Nessuno di loro fuma, cosa di cui Victor è molto felice. Il credente ha una Bibbia. Ha tutte le medicine, le prende come prescritto costantemente, quindi si sente bene.

  • #
    1 marzo 2023